PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Hong Kong, hedge fund pronti a fuggire per la nuova legge

Hong Kong, hedge fund pronti a fuggire per la nuova legge

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

09 Giugno 2020
Tempo di lettura: 5 min
Tempo di lettura: 5 min
Salva

“La Hong Kong che conoscevamo non esiste più” dicono i gestori degli hedge fund, dichiarando anche “la morte dello stato di diritto”. E intanto, guardano a Singapore

Hedge fund, lo scettro passerà a Singapore

Gli hedge fund di Hong Kong si preparano a fuggire dalla città non appena la controversa legge cinese sulla “sicurezza nazionale” sarà tale. Non certo una rosea prospettiva per quello che era considerato il modello di “uno Stato, due sistemi”, e che alcuni vedevano come esempio di democratizzazione per la Cina.

Hong Kong infatti è (era) la principale destinazione in Asia per gli hedge fund. I fondi basati nella città sono più di 420, per un totale di masse in gestione superiore ai 91 miliardi di dollari (dati Eurekahedge). Una cifra superiore a quella gestita da Singapore, Giappone e Australia messi insieme.

Non sorprende dunque che gestori e trader dell’ex colonia britannica sono sempre più preoccupati in merito a quello che succederà una volta che il piano approvato dall’assemblea nazionale cinese diventerà legge. Nel mirino della nuova normativa vi sono non solo le istanze libertarie del “porto profumato” (significato di Hong Kong), ma anche le “interferenze straniere”. Un brutto colpo per quello che era l’avamposto nel nuovo ricco, estremo oriente, della finanza internazionale. Xi Jinping sta facendo sul serio, e gli asset manager hanno riposto le speranze.

Il versante europeo

Intanto, l’alto rappresentante dell’Ue per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, in conferenza stampa al termine dello ‘Eu Strategic Dialogue with China‘ non ha usato mezzi termini. “Siamo stati molto chiari sul fatto che l’imposizione da parte di Pechino della legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong compromette la sua autonomia e pone problemi a livello politico ed economico”. Il ministro degli esteri cinese ha però ribadito la posizione della Cina. Ha insistito infatti sul fatto che “dal loro punto di vista [la nuova legge] non mette in pericolo il principio ‘un Paese, due sistemi’. Anzi, “è un modo per aumentare la sicurezza a Hong Kong, una legge che il parlamento della città avrebbe dovuto approvare molti anni fa”.

Il pessimismo serpeggia fra i gestori. Ma gli hedge hanno l’asso nella manica

I gestori però non si fanno illusioni. “Hong Kong come la conoscevamo è morta”, dice – in forma rigorosamente anonima – un consulente che lavora nel mondo degli hedge fund al Financial Times. L’ex colonia britannica “non sarà che una delle tante città cinesi”. Come osservato dagli esperti, gli hedge fund guardano a Singapore come alternativa. Al momento, la città-Stato del sud est asiatico conta 80 hedge fund in meno dell’ex colonia britannica. Ma non occorrerà molto perché il divario si colmi. L’attrattività finanziaria della città portuale cinese è compromessa per sempre. “Perché mai adesso ci si dovrebbe stabilire ad Hong Kong”, dice un’altra voce dell’industria.

Il primo ostacolo che i gestori hedge temono è l’opacità informativa, il controllo ai movimenti di capitali, al pari di quelli riscontrati nelle altre città del Paese di Mezzo. Ma anche il prossimo “spegnimento” di social media come Facebook e Whatsapp, l’accesso controllato a internet. Un ultimo (ma non ultimo) timore fa rabbrividire le persone della finanza: le persecuzioni arbitrarie. Peter Kennan, fondatore di Black Crane Capital, parla di “fine dello stato di diritto”. Fra i trader ci sono invece fondati timori per una vera e propria “azione persecutoria”, a prescindere che si faccia parte degli attivisti o meno.

Una fonte, in particolare, ritiene che Pechino metterà in atto misure vessatorie contro i venditori allo scoperto, per esempio. “I regolatori del governo centrale sono noti per prendersela con le istituzioni finanziarie, quando i mercati vanno male”. Gli analisti di Eurekahedge fanno sapere che i gestori stanno discutendo con gli investitori della situazione in corso. Ma i più scelgono per il momento di attendere il varo ufficiale della legge, prima di intraprendere azioni concrete. Del resto, “per gli hedge fund è facile spostarsi, non devono mica smantellare grattacieli come Hsbc”. La frecciatina di un gestore hedge di lunga data è per Hsbc, che ha (con Standard Chartered…) pubblicamente dato il suo supporto alla legge cinese sulla sicurezza nazionale.

Bene ancora la Borsa

Intanto, la borsa di Hong Kong ha chiuso le contrattazioni di martedì 9 giugno in rialzo dell’1,1% a 25.057,22 punti. A trainarle, la solida performance dei titoli del settore immobiliare e dei prodotti di consumo. In particolare, Wharf Reic e Link Reit (real estate) sono rimbalzate rispettivamente del 5,7% e del 3,6%. Tra i beni di consumo, molto bene China Mengniu Dairy con un +5,5% grazie a ricavi superiori alle attese nel secondo trimestre. Geely Auto infine ha guadagnato il 3,9% mentre il produttore di carne Wh Group è salito del 3,6%.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Outlook e Previsioni Cina