PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Cernobbio, Mattarella: Ue tornata allo spirito originario

Cernobbio, Mattarella: Ue tornata allo spirito originario

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

05 Settembre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Nel giorno due, il forum Ambrosetti di Cernobbio dà spazio alle più alte istituzioni dello Stato, dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella al presidente del Consiglio Giuseppe Conte

La pandemia, uno spartiacque per la Ue. È così per il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che interviene in video in apertura della seconda giornata dell’annuale Forum Ambrosetti di Cernobbio. In chiusura di giornata, interverrà invece il premier Giuseppe Conte. L’Europa “in pochi mesi ha assunto decisioni coraggiose e innovative”. Per Mattarella nell’emergenza sanitaria la Ue “ha mostrato sua forza propulsiva, la capacità di ritrovare lo spirito dei suoi padri fondatori”.

Sergio Mattarella al forum di Cernobbio: l’Ue a una svolta storica

Il presidente della Repubblica ricorda che alle “parole semplici e significative che hanno attenuato il senso di solitudine e smarrimento” di Ursula Von Der Leyen all’inizio della fase acuta della crisi “hanno fatto seguito azioni concrete. Le istituzioni hanno rafforzato la coesione europea nel senso dei padri fondatori. In momenti di grande incertezza come questi si deve indicare il futuro.

La Commissione non ha solo dato una esortazione alla solidarietà ma ha fatto un esercizio di funzionalità per indicare una strada da percorrere la cui approvazione non appariva scontata”.

In questo, lo storico (e interminabile) Consiglio europeo di luglio ha rappresentato “una svolta di portata straordinaria”, manifestando “un livello di ambizione all’altezza delle aspirazioni”. Il suo risultato è stato insieme un punto di arrivo e un punto di partenza: se con gli strumenti assicureremo la ripresa, avremo compiuto un passo importante nel cammino di rafforzamento della coesione e della integrazione nell’esercizio condiviso di una sovranità democratica”, ha proseguito Mattarella.

Crisi e vaccini, nessuno è solo

Solo una collaborazione multilaterale “senza riserve” potrà portare alla sconfitta della crisi. Perché “sempre di più i pericoli e i problemi sono transnazionali”. Un esempio è dato dal tema vaccini, ha aggiunto il capo dello Stato. “Ogni livello, mondiale, continentale e statale, è indispensabile in quanto nessuno di questi può essere considerato sufficiente da solo”, ha sottolineato. Pienamente allineato con le istanze del Forum Ambrosetti, Mattarella esorta a “non fare della Ue mera istanza di trasferimento dei fondi”. Perché, “i cittadini vivono con ansia e incertezza questo momento”, e bisogna sfruttare al meglio questa “possibilità unica e forse irripetibile di interventi per assicurare prosperità”. Il processo di approvazione del Recovery fund deve dunque “proseguire con la più grande rapidità per rendere le risorse disponibili già all’inizio del 2021”.

Condizioni irripetibili

È allora fondamentale non compromettere “con scelte errate la speranza per chi verrà dopo di noi di godere di condizioni per lo meno pari di quelle di cui noi abbiamo usufruito. In caso di inattività le nuove generazioni ci domanderanno perché una generazione” che ha goduto di prosperità “non ha realizzato infrastrutture necessarie per la crescita e riforme necessarie accrescendo solo la massa del debito”. Quelle che viviamo oggi sono “condizioni irripetibili” e che in quanto tali non vanno sprecate.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
caporedattore
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Outlook e PrevisioniEventiItalia
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "Eventi"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"