PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Airbnb e le altre: le ipo 2020 sanno di bolla

Airbnb e le altre: le ipo 2020 sanno di bolla

Salva
Salva
Condividi
Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani

14 Dicembre 2020
Tempo di lettura: 5 min
Tempo di lettura: 5 min
Salva
  • Dopo le quotazioni record di Snowflake e di Doordash arriva quella di Airbnb: 113% il rendimento in un giorno del titolo che vale già 86 miliardi di dollari (quanto Jp Morgan)

  • Secondo Stefano Turlizzi, gestioni individuali e analisi quantitativa di Cassa Lombarda, l’entusiasmo dietro queste performance monstre potrebbero celare una bomba a orologeria

Le Ipo da record di questo 2020, ultima quella di Airbnb, potrebbero essere una bomba pronta a esplodere. Etf, retail, tassi bassi, buyback e saturazione sono l’alchimia perfetta per un’esplosione a regola d’arte. Aumento dei tassi e spacchettamento delle Faang potrebbero esserne invece la miccia

Il debutto di Airbnb sul mercato azionario è stato un trionfo. Aperte a 68 dollari le contrattazioni si sono chiuse a 145 dollari, guadagnando in un sol giorno il 113%. Ma quella di Airbnb è solo l’ultima di una lunga striscia di Ipo stellari in questo 2020. I mercati sono veramente prossimi ad andare in orbita o piuttosto rischiano di essere riportati sulla Terra dalla forza di gravità? We Wealth lo ha chiesto a Stefano Turlizzi,  gestioni individuali e analisi quantitativa di Cassa Lombarda.

Numeri da bolla dotcom

A un’analisi non superficiale si direbbe che è più probabile il secondo scenario. Stando ai dati riportati dal Financial Times la performance registrata da Airbnb l’11 dicembre ha solo tre precedenti storici risalenti a vent’anni fa: Palm Inc, Corvis Corp e Infineon, che guadagnarono tra il 120 e il 150%. Allora era il 2000 e nel giro di poche settimane l’euforia verso il futuro tech si trasformò in un bagno di sangue. A preoccupare gli analisti altre due osservazioni. In primis il fenomeno va ben oltre Airbnb: nella top 10 delle quotazioni migliori di sempre ben cinque risalgono a quest’anno. In secondo luogo nel 2020 le Ipo hanno generato un valore di 150 miliardi, per la prima volta superando quanto fatto nell’anno horribillis. Ci risiamo?

Airbnb
Le 10 migliori quotazioni di sempre. (società con una capitalizzazione maggiore al miliardo). Fonte: Financial Times

“Airbnb e Doordash sono il perfetto esempio di società che sono in perdita a livello di risultato operativo. Ciò nonostante l’enterprise value rispetto alle vendite è di 17,5 volte per la prima e di 12 per la seconda” spiega Turlizzi che puntualizza, ad evidenza della sopravvalutazione di Doordash, come una società come Uber, quotata appena un anno fa, che al suo interno ha anche una funzionalità di delivery, abbia un analogo rapporto a 5,9.

Ma la sopravvalutazione non tange solo le matricole del mercato. Anzi. “Tesla, il cui multiplo è di 13, tra pochi giorni entrerà nell’S&P500. Il p/e del principale indice azionario americano si alzerà di 5 punti”. Insomma per Turlizzi siamo vicini alla follia che si celavano dietro alla bolla dotcom. “Allora una società solo per aver nel proprio nome la dicitura net, pur non centrando in alcun modo con la tecnologia, volava in borsa” spiega Turlizzi riferendosi a Basicnet, società italiana d’abbigliamento che nel 2000 era sull’orlo del fallimento.

Anatomia di un mercato malato

Di fronte a questi numeri l’atteggiamento razionale sarebbe adottare una posizione di vendita su queste azioni dopate. Tuttavia non è così semplice, neanche per chi questo mestiere lo fa da anni. Il motivo è che per avere ragione ci vuole del tempo e la gente, quando è in perdita, non è disposta ad aspettare. “C’è un meccanismo perverso: queste visioni ribassiste, che hanno molte fondamenta, si possono realizzare in tempi che non sono compatibili con le esigenze dei clienti. Puoi decidere di perdere soldi nel breve solo fintanto che gli investitori non se ne vanno” spiega Turlizzi. Oltre all’aspetto retail inoltre i corsi sono sostenuti, a discapito delle valutazioni, dalla grande prevalenza della gestione passiva. “Quando si ha un benchmark da seguire si è quasi forzati ad acquistare queste società a grande crescita. Il peso sull’indice inoltre ha ben poco margine di cambiamento per via del fatto che gran parte del mercato investe tramite Etf: se tutti investono in ugual modo i rapporti tra i titoli non cambieranno mai”.

Tassi bassi, buyback e saturazione

Tassi bassi e il buyback all’americana poi aggravano ancora di più questo scenario. “Ad oggi il 60% dei bond a livello mondiale è a tassi negativi e ciò crea inevitabilmente un contesto favorevole per l’azionario. A livello di singole società poi, almeno negli Stati Uniti, quest’ultime cercano di rendersi più appetibili al mercato. Non conteggiando le azioni riacquistate tramite i piani di buyback aumentano in modo artificiale gli utili per azioni”. Infine a corredo di questo quadro non proprio roseo c’è il tema della saturazione di mercato. “Il mercato già saturo. Gli indici fear and greed e i put/call ratio sono a un livello di ottimismo molto elevato: le bolle scoppiano non quando la gente vende ma quando non ci sono più compratori marginali”.

I fattori di scoppio

Se questa dunque è l’anatomia del mercato azionario odierno, quali potrebbero essere i fattori che potrebbe accendere la miccia? Secondo Turlizzi principalmente due. “Il primo fattore è il rialzo dei tassi, a cui il mercato è molto sensibile come si è già visto nel dicembre del 2018 quando alla Fed i mercati hanno risposto con un ribasso molto profondo. Il secondo invece sono i Faang. Un’eventuale imposizione dello spacchettamento di queste società, come sembra essere nelle intenzioni del governo americano, farebbe calare il prezzo di queste società e con sé gli indici tecnologici e tutto il mercato”

Non far di tutta l’erba un fascio

Al netto di tutte queste valutazioni rimane un fatto: ora come allora il futuro è tech. Per questo fare di tutto l’erba un fascio sarebbe approssimativo. Diventa dunque cruciale andare a capire quali sono le realtà che plasmeranno il domani. “Nel 2000 si investiva sul nulla. Oggi la componente di mercato tecnologica è molto cara ma anche molto più solida.  Bioteconologie, telemedicina e cyber security sono esempi di questo” spiega Turlizzi che conclude: “Sono negativo invece sulle macchine elettriche per via del fatto che le batterie sono carissime. In Cina, a tendere il primo mercato per le macchine elettriche, la quota di mercato dell’elettrico è allo zero virgola”.

Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
Condividi l'articolo