PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Digital service tax (Dst): i servizi ai quali si applica

Digital service tax (Dst): i servizi ai quali si applica

Salva
Salva
Condividi
Aldo Bisioli
Aldo Bisioli

27 Gennaio 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva

Da includersi nell’area delle imposte indirette, la Digital service tax (Dst) non si applica a tutti i servizi. Ecco i servizi ai quali si applica e quelli che sono esclusi

È di pochi giorni fa il via libero definitivo alla Digital service tax (d’ora in poi, Dst). Costituita dalle previsioni introdotte con la legge di bilancio 2019, di fatto mai applicate (per la mancanza di un decreto di emanazione governativa), è ora operativa dal 1° gennaio, con le modifiche e integrazioni apportate dalla Legge di bilancio 2020.

La tassa è verosimilmente da includere nell’area delle imposte indirette e pertanto è da ritenersi esclusa dalle convenzioni contro le doppie imposizioni (in parole povere, le imprese estere non ne sono esentate); la stessa inciderà per il 3% sui ricavi lordi (al netto dell’Iva e di altre eventuali imposte indirette) derivanti da specifici servizi digitali forniti in Italia dalle imprese che, nell’anno solare 2019, hanno conseguito – individualmente, o a livello di gruppo – un fatturato globale di almeno 750 milioni di euro (non necessariamente nell’ambito dei soli servizi digitali) ed un fatturato in Italia – relativamente ai soli servizi oggetto della tassazione in parola – di almeno 5 milioni e mezzo di euro.

Va peraltro segnalato che la Dst non si applica ai servizi digitali (tassabili ma) resi all’interno di uno stesso gruppo.

I servizi in questione sono rappresentati:
– dalla pubblicità mirata agli utenti online (ad esempio, la pubblicità su Google),
– dalla messa a disposizione di un’interfaccia digitale multiutente (ad esempio, le vendite su ebay)
– dalla trasmissione (tipicamente a fronte di una vendita) di dati degli utenti generati dall’utilizzo di un’interfaccia digitale (ad esempio, i dati raccolti dai servizi di musica in streaming).

Sono invece espressamente esclusi, tra l’altro, servizi in varia misura correlati a quelli appena evidenziati, ma non coincidenti, quali, ad esempio, la fornitura di beni e servizi a valere su piattaforme digitali (si pensi, ad esempio, alle merci cedute da Amazon), oppure la fornitura di beni e servizi svolta direttamente dalla piattaforma digitale del produttore (si pensi, ad esempio, a tutte le vendite online di beni di lusso gestite direttamente dalle case produttrici, anche se affidate “in service” a terze parti).

L’imposta si applica sui ricavi annuali da riportare in un’apposita dichiarazione fiscale, da presentare entro il 31 marzo successivo alla chiusura dell’anno solare e dev’essere versata (in unica soluzione) entro il 16 febbraio dello stesso anno in cui si dichiara (le prime scadenze saranno quindi nel 2021 a valere sul 2020).

Sonni tranquilli per tutto il 2020?
Purtroppo, non è così: occorre istituire una contabilità specifica sin dal primo gennaio scorso, e le sanzioni non sono banali (per intenderci, sono le stesse applicabili ai fini dell’Iva).

Aldo Bisioli
Aldo Bisioli
Laureato in Economia aziendale con il massimo dei voti presso l’Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano, dal 1997 svolge l’attività presso lo studio Biscozzi Nobili, in qualità di socio dal 2003. È iscritto all’albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano dal 1992. Revisore contabile dal 1999, ora Revisore Legale. Specializzato in fiscalità d’impresa.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Leggi e Normative"
ALTRI ARTICOLI SU "Digital transformation"
ALTRI ARTICOLI SU "Imprese"