PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

A cura di Peter Becker, Investment Director di Capital Group

A cura di Peter Becker, Investment Director di Capital Group

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

21 Febbraio 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Lo stimolo fiscale è destinato principalmente alle infrastrutture (quindi ha un impatto limitato sull’inflazione), e il settore corporate probabilmente accantonerà la maggior parte della liquidità

  • Anche il mercato risulta essere non convinto dallo stimolo fiscale messo in campo dal governo giapponese

     

Peter Becker, Investment Director di Capital Group reputa lo stimolo fiscale messo in campo dal Giappone deludente. Poco impattante sulla crescita

“Lo stimolo fiscale messo in campo dal Giappone è deludente. Misure di questo tipo dovrebbero contribuire ad accelerare la crescita, tuttavia le dimensioni e il mix delle componenti di spesa diretta suggeriscono che l’impatto sarà modesto e non sufficiente a portare ad un periodo prolungato di reflazione o ad un’ulteriore debolezza dello yen” tuona Peter Becker, Investment Director di Capital Group.

Lo stimolo è infatti destinato principalmente alle infrastrutture (quindi ha un impatto limitato sull’inflazione), e il settore corporate probabilmente accantonerà la maggior parte della liquidità derivante da queste misure. Il desiderio della Bank of Japan di rendere più ripida la curva continua a non realizzarsi.

L’inflazione rimane ostinatamente bassa. E il mercato risulta essere non convinto dallo stimolo fiscale. Anche le compensazioni per bilanciare l’aumento dell’Iva, che ha avuto effetto il 1° ottobre 2019, sono disinflazionistiche, poiché i prezzi dell’istruzione sono stati ridotti per attutire l’impatto degli aumenti fiscali. Inoltre, – spiega Becker- la parte anteriore della curva si è spostata verso l’alto più velocemente rispetto alla parte più lunga, in quanto gli investitori hanno scontato la possibilità di ulteriori tagli dei tassi di interesse. Riteniamo che tali tagli manchino di efficacia”. Spingere i tassi in territorio ancor più negativo non si traduce in un abbassamento dei tassi dei prestiti, anzi, può danneggiare il settore finanziario.

Lo yen è poco costoso in termini di valutazioni, ed è sostenuto dagli investitori giapponesi che continuano a guardare verso l’esterno in cerca di attività a più alto rendimento. Se il sentiment del rischio globale rimane solido, i flussi in uscita impediranno probabilmente un significativo apprezzamento dello yen. Tuttavia, in un evento risk-off, la valuta potrebbe rafforzarsi materialmente.

Visti i rendimenti bassi o addirittura negativi in gran parte dell’universo obbligazionario dei mercati sviluppati, vale la pena guardare oltre i G3. Le obbligazioni sovrane asiatiche stanno progressivamente diventando una parte più significativa dell’universo obbligazionario globale: il peso dell’Asia ex Giappone nel Bloomberg- Barclays Global Treasury Index investment grade è di circa il 6,5% e comprende sette mercati. Tradizionalmente, la Corea del Sud è stata la componente più importante di questo sottoindice regionale. I cambiamenti nei rendimenti delle obbligazioni coreane sono stati storicamente abbastanza correlati con i movimenti dei rendimenti dei Treasury – e le obbligazioni coreane vengono ora scambiate a rendimenti più bassi rispetto agli Stati Uniti. Spiega Becker.

Tuttavia, in un significativo sviluppo del mercato, Bloomberg ha aggiunto le obbligazioni cinesi onshore ai suoi indici nel secondo trimestre del 2019. Per quanto il peso della Cina sia attualmente pari a circa il 2,5% dell’indice globale, questo aumenterà progressivamente nel corso del 2020 fino a raggiungere un valore intorno al 6%.

I rendimenti obbligazionari statunitensi sono aumentati nel quarto trimestre del 2019, rimanendo tuttavia inferiori di oltre l’1% rispetto ai rendimenti dei titoli decennali cinesi e malesi. “Anche durante il rally dei Treasury del 2019 si è registrata una risposta più moderata in questi due mercati obbligazionari asiatici locali. Empiricamente si possono vedere i potenziali benefici di diversificazione derivanti dagli investimenti in questi due mercati, dato che non ricalcano i movimenti dei rendimenti dell’obbligazionario statunitense” precisa Becker.

Una crescita globale modesta ma positiva, in particolare per il settore manifatturiero e il commercio, dovrebbe essere ampiamente favorevole alle prospettive di questi due mercati obbligazionari asiatici. Dato che la ricerca di rendimento da parte degli investitori continua, questi mercati dovrebbero trarne vantaggio. In termini di posizionamento, entrambi i mercati sono generalmente sottoinvestiti dagli investitori stranieri – fornendo potenzialmente un ulteriore contesto tecnico positivo.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Outlook e Previsioni Capital Group