PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Decreto rilancio: innovazione e tecnologia con più appeal

Decreto rilancio: innovazione e tecnologia con più appeal

Salva
Salva
Condividi
Alessandro Foti
Alessandro Foti

17 Giugno 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Misure del governo volte a promuovere la diffusione e il sostegno dell’imprenditorialità innovativa. Focus sulle agevolazioni previste per rafforzare l’ecosistema delle startup innovative

Con il decreto rilancio (decreto-legge n. 34/2020) il governo ha varato diverse misure, per lo più contenute negli artt. 38 e 42, finalizzate a promuovere la diffusione e il sostegno dell’imprenditorialità innovativa e per implementare le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata. La piena operatività delle misure è stata devoluta a vari decreti attuativi.

Un primo gruppo di misure ha lo scopo di rafforzare l’ecosistema delle startup innovative attraverso il potenziamento dello strumento agevolativo “Smart&Start Italia” (istituito con decreto del Mise del 24 settembre 2014). Rafforzamento che viene perseguito, da un lato, attraverso un incremento della dotazione finanziaria dello strumento Smart&Start, dall’altro, ampliandone la capacità di azione. Il governo, in tal modo, intende completare ed estendere il sostegno alle startup innovative attualmente limitato alle fasi iniziali di vita.  Ciò si evince anche dalla reazione illustrativa al decreto rilancio ove è precisato che lo strumento Smart&Start Italia è stato reso più flessibile e potenziato in modo da sopperire alle esigenze di liquidità delle startup innovative – evidentemente maggiori rispetto a quelle delle altre imprese di piccola dimensione – e/o alle loro esigenze di fondi per consolidarsi e fare scale up.

Questo primo fascio di misure introduce anche agevolazioni sotto forma di contributi a fondo perduto per l’acquisizione di servizi prestati da parte di incubatori, acceleratori, innovation hub,business angele altri soggetti, di fatto facilitando il networking nell’ecosistema dei business innovativi e così anche investimenti da parte di investitori qualificati. In tale contesto è previsto un incremento (fino a 200 milioni di euro) della dotazione del fondo di sostegno al venture capitalistituito con l. 145/2018 e una riserva di pari ammontare del fondo di garanzia delle pmi in favore delle startup innovative.

Vi sono poi due ulteriori previsioni di grande impatto per le startup innovative, ossia:
a) il potenziamento degli effetti del credito d’imposta per R&D, in particolare ai fini della maggiorazione delle spese ammissibili, in favore delle startup innovative, che svolgono tali attività nell’ambito di contratti extra muros, attraverso una equiparazione delle stesse alle università e agli istituti di ricerca;
b) la proroga di un anno della permanenza nella sezione speciale del registro imprese con conseguente estensione dei regimi di favore (agevolazioni fiscali per gli investitori, deroghe alla legge fallimentare, al regime delle società di comodo/non operative, ecc).

Da accogliere con estremo favore è anche la misura – analoga a quelle introdotte in altri paesi quali Regno Unito (Seed enterprise investment scheme) e Belgio (Tax shelter for start-ups) – che introduce un regime fiscale agevolato rivolto esclusivamente alle persone fisiche che investono importi limitati in startup o in pmi innovative. Viene, infatti, prevista una detrazione d’imposta pari al 50% della somma investita – direttamente ovvero tramite Oicr – nel capitale sociale di una o più startup innovative, per investimento massimo detraibile non eccedente 100mila per anno a condizione che sia mantenuto per almeno 3 anni. Questa misura si pone quindi a completamento e integrazione dell’attuale sistema di incentivi che prevede agevolazioni fiscali del 30% fino a 1 milione per le persone fisiche e del 30% fino a 1,8 milioni per le persone giuridiche. A questa misura se ne accompagna altra che, nell’ambito del programma Investor Visa for Italy, facilita ingresso e soggiorno nel nostro paese attraverso il dimezzamento delle soglie minime per l’attrazione di investimenti verso le società di capitali e le startup innovative.

Il decreto rilancio prevede inoltre l’istituzione di un fondo per il trasferimento tecnologico e altre misure urgenti per la difesa e il sostegno dell’innovazione (art. 42). In linea con le indicazioni europee, difatti, viene introdotta una misura urgente con cui si intende istituire presso il Mise un Fondo per il trasferimento tecnologico per lo sviluppo e la crescita del Paese attraverso convenzioni o assegnazioni dirette, accordi tra amministrazioni. Più in dettaglio, la costituzione del “Fondo per il trasferimento tecnologico” è finalizzata alla promozione di iniziative e investimenti utili alla valorizzazione e all’utilizzo dei risultati della ricerca presso le imprese operanti sul territorio nazionale, con particolare riferimento alle start-up e pmi innovative.

Le misure varate dal governo sono da accogliersi con favore perché in grado di rinvigorire il comparto delle startup e delle pmi innovative fortemente ridimensionato negli ultimi anni, salvo casi rari, e ora aggravato dall’avvento dell’emergenza covid-19. Si tratta di misure, tuttavia, che avrebbero potuto essere più coraggiose e incidere più efficacemente sull’intero comparto dell’innovazione e della tecnologia del nostro paese, incluso dall’Ocse tra i Paesi impreparati ad affrontare le sfide della digitalizzazione.

Alessandro Foti
Alessandro Foti
Avvocato tributarista senior presso lo studio De Berti-Jacchia in Milano, si occupa della materia sia in ambito nazionale sia internazionale con particolare attenzione a Hnwi e multinazionali altamente digitalizzate, quali quelle operanti nei settori big data, Ai, cloud, cybersecurity, IoT, blockchain.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Leggi e NormativecoronavirusImprese
ALTRI ARTICOLI SU "Leggi e Normative"
ALTRI ARTICOLI SU "coronavirus"
ALTRI ARTICOLI SU "Imprese"