PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Il petrolio vola sopra i 70 dollari al barile

Il petrolio vola sopra i 70 dollari al barile

Salva
Salva
Condividi
Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani

08 Marzo 2021
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Negli ultimi mesi si è assistito a una rimonta epocale del Wti – ad aprile aveva toccato i – 37 dollari al barile – registrando un movimento di oltre 100 dollari

  • Domenica dei droni Houthi hanno colpito il sito petrolifero di Ras Tanura. Non hanno provocato danni ma hanno riacceso i timori sula stabilità degli approvvigionamenti dal golfo Persico

  • Secondo Alberto De Casa crescita economica, ritorno dell’inflazione, tagli alla produzione sono tre driver che possono innescare ulteriori rialzi rispetto ad un prezzo che comunque è già alto

Lunedì il prezzo del petrolio ha sorpassato i 70 dollari al barile: gli investitori guardano alla ripresa, ma i mercati potrebbero averla già scontata

Domenica mattina a Ras Tanura, uno dei più grandi porti di spedizione petrolifera del mondo, dei droni provenienti dal mare hanno attaccato un serbatoio di stoccaggio del petrolio. Poche ore più tardi, schegge di un missile balistico sono cadute a Dhahran, dove ha sede la compagnia petrolifera statale Saudi Aramco. Gli effetti dell’attacco all’oro nero dell’Arabia Saudita non si sono fatti attendere. Il prezzo del petrolio è balzato sopra i 70 dollari al barile per la prima volta in 14 mesi.

Il Brent, il benchmark internazionale, è salito fino al 2,9% a 71,38 dollari al barile lunedì mattina in Asia, mentre il West Texas Intermediate, il benchmark statunitense, è salito di un importo simile fino a un massimo di 67,98 dollari al barile. Il tutto senza che vi siano state effettivi danni agli impianti produttivi né tantomeno perdite di vite umane, come affermato dal ministero dell’Energia dell’Arabia Saudita. L’attacco rivendicato dai combattenti yeminiti Houthi alleati dell’Iran ha messo tuttavia sull’allerta i commercianti di un nuovo rischio per la “sicurezza e stabilità” delle forniture globali. “Le minacce geopolitiche all’offerta aggiungeranno un premio al prezzo” sostiene Sen Amrita Sen di Energy Aspects, intervistato dal Financial Times.

L’effetto positivo sui mercati non è durato molto, con il petrolio che dopo l’apertura a 71 dollari ha perso il 3%. Tuttavia, a detta di Carlo Alberto de Casa, capo analista di Active Trades, ci sono diversi motivi, che esulano dalla questione geopolitica, che fanno sperare in un petrolio ancora al rialzo. Il primo e più importante è la ripresa economica. “Sui mercati c’è un grande ottimismo: non si compra sulla domanda di questo trimestre ma sulle aspettative di vaccini efficaci e dunque di crescita economica”. Nel mentre le banche centrali continuano ad offrire il loro supporto e la liquidità nel sistema abbonda. “Crescita e liquidità potrebbe scaturire in aumento generalizzato dei prezzi, e dunque anche del petrolio. Ma potrebbe anche essere quest’ultimo e le altre materie prime, che per via di una domanda in ascesa, comporti la giusta inflazione per stimolare la crescita”. Infine, da non trascurare il lato dell’offerta. “L’Opec ha confermato il taglio alla produzione di circa 7 milioni di barili anche per aprile. A ciò si aggiunge il taglio di un milione deciso autonomamente dall’Arabia Saudita”. Offerta ancorata, e domanda in crescita fan dunque ben sperare, ma l’eccessivo ottimismo è spesso pericoloso. “I fondamentali sono buoni ma non tali da giustificare un prezzo del petrolio più alto del 15% rispetto ai livelli pre-crisi” conclude De Casa che sottolinea che una pausa di consolidamento farebbe bene al mercato.

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Outlook e PrevisioniPetrolio