PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Brexit, l’ottimismo di Barnier non placa Carney

Brexit, l’ottimismo di Barnier non placa Carney

Salva
Salva
Condividi
Livia Caivano
Livia Caivano

15 Ottobre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Lunedì il Regno Unito ha presentato nuove proposte riguardo il problema dei confini dell’Irlanda del Nord

  • Il governatore della Banca of England Mark Carney ha affermato che maggiore sarà lo shock per l’economia britannica causato da Brexit, maggiore sarà la possibilità che il valore della sterlina diminuisca.

I lavori tra governo britannico e Unione Europea per stabilire le modalità di Brexit sono ripresi ma la strada è ancora in salita. Secondo Paul O’Connor, head del team Multi-asset di Janus Henderson Investors è ancora troppo presto per festeggiare

Il capo negoziatore della Brexit, Michel Barnier, dice che è ancora possibile raggiungere un accordo questa settimana, anche se i colloqui rimangono difficili. La volontà del governo è di procedere con l’uscita dall’Unione il 31 ottobre, come previsto, lo conferma anche Boris Johnson – ma i tempi sono stretti: rimane un solo un giorno per concordare un testo da inviare in tempo per il vertice dei leader di giovedì a Bruxelles. Lunedì il Regno Unito ha presentato nuove proposte riguardo il problema dei confini dell’Irlanda del Nord, ma la strada sembra ancora lunga e i dati sull’economia cominciano a dare segni di cedimento: cala per la prima volta dal 2017 il numero degli occupati.

Meno positivo si dice il governatore della Banca of England Mark Carney, che ha affermato che maggiore sarà lo shock per l’economia britannica causato da Brexit, maggiore sarà la possibilità che il valore della sterlina diminuisca.

“Il quadro generale sarà questo: più grave sarà la Brexit, nel breve termine, maggiori saranno le probabilità di una diminuzione di valore della sterlina, di un più alto livello di inflazione e del rallentamento della crescita economica”, ha dichiarato Carney in occasione della presentazione della nuova banconota da 20 sterline. In ogni caso, ha precisato, “Faremo il possibile per sostenere l’economia durante tale fase di transizione”.

Anche secondo Paul O’Connor, head del team Multi-asset di Janus Henderson Investors è ancora troppo presto per festeggiare, che si è detto sorpreso dall’annuncio di giovedì sull’ipotetica ‘strada’ comune che i primi ministri di Regno Unito e Irlanda avrebbero trovato su Brexit. “La dichiarazione è arrivata pochi giorni dopo che le fonti di Downing Street avevano descritto un accordo come ‘praticamente impossibile’ a seguito di un’improduttiva telefonata tra Boris Johnson e Angela Merkel. L’inaspettata svolta ha avuto un impatto notevole sui mercati finanziari. I titoli britannici focalizzati sul mercato interno, come i bancari, hanno subito un’impennata e la sterlina ha visto il maggior rimbalzo in due giorni dell’ultimo decennio, raggiungendo la quotazione massima in 3 mesi a 1,27 dollari. Alla fine della settimana, i prezzi delle opzioni hanno indicato che gli investitori sono passati dal temere la scadenza del 31 ottobre all’essere effettivamente rialzisti sulle prospettive per la sterlina, considerando un orizzonte temporale di un mese”.

O’Connor questa settimana si aspetta un’attività“frenetica sul fronte della Brexit, con il governo che spera di siglare l’accordo entro i prossimi sette giorni. Il piano sembra prevedere l’approvazione di un negoziato in occasione della riunione del Consiglio europeo di giovedì e la ratifica del parlamento britannico in seduta speciale il sabato. Si tratta di un calendario molto ottimistico, dato che il Regno Unito non ha ancora prodotto alcun dettaglio del suo complicato piano per la Brexit. Mentre il Presidente della Commissione europea Donald Tusk ha dichiarato la scorsa settimana di aver visto ‘segnali promettenti’ da parte britannica, ha anche detto che ‘il Regno Unito non ha presentato una proposta realistica e realizzabile’. Il progetto di una doppia dogana per l’Irlanda del Nord è complesso e non sarebbe sorprendente se ci volessero settimane o mesi per una valutazione completa. Ottenere l’approvazione dell’Ue questa settimana è probabilmente un’aspettativa irrealistica, ma l’idea che la proposta del Regno Unito abbia ora l’ampio sostegno del governo irlandese implica che un accordo con l’Ue potrebbe essere a portata di mano”.

Ma cosa dicono le stime?

L’analisi del think-tank ‘UK in a Changing Europe’ pubblicata nel fine settimana – prosegue O’Connor – suggerisce che l’attuale versione proposta dell’accordo costerebbe al Regno Unito il 6-7% della crescita del Pil nel prossimo decennio. Se da una parte si tratterebbe di un risultato migliore di quello che potrebbe causare una Brexit senza accordo, dall’altra rappresenterebbe un esito peggiore dell’ultimo piano di Theresa May. L’analisi del governo sulle conseguenze della Brexit, pubblicata lo scorso novembre, è giunta a conclusioni simili. Un certo numero di organismi del commercio ha scritto al governo durante il fine settimana per avvertire dell’impatto negativo che il genere di divergenza normativa dall’Ue proposta da Boris Johnson avrebbe sui loro settori”.

Sul fronte degli asset, secondo Janus Henderson, quelli “britannici quasi certamente subiranno un nuovo rialzo se Boris Johnson riuscirà ad ottenere l’approvazione dell’operazione questa settimana, ma, anche in questo improbabile scenario, i festeggiamenti devono essere mitigati dalla constatazione che si tratta di una strada verso una Brexit abbastanza dura. Se l’accordo non passa, e la scadenza della Brexit viene prorogata, allora le prospettive rimangono molto difficili da definire. Gran parte del parlamento vuole un accordo vicino a questo, e un’altra parte si sta battendo per un secondo referendum, ma non ci sono evidenze di una maggioranza per nessuna delle due”.

Livia Caivano
Livia Caivano
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "Obbligazionari Governativi"
ALTRI ARTICOLI SU "Europa"