PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Decreto Rilancio: novità per Pmi e star-up innovative

Decreto Rilancio: novità per Pmi e star-up innovative

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

16 Luglio 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Tra le principali aggiunte troviamo: la detrazione fiscale fino a 300 mila euro per gli investimenti nel capitale delle start-up innovative e delle piccole e medie imprese e un credito d’imposta fino al 50% per la formazione di una società benefit

  • Per molte misure bisognerà aspettare le indicazioni del Ministro dello sviluppo economico e dell’economia per avere maggior dettagli e capire l’attuazione

Il decreto Rilancio continua il suo iter e introduce delle novità per le start-up e le piccole e medie imprese innovative

Detrazione fiscale fino a 300 mila euro per gli investimenti nel capitale delle start-up e delle piccole e medie imprese (Pmi) innovative e un credito d’imposta fino al 50% per la formazione di una società benefit (soggetti che integrano nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, anche lo scopo di avere un impatto positivo sulla società e sulla biosfera). Ma anche finanziamenti agevolati per le società che sono formate da lavoratori di imprese in crisi e un contributo a fondo perduto del 50% per tutti gli investimenti in design fatte da imprese di moda.

Queste le novità contenute all’interno del decreto Rilancio che  è stato convertito in legge il 16 luglio.

Ma entriamo nel merito delle varie agevolazioni concesse.

  • Il decreto rilancio ha dunque previsto per le persone fisiche che investono in start-up o in Pmi innovative, una detrazione d’imposta pari al 50% della somma investita nella società in questione. Questa modifica è importante perché inizialmente era stato deciso che la somma massima da detrarre dovesse essere calcolata su un importo massimo di 100.000 euro e il soggetto avrebbe dovuto mantenere l’investimento almeno per 3 anni nell’impresa innovativa scelta. Adesso invece il tetto si è alzato fino a 300.000 euro. Il periodo invece dei 3 anni resta invariato. Questo significa che se si decide di terminare l’investimento in una Pmi o start-up innovativa prima dei tre anni l’agevolazione fiscale decade.
  • Per quanto riguarda le società benfit, è riconosciuto un credito d’imposta del 50% per i costi legati alla costituzione o trasformazione in società di benefit. È possibile godere di questa agevolazione fino all’esaurimento dei 7 milioni di euro. Da ricordare che entro 90 giorni dall’entrate in vigore della legge di conversione il Ministero dell’economia e quello dello sviluppo economico definiranno le varie modalità e i criteri di attuazione dell’aiuto.
  • Passiamo ora alle imprese della moda. Questa volta si è cercato di avere un occhio di guardo alle piccole e medie imprese del settore che investono in design e nella creazione. Per raggiungere questo obiettivo è stato dunque previsto un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese (ammissibili) fatte. Il limite massimo è pari a 5 milioni di euro per il 2020. Al momento il dettaglio delle spese ammissibili non è ancora stato deciso. Entro 60 giorni dalla entrata in vigore della legge di conversione il Ministero dello sviluppo economico deciderà i dettagli e anche le modalità di erogazione.
  • Infine al Fondo per la crescita sostenibile vengono dati 15 milioni di euro per il 2020. Questi serviranno per la costituzione di nuove imprese, nelle forme di società o società cooperative, da parte di lavoratori di imprese in crisi. E’ stato deciso come gli enti, diverse dalle banche, potranno continuare a concedere dei finanziamenti a condizioni molto più agevoli rispetto a quelle presente oggi sul mercato, fino ad un volume complessivo di 30 milioni di euro. Gli importi unitari non dovranno invece essere superiori ai 40.000 euro.
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Leggi e NormativeItalia