PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Consulentia, le asset class che non ti aspetti

Consulentia, le asset class che non ti aspetti

Salva
Salva
Condividi
Livia Caivano
Livia Caivano

01 Ottobre 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Andrea Boggio, Jupiter AM: “Teniamo le orecchie tese”

  • Nicola Mutinelli, M&G Investments: “Se guardiamo ai dati reali non c’è da essere pessimisti”

  • Giovanni De Mare, AllianceBernstein: “Le asset class devono essere alternative”

Tassi bassi, guerre commerciali, Brexit. Il mondo del risparmio oggi affronta sfide sempre più difficili. Come investire? Provano a rispondere M&G, Jupiter e AllianceBernstein, dal palco di Consulentia

Politiche monetarie espansive e screzi diplomatici disturbano i sogni degli asset manager, ma una soluzione c’è, e va cercata nelle asset class alternative. Ma anche Warren Buffet ha ancora qualcosa da insegnare.

Da molti (troppi?) anni i mercati finanziari pendono dalle labbra delle banche centrali. Nel Regno Unito le sedute del Parlamento sono più avvincenti di molte produzioni Netflix. A Hong Kong le rivolte bloccano gli scambi ormai da mesi. Cosa sta succedendo nel mondo e come si regolano di conseguenza gli asset manager? Dal palco bolognese di Consulentia, i protagonisti hanno provato a rispondere.

I protagonisti di Consulentia

É preoccupato Andrea Boggio, deputy head of Continental Europen Sales e head of Italy di  Jupiter AM: “Ci si domanda quali siano gli indicatori da monitorare: la settimana scorsa negli Stati Uniti i tassi a brevissimo termine sono aumentati del 10%. Tecnicamente – precisa Boggio – sappiamo che la ragione è la scarsità di liquidità, ma non possiamo ignorare il fatto che nel 2008 prima della grande crisi è successa la stessa cosa. Teniamo le orecchie tese”. Nicola Mutinelli, sales director e head of advisory client di M&G Investments è più positivo: alcune notizie destano clamore ma non hanno poi un vero impatto sulla finanza. “I rumor sulla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, Brexit, Hong Kong, creano un clima di sfiducia sui mercati. Il taglio dei tassi da parte delle banche centrali cambiano la remuneratività delle asset class tradizionali e il ritorno dell’oro come bene rifugio. Ma se guardiamo ai dati reali – insiste Mutinelli – non c’è da essere pessimisti. In Europa anche se in rallentamento, c’è crescita; la disoccupazione è ai minimi degli ultimi 10 anni; l’inflazione è bassa ma i salari crescono. Il rischio più grosso arriva dai tassi troppo bassi ma dobbiamo sottolineare che la parte azionaria ha buone valutazioni e il premio al rischio è soddisfacente”.

Rimane però il problema volatilità. Secondo il director Italy sales di AllianceBernstein Giovanni De Mare, distributori e intermediari devono lavorare su due fronti. “Lato cliente, è necessario il lavoro della consulenza in fatto di finanza comportamentale. Ma serve anche impegno sul campo tecnico, di asset managers e costruttori di portafoglio”. Le strategie, prosegue De Mare, devono essere alternative, “ comunque non tradizionali. Oppure bisogna puntare sui sistemi più classici, modello Warren Buffet. Si cerca di puntare su aziende che hanno una crescita degli utili non ciclica, che siano stabili, a più bassa leva finanziaria”.

 

Livia Caivano
Livia Caivano
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.