PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Europa centro orientale non sente crisi

Europa centro orientale non sente crisi

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

26 Agosto 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • L’Europa centro orientale non sente crisi per tre motivi: mercato del lavoro solido, inflazione prezzi al consumo e le politiche delle banche centrali

  • La crescita trascinata anche dall’ottimismo dei salari ha reso immuni i paesi dell’Europa centro orientale dalla crisi

A differenza di quanto sta succedendo ai paesi dell’Ue, nell’Europa centro orientale la crisi non è di casa e a parlare sono i numeri

I paesi dell’Europa centro-orientale hanno tassi di crescita robusti e sembrano non accorgersi del rallentamento economico che sta colpendo l’Europa. Questa differenza secondo Nikolay Markov, Senior Economist di Pictet Asset Management è da attribuire a tre diversi fattori.

  1. Mercato del lavoro solido

Le condizioni del mercato del lavoro molto solide, con tassi di disoccupazione a livelli minimi stanno alimentando la spesa al consumo. Questo ha come conseguenza una forte crescita dei salari nominali in tutti quanti i Paesi Cee4: dal 7,1% della Repubblica Ceca al 21,6% della Romania – in forte contrasto con il 2,4% dell’eurozona.

  1. Dai salari all’inflazione dei prezzi al consumo

Anche la seconda parte del canale di trasmissione, dai salari all’inflazione dei prezzi al consumo, si è materializzata nei Paesi Cee4, diversamente da quanto successo nell’eurozona. Entrambi i tassi di inflazione primaria e core sono saliti.

  1. Banche centrali

Con più pressioni inflazionistiche, si prevede che le banche centrali metteranno in campo ulteriori misure per contenere l’inflazione. “Tuttavia, finora – chiarische Markov, questo è stato il tassello mancante del puzzle, ad eccezione della Repubblica Ceca e, entro certi limiti, della Romania”. (L’esempio più preoccupante è la Romania, in cui l’inflazione è salita oltre la fascia obiettivo dopo che la banca centrale ha avviato il percorso di normalizzazione della politica monetaria lo scorso anno, ma ha poi fermato il programma di restringimento monetario).

Questo porta alla conclusione che la crescita trainata dai salari dei Paesi Cee4 li ha ampiamente immunizzati nei confronti del rallentamento dell’eurozona. Riteniamo che ciò offra opportunità di investimento, soprattutto sul fronte azionario (si veda la sezione successiva).

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Outlook e Previsioni Pictet