PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Mifid2: si accende il faro dell'Esma sui costi degli intermediari

Mifid2: si accende il faro dell'Esma sui costi degli intermediari

Salva
Salva
Condividi
Luca Zitiello
Luca Zitiello

28 Ottobre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Torna sugli scudi con la pubblica consultazione lanciata da Esma il tema della trasparenza dei costi ai clienti, proprio nel momento in cui si è recentemente conclusa, lo scorso agosto, la prima tornata di rendicontazione ex post da parte delle banche alla clientela dekke commissioni, delle spese e degli incentivi con riguardo all’operatività riferita all’anno 2018

In attuazione della nuova direttiva, la Commissione Europea è tenuta, entro il 3 marzo 2020, dopo aver sentito Esma, a relazionare il Parlamento Europeo sullo stato di implementazione della normativa e, in particolare, sull’impatto dell’obbligo di rendere trasparente ai clienti costi, spese ed incentivi sulla prestazione dei servizi di investimento e, su tutti, su quello di consulenza ivi inclusa quella prestata in modo indipendente. Lo scopo è quello di garantire l’effettività dei precetti normativi a distanza dalla loro emanazione, considerato il modo in cui sono stati attuati dal mercato, al fine di valutare se vi siano stati effettivi benefici per i clienti, e quello di assicurare il più alto livello di armonizzazione nei vari Stati Membri. In ragione di questo processo la Commissione ha chiesto ad Esma un parere ed è proprio in quest’ambito che si colloca la Call for evidence dello scorso luglio in cui sono state rivolte agli shareholders una serie di domande su alcuni punti nodali della nuova regolamentazione.

La prima serie di domande ha riguardato la trasparenza ex ante ed ex post degli incentivi, le difficoltà applicative e quanto questo più penetrante regime di trasparenza rispetto a quello disposto da Mifid1 abbia modificato la modalità di offerta dei servizi ed in particolare la prestazione del servizio di consulenza indipendente. Sul punto rimangono ancora alcuni punti aperti come, ad esempio, la corretta rappresentazione al singolo cliente dei c.d. non minor inducements. Si pensi al caso in cui una banca distributrice riceva da una società prodotto una somma forfettaria da destinare ad eventi per la formazione professionale della rete di vendita. L’ammontare, se considerato e rappresentato in modo assoluto, potrebbe essere ritenuto in- gente, non essendolo in verità se commisurato alla grandezza della banca ed alla consistenza della sua rete di vendita. Non essendo possibile, né corretto suddividere la somma per il numero dei clienti, la rappresentazione dell’intero ammontare può essere fuorviante ed ingiustificatamente allarmante rispetto al singolo investitore.

La seconda serie delle domande riguarda per un verso la trasparenza dei costi nei confronti dei clienti professionali e delle controparti qualificate per capire le difficoltà applicative per capire se sia necessaria una maggiore flessibilità nella disapplicazione delle regole di trasparenza, per l’altro il rapporto tra le informazioni di prodotto contenute nei Kid e nei Kiid e quanto ci si basi su queste al fine di fornire al cliente l’informativa sui cost and charges nell’ambito della prestazione dei servizi di investimento. Da ultimo le domande si concentrano su due temi molto caldi la trasparenza ex ante e quella ex post dei costi, oneri ed incentivi. Molti i dubbi interpretativi che inesorabilmente possono creare diverse condotte da parte degli operatori. Nonostante la trasparenza successiva abbia incentrato su di sé l’attenzione prevalente, la disclosure preventiva porta con sé complesse problematiche in termini di rappresentazione dato che le scelte compiute nella prima fase finiscono per influenzare irrimediabilmente le modalità di trasparenza successiva. Il tema è quello della aggregazione: si pensi alla corretta rappresentazione in via preventiva al cliente delle commissioni di servizio che non sono legate alla singola operazione, ma all’entità del portafoglio oggetto del servizio stesso, come avviene nella consulenza o nel deposito titoli. Suddividere la somma per operazioni calcolate in via prospettica è arbitrario e fuorviante per il cliente, così che sarebbe opportuno l’avvaloramento di una scelta interpretativa condivisa che portasse alla loro disaggregazione. Vi è poi una domanda che coglie nel segno: si chiede ai partecipanti se sia necessaria una maggiore specificità mediante l’adozione di griglie, format e grafici che costringano il mercato a comportamenti davvero uniformi. La difficoltà nel rispondere consiste peraltro nello scindere gli aspetti teorici da quelli pratici. Ha senso rivolgere un tale interrogativo dopo che gli intermediari hanno fatto ingenti investimenti nella realizzazione di sistemi informatici proprietari o nell’utilizzo di servizi consortili idonei a fornire una rappresentazione dei costi ed oneri secondo la nuova normativa?

Le risposte ottenute nell’ambito del processo di pubblica consultazione, che si è concluso lo scorso settembre, dovranno essere valutate con grande attenzione dalle Autorità competenti in ragione dei loro contenuti. La prima attuazione di questa disciplina mostra infatti ancora un alto grado di difformità di condotte e di scelte operative ed un livello di implementazione che non sempre coglie la portata innovativa del livello di trasparenza richiesto idoneo a modificare la conoscenza degli investitori e, per l’effetto, capace di cambiare i loro comportamenti. Sullo sfondo rimane, infatti, il tema della conoscibilità dei dati da parte della clientela che è inesorabilmente legato dal livello di consapevolezza che gli stessi possano ritrarre dalla effettiva lettura e comprensione dei documenti ricevuti.

In ogni caso, appare al momento evidente che lo strumento delle Q&A, pur attivato da Esma nell’ultimo anno e mezzo, non abbia dato tutti i frutti sperati e ciò sia perché, cogliendo singole domande e singoli punti, le risposte mancano inesorabilmente di organicità, sia perché i chiarimenti vengono forniti unilateralmente dall’Autorità di vigilanza e non in contraddittorio con gli operatori di mercato.

Luca Zitiello
Luca Zitiello
Si è laureato con lode in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Firenze. Nel 2006, ha fondato Zitiello Associati, studio specializzato nel diritto del mercato finanziario, bancario ed assicurativo. Membro del Collegio dei Probiviri in AIPB, Assosim, Assofiduciaria ed Assilea, Luca Zitiello è iscritto al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati del Foro di Milano e ammesso a patrocinare di fronte alla Suprema Corte di Cassazione.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Leggi e NormativeMifid IIConsulenti
ALTRI ARTICOLI SU "Leggi e Normative"
ALTRI ARTICOLI SU "Mifid II"
ALTRI ARTICOLI SU "Consulenti"