PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Borsa Italiana, nel 2020 difficile ripetere record 2019

Borsa Italiana, nel 2020 difficile ripetere record 2019

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

13 Gennaio 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Il 2019 è stato davvero un anno da record per Borsa Italiana, la migliore di tutta l’Europa. Sarà possibile fare il bis nel 2020? L’analisi tecnica è di Gilles Guibout, gestore del fondo Pir Axa Wf Framlington Italy, Axa Investment Managers

Il 2019 è stato per il mercato azionario l’esatto opposto del 2018. Una performance sconosciuta da almeno dieci anni, con la benedizione della Federal Reserve che ha tagliato i tassi tre volte nel 2019.

Questo contesto ha alimentato la caccia al rendimento degli investitori, sempre più in difficoltà a cercare yield nel mercato dei governativi e quindi spinti ad aumentare il rischio nei loro portafogli, guardando anche al mercato azionario.

Nell’eurozona, il mercato italiano è stato il migliore. E, ancora una volta, l’Italia si è confermata un amplificatore delle tendenze nella regione. Al 30 dicembre 2019 l’indice Eurostoxx con dividendi reinvestiti ha messo a segno una performance per l’anno del 27%. Nello stesso periodo invece il Ftse Italia All Share con dividendi reinvestiti ha guadagnato il 31,1%.

Borsa Italiana record anche nel 2020?

Tuttavia, per l’Italia sarà difficile ripetere una simile performance nel 2020. I Btp infatti hanno poco spazio per una ulteriore compressione dello spread.

I tassi erano scesi già nel primo semestre 2019, discesa che poi si è amplificata con il cambio di governo (Conte 2). A inizio anno, infatti, il Btp era su livelli massimi, a 280 punti base, poi è sceso a 230 punti base a fine giugno, malgrado l’incertezza sul governo formato dopo le elezioni, con l’improbabile alleanza Lega-Movimento 5 Stelle, prima di crollare ulteriormente chiudendo l’anno a 140 punti di base. Questa discesa del Btp ha fatto da supporto alla performance del mercato italiano.

Il mese di dicembre è stato quindi un prolungamento della tendenza iniziata dopo l’estate, e questo era atteso. In un contesto sempre ampiamente gestito dalle banche centrali, i primi segni di miglioramento degli indicatori economici e lo stemperarsi delle tensioni politiche hanno spinto gli investitori ad accrescere la loro esposizione ai mercati azionari.

Le attese nel breve termine

Nel breve periodo, alcuni titoli potrebbero reagire alle prime pubblicazioni dei risultati societari annuali, tuttavia solo un reale cambiamento della percezione del rischio politico potrebbe portare movimenti significativi dell’intero mercato.

In questo contesto conviene essere selettivi nella scelta dei titoli e privilegiare quelle società che offrono un potenziale di crescita del giro d’affari o dei margini, unica garanzia della capacità di generare risultati e dividendi sul lungo periodo.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.