PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Asia e wealth management post Covid: tre orizzonti

Asia e wealth management post Covid: tre orizzonti

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

03 Giugno 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva

Per sopravvivere e prosperare in Asia, il wealth management dell’era post Covid deve imparare a pensare secondo tre livelli temporali. Lo dice McKinsey

Crisi pandemica a parte, è in Asia che continuerà a crescere il numero di super ricchi globali. E l’industria del wealth management dovrà farsi trovare pronta all’uscita dall’era Covid. Sia che si tratti di società consolidate che di nuova fondazione, i wealth manager dovranno guardare all’orizzonte secondo tre piani temporali. Ne è convinta la società di consulenza strategica McKinsey, come emerge dal suo report di inizio giugno sul wealth management dell’Asia post Covid.

 

Il percorso a tre tempi del wealth management in Asia nell’era post Covid

Gestire la crisi (orizzonte 1)

Nell’immediato, la priorità è quella di assicurare la continuità della propria attività economica: la sopravvivenza. Ciò si traduce nel fare passi chiari e “ben comunicati” non solo riguardo alla salute dei dipendenti (smart working, canali alternativi di engagement). Ma anche all’istruire gli investitori a restare calmi nel mare agitato della volatilità. Soprattutto nei periodi di volatilità severa, una comunicazione frequente è essenziale per rafforzare la fiducia degli investitori nei confronti delle istituzioni finanziarie. Un ruolo importante nel governare il panico degli hnwi possono giocarlo anche le associazioni di wealth management.

Stabilizzare e liberare le nuove opportunità di crescita (orizzonte 2)

Nel medio termine, man mano che le economie si stabilizzano, le società di gestione patrimoniale dovrebbero implementare un vero salto qualitativo nelle infrastrutture digitali e analitiche delle loro catene del valore. Un mercato in forte ascesa come quello dell’Asia secondo la società di consulenza strategica deve formare i suoi relationship manager per costruire la fiducia del cliente verso i modelli di consulenza digitale. La transizione verso “non fisico” è irreversibile. Nello stesso tempo, in questa fase gli asset manager dovrebbero scovare nuove opportunità di crescita dividendo i clienti per segmenti, per aree geografiche e canali.

Competere in un mondo nuovo (orizzonte 3)

A livello strategico, quindi nel lungo periodo, l’industria cambierà radicalmente, con un bilanciamento ottimale fra canali fisici e virtuali. Il modo di lavorare cambierà da una modalità centrata sul prodotto a una centrata sul cliente, in cui gli interessi dei relationship manager e dei clienti siano allineati. Molto spazio, conclude McKinsey, dovrà dedicarsi alle fusioni e alle acquisizioni strategiche per il “next normal”.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Outlook e Previsioni Cina coronavirus
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "Cina"
ALTRI ARTICOLI SU "coronavirus"