PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Come difendere il portafoglio nell’attuale scenario economico

10 Gennaio 2019 · Maddalena Liccione · 3 min

  • Occorre dedicare molta attenzione ai segnali che emergeranno dai prossimi indicatori macroeconomici

  • C’è un’elevata probabilità che si verifichino scenari avversi anche nel 2019

La risposta più ovvia parrebbe orientare le scelte di allocazione verso i classici beni rifugio o quegli asset che tipicamente mostrano performance positive anche in fasi di mercato avverse. La proposta di Andrea Pastorelli, ad di 8a+ Sgr, per investire nel 2019

Come difendere il portafoglio nell’attuale scenario economico? “La risposta più ovvia, vista la dinamica recente dei mercati, parrebbe orientare le scelte di allocazione verso i classici beni rifugio o quegli asset che tipicamente mostrano performance positive anche in fasi di mercato avverse come i governativi Usa con scadenze brevi, lo Yen o l’oro – spiega Andrea Pastorelli, amministratore delegato di 8a+ Investimenti Sgr – Tuttavia la considerazione più sensata che un investitore possa fare, nel rispetto dei propri obiettivi di investimento e del proprio orizzonte temporale, è che situazioni di mercato come l’attuale rappresentano una interessante opportunità per incrementare l’esposizione direzionale azionaria”. Secondo il manager questa strategia, se adeguatamente ponderata rispetto agli obiettivi anzidetti, è la migliore premessa per riuscire a generare ritorni interessanti nel medio periodo, anche in considerazione del fatto che l’attuale allocazione tipica dei portafogli degli investitori rivela un’esposizione azionaria media ben inferiore a quella tenuta in passato.

Foto di Andrea Pastorelli
Andrea Pastorelli, amministratore delegato di 8a+ Investimenti Sgr

Gestione attiva: strategia di difesa o di attacco per affrontare i mercati? Quali settori favorire?

In questo caso, se ci riferiamo alle scelte di allocazione di un gestore, in una fase come l’attuale occorre probabilmente dedicare molta attenzione ai segnali che emergeranno dai prossimi indicatori macroeconomici: una graduale stabilizzazione consentirebbe infatti di configurare la situazione economica attuale come un mero rallentamento, peraltro motivato in molti casi da dinamiche percettive che hanno spinto consumatori e aziende a frenare sulla leva della spesa. Dal momento che le correzioni avvenute sui settori più esposti all’andamento del ciclo economico sono state davvero importanti, questo scenario potrebbe stimolare un discreto recupero di questa componente i cui multipli si sono fortemente contratti. In questa ipotesi quindi riteniamo possano essere favoriti i settori automobilistico, industriale, chimico ed anche i luxury goods.

Come investire nel 2019? Consigli per affrontare un anno ricco di appuntamenti economici e politici.

Nella situazione attuale ci sembra di poter affermare che i mercati azionari con la correzione recente hanno incorporato un’elevata probabilità che si verifichino scenari avversi anche nel 2019, sia sul fronte delle dinamiche macro che di eventuali scenari di de-risking che potrebbero proseguire. Questo ci fa ritenere che sotto il profilo rischio-opportunità la seconda possa essere prevalente rispetto al primo, sebbene – come dicevamo poc’anzi – la visibilità sull’evoluzione della situazione economica sia decisamente ridotta. Indubbiamente l’anno presenta, già nella sua prima parte, appuntamenti che potranno avere un certo impatto: la deadline per Brexit, la decisione della Fed di marzo, le elezioni europee di maggio. Non riteniamo tuttavia che questi tre momenti potranno riservare sorprese particolarmente negative: la percezione di rischio è elevata ed il commitment da parte di politici e policy makers ad evitare scenari avversi è forte, per cui riteniamo che nella maggior parte dei casi saranno scongiurati gli scenari più temuti. Se le nostre ipotesi dovessero trovare conferma, il 2018 potrebbe configurarsi come un anno nel quale i mercati hanno scontato gran parte dei rischi che si intravedevano sul 2019 e lasciare quindi spazio a graduali re-rating nel 2019.

Maddalena Liccione
Maddalena Liccione
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: