PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Banca Popolare Cinese, stimoli all'economia come promesso

17 Gennaio 2019 · Teresa Scarale · 3 min

  • Si tratta della più elevata immissione in un singolo giorno

  • Il rendimento delle obbligazioni governative a dieci anni ha raggiunto il minimo da due anni a questa parte. Ma le opportunità di investimento contestuali al rallentamento dell’economia cinese non mancano, anzi

Jasmine Kang, gestore del fondo Comgest Growth China di Comgest, fa il punto sull’andamento del mercato azionario cinese, focalizzandosi sulle singole opportunità di investimento. Intanto, la Banca Popolare Cinese ha iniettato in un solo giorno sul mercato 560 miliardi di yuan

La mossa della Banca Popolare Cinese

La politica cinese è previdente, e contestualmente alla leggera frenata della crescita del Dragone, sta mettendo in atto misure di stimolo, sia a livello governativo che bancario. E la mossa della Banca Popolare Cinese non si è fatta attendere. In data 16 gennaio 2019 ha infatti immesso sul mercato cinese la cifra record per un singolo giorno di 560 miliardi di yuan, pari a 83 miliardi di dollari. La prima conseguenza immediata della mossa della Banca Popolare Cinese è stato il calo del rendimento dei titoli di Stato cinesi a dieci anni, calati al 3,1%, il livello più basso dagli ultimi due anni a questa parte. Ma le opportunità di investimento sono altre.

Il punto di Comgest

Jasmine Kang, gestore del fondo Comgest Growth China di Comgest, lo conferma. Non cita la Banca Popolare Cinese ma sottolinea come la Cina abbia gestito volontariamente la sua leva finanziaria attraverso l’imposizione di regolamentazioni più stringenti sul sistema bancario ombra e i prestiti peer to peer. Nonostante alcune pressioni sulla crescita di breve termine, il gestore riconosce la diminuzione dell’indebitamento come uno dei maggiori sforzi per il continuo ribilanciamento economico.

Gli elementi di rischio

Dopo che il credito cesserà di essere il principale fattore trainante per l’economia, dovrebbe diventare necessario per le società concentrarsi sull’innovazione e la crescita sostenibile.

Un secondo vento contrario per la Cina è la guerra commerciale con gli Usa, che interessa sia i negoziati sui termini degli scambi sia una più ampia gamma di temi, tra cui un contesto di concorrenza leale per le imprese straniere in Cina, una migliore protezione della proprietà intellettuale e una più attenta spesa militare.

L’Msci cinese

La riduzione dell’indebitamento ha causato un certo rallentamento dell’economia, per quanto in linea con le nostre aspettative. Le tensioni commerciali hanno invece causato un calo del mercato guidato dal sentiment. Di conseguenza, l’indice Msci China è sceso del 14,8% in euro nel periodo (-18,9% in dollari).

I settori con sovra e sotto performance

La strategia del fondo ha sovraperformato in settori quali

  • It,
  • sanità e
  • utility (gas naturale) e

ha sottoperformato nei settori

  • industriali,
  • bancari e
  • dell’energia.

La mancata esposizione del fondo al settore bancario ed energetico porta ad una sottoperformance quando essi ottengono buoni risultati, tuttavia il gestore del fondo è convinto che questi settori avranno una flessione con il proseguire del ribilanciamento economico cinese.

Si valuta poi che le società orientate alla crescita di alta qualità, in grado di generare buoni flussi di cassa ed  in mano a team di gestione affidabili possano generare una crescita sostenibile, in particolare nela fase attuale di riequilibrio dell’economia. I settori in sovrappeso sono quelli dei consumi, della tecnologia e della sanità. Quelli in sottopeso invece sono i settori bancario, dei materiali, energetico e immobiliare.

Le singole storie

I successi

Tra i titoli che hanno registrato una performance positiva nel periodo troviamo China Resources Gas e Autohome. China Resources Gas ha beneficiato dell’aumento strutturale del consumo di gas in Cina rispetto agli altri paesi e dal crescente desiderio cinese di avere aria più pulita e meno inquinamento. Il rischio che il governo riduca la redditività dell’industria con il taglio delle spese di connessione è un elemento che incide sul settore.

Il vantaggio è che il basso livello di penetrazione del consumo di gas potrebbe aumentare dall’attuale 6% al 20-25% nel lungo termine. Autohome, il principale produttore di apparecchiature originali (Oem) per auto, sta beneficiando del passaggio dall’off- all’online del marketing e delle vendite legate al settore automobilistico. La società ha mostrato una forte crescita degli utili che si traduce in una forte capacità di generare flussi di cassa.

Gli insuccessi

I titoli che hanno sofferto maggiormente sono invece Yutong Bus, China Life e Man Wah. Yutong Bus ha mostrato la sua abilità nel guadagnare quote di mercato, ma la diminuzione dei sussidi per i veicoli elettrici ha causato un rallentamento delle vendite e una redditività inferiore a quella degli ultimi cinque anni. La redditività a breve termine è stata rivista al ribasso nonostante la sua posizione dominante nel lungo termine. China Life continua a dimostrare la sua abilità nel passare da prodotti a premio unico a prodotti a premio regolare, tuttavia il ritmo è inferiore alla media di settore.

Il cambio del presidente e del management team ha inoltre reso difficile la comunicazione sulla strategia della società. Man Wah ha risentito alla pressione sui margini causate dalla guerra commerciale e dalle crescenti spese di marketing derivanti dal branding a livello nazionale. La valutazione del titolo ha registrato una significativa contrazione dei multipli, con valore attualmente inferiore a 7. Viene però apprezzata la posizione dominante a lungo termine nei divani con movimento elettrico. Per questo ci si aspetta una crescita annua del 15% nei prossimi 5 anni.

Il rallentamento della crescita

Una crescita più lenta dovrebbe essere benvenuta in Cina, purché la qualità della crescita continui a migliorare. L’abbassamento del livello di indebitamente è probabile che continui a causare il rallentamento ma è anche incoraggiante vedere che il settore dei servizi e del consumo giocano un ruolo sempre più importante per la crescita economica.

L’innovazione in molti settori come il farmaceutico, telecomunicazioni e internet continua a prosperare. Grazie all’apertura del mercato azionario nazionale, ci sono molte opportunità interessanti. “Preferiamo non scommettere sul momento in cui si avrà una ripresa macroeconomia, ma il governo cinese è abbastanza forte dal punto di vista fiscale per mantenere un’economia interna relativamente stabile. C’è spazio per mantenere una politica fiscale espansiva e una politica monetaria stabile riducendo, se necessario, la quota di riserva obbligatoria”.

La questione dei dazi

I progressi sulla guerra commerciale sono difficili da prevedere e hanno causato un calo del mercato, ma la Cina ha creato un’economia domestica abbastanza grande da lavorare allo sviluppo interno. Ad esempio, si devono ancora vedere gli effetti dei diversi incentivi fiscali annunciati nel corso dell’anno. Le società cinesi si stanno concentrando maggiormente sulla crescita a lungo termine con il rafforzamento dell’area Ricerca&Sviluppo, del branding e dell’efficienza dei canali di distribuzione. Con l’apertura del mercato dei capitali domestico, troviamo più interessante realtà che sono ben posizionate nel cogliere queste opportunità. Quando il mercato si concentra sulla parte di bicchiere mezza vuota, il sentimento negativo pesa sul mercato. È tuttavia in questi momenti che è possibile trovare opportunità per costruire posizioni in nomi interessanti.

 

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.