PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Collocamento privato: l’alternativa per le startup all’Ipo

Collocamento privato: l’alternativa per le startup all’Ipo

Salva
Salva
Condividi
Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani

01 Marzo 2021
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Il mercato del “private placement” attira sempre più startup. Il dato per il 2019 è di 40 miliardi di dollari, in crescita del 37% rispetto all’anno precedente

  • AngelList, Forge Global e Carta sono solo alcune società che hanno costituito delle “borse valori private”. Carta prevede di generare un miliardo di ricavi nel 2024

  • Dietro il collocamento privato c’è il rischio che, in mancanza di dati pubblici, gli investitori facciano affidamento su conti che “pompati”

Il collocamento privato è sempre più una via molto redditizia per startup e investitori istituzionali in attesa della quotazione pubblica. Il mercato è in crescita, con il fiorire di Borse valori private, ma i rischi non mancano

La fearing of missing out e il conseguente aumento della propensione al rischio, anche alla luce dei tassi bassi, sono stati due elementi caratterizzanti l’anno appena conclusosi. Non solo per gli investitori, ma anche per le aziende, in particolare per le start-up in rampa di lancio. In questi primi due mesi dell’anno 230 aziende sono diventate pubbliche, con una raccolta di 78 miliardi di dollari (il record del 2020 è stato di $168 miliardi). Tuttavia, come sottolinea un articolo del Financial Times, sempre più investitori istituzionali e aziende stanno valutando un’alternativa alla quotazione pubblica: il collocamento privato.

Gli hedge fund, i fondi comuni di investimento e altri investitori istituzionali hanno iniziato a riversarsi, acquistando grandi blocchi di azioni esistenti in start-up, che si stanno avvicinando alle offerte pubbliche iniziali o alle grandi acquisizioni, anticipando così il mercato. Secondo le ultime stime, al 2019 il mercato valeva 40 miliardi di dollari, quasi il 40% in più rispetto all’anno precedente e ci sono buone ragioni per credere che il dato per l’anno appena passato sarà ancora più alto. Le aziende innovative infatti, tramite round di finanziamento sempre più corposi, hanno l’opportunità di diventare grandi rimanendo private: si assicurano valutazioni da miliardi di dollari e lo status di “unicorno” mentre respingono i loro debutti pubblici. Questo è possibile grazie alla presenza sempre più consolidata di investitori in modalità risk-on a caccia di azioni in start-up che sembrano scommesse sicure per quotazioni pubbliche di successo. Tra i più attivi negli ultimi 12 mesi c’è stato Tiger Global Management, che ha utilizzato le vendite secondarie per guadagnare partecipazioni in società come la cinese ByteDance e il gruppo di software Snowflake.

collocamento privato

Le borse valori private

Laddove domanda e offerta sono elevate, generalmente fioriscono molte società dedicate a farle incontrare. È sicuramente il caso dei mercati secondari privati che fino a poco tempo fa ​​assomigliavano a “quel tizio con un trench che ti vende orologi a Times Square”, dice Inderpal Singh, che guida un progetto di mercato secondario privato presso il marketplace di start-up AngelList. “Nell’ultimo anno c’è stato un grande cambiamento.” Oltre ad AngelList, JPMorgan e la start-up software Carta hanno iniziato ad agevolare gli scambi in aziende private. Competono con giocatori affermati come Nasdaq e Forge Global, che ha acquistato il mercato rivale SharesPost in un affare da 160 milioni di dollari l’anno scorso, così come decine di broker indipendenti più piccoli. L’obiettivo di Ward, ceo di Carta, è quello di rendere CartaX un concorrente del Nasdaq per il finanziamento delle start-up tecnologiche. L’aspettativa di Henry Ward è quella di generare nel 2024 un 1,1 miliardi di dollari in profitti. Questo implicherebbe, alla luce della commissione del 1% applicata sia su venditori che acquirenti, un volume di affari di 55 miliardi di dollari: il 3% delle azioni delle start-up miliardarie dovrebbe cambiare di mano. Secondo CbInsights infatti i 546 “unicorni” detengano un valore collettivo di 1,8 mila miliardi di dollari.

Il rischio del collocamento privato

Sebbene in auge la collocazione privata non è esente da rischi. Il pericolo principale in cui possono incappare gli investitori è una minor trasparenza sui conti della società non resi pubblici. Esemplificativo è il caso di Jumio, società di pagamenti redditizia e in rapida crescita fondata da Daniel Mattes, che nel 2014 aveva perseguito la via del collocamento privato. All’epoca gli investitori diedero fiducia a Jumio, sulla base di ricavi di 100 milioni di dollari per il 2013, una somma considerevole per un’azienda di appena tre anni. Due anni dopo, Jumio dichiarò bancarotta e le azioni della società divennero prive di valore. In realtà, secondo la Sec, Jumio aveva realizzato solo un decimo dei ricavi dichiarati e Mattes aveva aggirato il suo consiglio di amministrazione, vendendo circa 14 milioni di dollari delle proprie azioni.

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Outlook e PrevisioniAzionari America