PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Attenta Wall Street: l’euforia (di solito) precede il panico

Attenta Wall Street: l’euforia (di solito) precede il panico

Salva
Salva
Condividi
Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani

26 Gennaio 2021
Tempo di lettura: 5 min
Tempo di lettura: 5 min
Salva
  • Secondo un articolo del Financial Times l’euforia odierna sui mercati ricorda per molti versi la bolla dotcom di inizi anni 2000

  • L’aumento repentino dell'”indice ridicolo” di Bespoke Investment Group e performance delle società growth  del 300% maggiori rispetto a quelle delle azioni value sono segnali preoccupanti per i mercati

  • Intanto gli investitori istituzionali, contrariamente all’euforia generale, continuano ad assumere posizioni in copertura da eventuali ribassi, mentre il livello del VIX rimane alto

A Wall Street l’euforia cresce insieme ai prezzi e l’impressione che il rischio nei mercati “sia semplicemente svanito” si fa sempre più comune. L’indice delle società ridicole, le valutazioni delle società growth e l’atteggiamento degli investitori istituzionali dovrebbero però suonare da campanello d’allarme

La storia è ripetitiva e l’uomo ha una predisposizione innata a dimenticarsene. O meglio a non volerne ascoltare i moniti. A poco più di vent’anni dallo scoppio della bolla dotcom ad un occhio attento e veterano dei mercati tuttavia non può sfuggire che certe dinamiche siano le stesse dell’euforia di inizio millennio.

L’indice delle società “ridicole”

Secondo il Financial Times il boom dei prezzi delle azioni a cui stiamo assistendo è riflesso di un’euforia a Wall Street che è ad un livello che trova un precedente solo appena prima dello scoppio della bolla dotcom. Il numero di azioni il cui prezzo è più che raddoppiato negli ultimi tre mesi, con un rapporto prezzo/venidte superiore a 10 (più di tre volte il rapporto medio delle società quotate nello S&P 500), e con una capitalizzazione superiore ai 500 milioni di dollari, si è attestato a 79.   Secondo Bespoke Investment Group, che ha elaborato questa misura di cattura dell’eccesso di ottimismo sul mercato, ribattezzandola “l’indice ridicolo”, al culmine della dotcom mania le società che avevano queste caratteristiche erano 120. Ma oltre ai numeri assoluti e ai paragoni con il passato ciò che preoccupa è anche la crescita esponenziale delle società che rientrano in questa categoria. Dal 2011 fino al sell-off (svendita, ndr) di marzo infatti le società “ridicole” non sono mai state più di tredici. Nel giro di poco meno di un anno il numero si è sestuplicato.

indice società ridicole
L'indice elaborato Bespoke Investment Group dal 2011 ad oggi. Fonte: Financial Times

L’elenco delle aziende altamente valutate che sono entrate nell’indice ridicolo di Bespoke include Farfetch, il rivenditore di beni di lusso online da $ 21 miliardi, e Nio, il produttore cinese di veicoli elettrici da $ 97 miliardi che dovrebbe riportare una perdita di $ 769 milioni quest’anno. Tesla, che ha registrato un rally del 99% negli ultimi tre mesi, non rientra per un pelo nella lista.

La pericolosa avanzata delle azioni growth

L’aumento dell'”indice ridicolo” di Bespoke coincide con la crescente preoccupazione di alcuni investitori per quelle che vedono come condizioni schiumose nel più grande mercato azionario del mondo. L’indice S&P 500 è salito del 75% rispetto al minimo di marzo, anche se il paese è ancora in piena emergenza coronavirus e la ripresa economica è irregolare. Gli analisti di Absolute Strategy Research hanno fatto un raffronto con la bolla dotcom e la bolla giapponese di fine anni ’90, notando similitudini. Tassi di interesse bassi, valutazioni azionarie che sovrastano gli utili, scambi al dettaglio inarrestabili e rapide accelerazioni nei guadagni azionari sono elementi che collegano il presente al passato. La situazione è allarmante, dicono. Oltre il 10% delle azioni nel benchmark blue-chip S&P500 è infatti del 40% o più al di sopra delle loro medie degli ultimi 200 giorni, un fenomeno osservato solo quattro volte negli ultimi 35 anni. Le azioni più interessate sono le growth stock, in continua ed inesorabile crescita. Le valutazioni del Nasdaq 100 hanno messo nel mirino i livelli degli anni 2000, mentre il rapporto tra le performance registrate dalle azioni growth (MSCI Us growth index) e quelle registrate dalle azioni value (MSCI Us value index) è passato da 2 a 3 nel giro di un solo anno.

Il mercato è in fermento

Il terreno dove tutto questo è lecito è quello dove i rendimenti obbligazionari sono inchiodati vicino ai minimi storici e gli investitori – sia istituzionali che al dettaglio – sono seduti, per via del sostegno monetario e fiscale senza precedenti, su un materasso di liquidità in eccesso, i modelli stravaganti nei mercati azionari potrebbero persistere per qualche tempo. Il ritorno dell’inflazione e dunque il rialzo dei tassi insieme a risorse fiscali in esaurimento potrebbe però un giorno d’improvviso sfare svegliare di soprassalto gli investitori. La paura di questo evento in qualche misura è già palpabile. Gli investitori professionali infatti non stanno dimostrando lo stesso atteggiamento entusiasta degli investitori retail: continuano invece a prendere precauzioni contro il rischio di una battuta d’arresto del mercato. Come conseguenza l’indice di volatilità Vix continua ad attestarsi a più di 23 puntipiù della media di lungo periodo appena inferiore a 20. All’inizio dello scorso anno, era a 14 punti.

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "Azionari America"
ALTRI ARTICOLI SU "Azionari internazionali"