PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Assicurazioni: ecco perché i gruppi italiani scaricano Btp

Assicurazioni: ecco perché i gruppi italiani scaricano Btp

Salva
Salva
Condividi
Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri

26 Agosto 2020
Tempo di lettura: 7 min
Tempo di lettura: 7 min
Salva
  • Al fine di mitigare gli effetti dello shock pandemico sulla solidità patrimoniale, alcuni gruppi assicurativi italiani (tra cui Unipol e Cattolica) saranno costretti ad alleggerire la propria esposizione ai Btp attualmente in portafoglio

  • Il Financial stability report di luglio redatto dall’Eiopa (l’autorità regolatrice europea delle assicurazioni) ha evidenziato quanto i rischi legati al Covid-19 possano influire sul deterioramento del solvency capital requirement delle assicurazioni europee

  • Alessi (Marzotto Sim): la speranza è che le compagnie assicurative degli altri paesi europei, che dovranno diversificare e diminuire la loro esposizione ai titoli di stato del paese di appartenenza, valutino l’investimento in titoli di Stato italiani

La regolamentazione spinge i gruppi assicurativi italiani a ridurre il peso dei Btp nei propri portafogli. We Wealth ha chiesto a Giacomo Alessi, senior financial analyst di Marzotto Sim, di fare un punto sulla questione, spiegandone le possibili implicazioni

A causa delle regole imposte dalla Solvency II (direttiva europea che fissa nuovi parametri di solvibilità per il settore assicurativo, ndr) alcune compagnie assicurative italiane saranno costrette ad alleggerire la loro esposizione ai Btp attualmente in portafoglio. Questo, al fine di mitigare l’effetto delle turbolenze di mercato sullo spread e il conseguente impatto sulla solvency, l’indice di solidità patrimoniale delle assicurazioni. Secondo una prima stima riportata dal Sole 24 ore, i deflussi ammonterebbero a circa 15 miliardi di Btp.

Nel corso di una conference call con gli analisti a inizio agosto, l’ad di Unipol, Carlo Cimbri, ha comunicato “con rammarico” la decisione di ridurre rapidamente i titoli di Stato italiani da circa il 55% al 40% del portafoglio obbligazionario, a beneficio di quelli di altri paesi. Tradotto in numeri, spiega il Sole, in pochi mesi Unipol si troverà a dover cedere “fino a 10 miliardi di Btp”. Una scelta che ha portato l’ad del gruppo assicurativo bolognese a esprimere alcuni dubbi sulla validità del meccanismo regolamentare, e in particolare sulla modalità di calcolo del solvency ratio, anche alla luce della situazione attuale. “Per un Paese già fortemente indebitato come l’Italia, che andrà a indebitarsi ulteriormente per le misure di sostegno post crisi, la cui gran parte dovrà essere restituita, mi chiedo se non sia più utile cercare di canalizzare il risparmio degli italiani verso investimenti nel nostro Paese e nei titoli del nostro Paese invece che obbligarli nei fatti a investimenti negli altri Paesi” ha evidenziato Cimbri.

Sempre stando alle proiezioni del Sole, ai 10 miliardi di Btp di Unipol, si aggiungerebbero altri 5 miliardi di Cattolica. Come ricorda La Repubblica, il gruppo guidato da Bedoni, che ha visto il solvency ratio scendere dal 160% a fine dicembre al 122% al 22 maggio – ha ricevuto una lettera a fine maggio da parte dell l’Ivass (l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) con la richiesta di effettuare un aumento di capitale da 500 milioni di euro entro il 30 settembre. Alla luce del “deterioramento delle condizioni di solvibilità” del gruppo e di alcune sue controllate, l’authority ha chiesto a Cattolica “tempestivi interventi di patrimonializzazione”.

Non a caso, il Financial stability report di luglio redatto dall’Eiopa (l’autorità regolatrice europea delle assicurazioni) ha evidenziato quanto i rischi legati al Covid-19 possano influire sul deterioramento del solvency capital requirement delle assicurazioni europee, ovvero il requisito di capitale da detenere per fronteggiare eventi inattesi che si possono verificare. All’interno del documento, spiega a We Wealth Giacomo Alessi, senior financial analyst di Marzotto Sim, l’Eiopa ha sottolineato come, dai portafogli delle assicurazioni europee emerga una forte preferenza per il rischio collegato al proprio paese di appartenenza. Questo, continua l’analista, si tramuta in un rischio notevole per le assicurazioni di quei paesi che non hanno un rating investment grade forte e che, a fronte di un downgrade nazionale subirebbero un effetto domino su tutto il portafoglio e quindi sui parametri di patrimonializzazione.

Guardando al Bel Paese, “l’estrema sensibilità del Btp a shock ed il rating investment grade debole influiscono negativamente sui portafogli dei gruppi assicurativi italiani, che hanno un’esposizione piuttosto alta. Non solo, la stretta interconnessione tra rischio paese e rischio bancario amplifica ancora di più la percezione di rischio sistemico” evidenzia Alessi, sottolineando che, per questo motivo “è prevedibile una riduzione del ‘rischio italia’ per i portafogli assicurativi degli Istituti nostrani”.

Alla luce del quadro delineato, quali sono quindi le possibili implicazioni sul mercato dei titoli di Stato italiani?

Seppur il controvalore è decisamente alto, l’impatto, a detta di Alessi, sarà “il più possibilmente ridotto”. “Le assicurazioni – spiega l’analista – sono i principali detentori dei titoli a lunghissima scadenza (dai 15 anni in su). Inoltre, avendo un approccio agli investimenti ‘liability driven’ (ovvero secondo il quale gli investimenti devono rendere più delle future uscite, ndr) tendono a mantenere i titoli fino alla scadenza”. Per questi motivi, evidenzia Alessi, la vendita di Btp da parte delle assicurazioni potrebbe riflettersi in un “allargamento dello spread sulla parte più lunga della curva sovrana italiana”. “Tuttavia – conclude l’analista – la speranza è che le compagnie assicurative degli altri paesi europei, che dovranno anch’esse diversificare e diminuire la loro esposizione ai titoli di stato del paese di appartenenza, valutino l’investimento in titoli di Stato italiani”.

C’è da dire che, per ora, gli acquirenti dei titoli governativi del Bel Paese non mancano. Nell’ambito della nuova edizione del Qe partita a novembre, nel mese di luglio la Bce ha acquistato 7,876 miliardi di titoli di Stato italiani, portando il controvalore totale a quota 406,436 miliardi.

Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"
ALTRI ARTICOLI SU "Assicurazioni"