PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Equity crowdfunding immobiliare: industria in forte crescita

Equity crowdfunding immobiliare: industria in forte crescita

Salva
Salva
Condividi
Stefania Pescarmona
Stefania Pescarmona

11 Settembre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Le piattaforme attive in Italia che hanno raccolto più capitali sono: Walliance (oltre 21,7 milioni di euro raccolti, di cui 10,62 nell’ultimo anno), Housers (11,7 milioni) e Rendimento etico (11,3 milioni)

  • A fine 2019, a livello mondiale il crowdfunding immobiliare ha raccolto oltre 20 miliardi di euro, raddoppiando il valore nel giro di un solo anno

Nel primo semestre 2020, in Italia ci sono 11 piattaforme registrate, verticalizzate nel real estate, che hanno raccolto 72 milioni di euro. A fine anno, si arriverà a sfiorare quota 100 milioni

Undici piattaforme registrate, verticalizzate nel real estate, di cui 4 di tipo equity e 7 di tipo lending, per 219 campagne che hanno raccolto 72 milioni di euro, di cui 33,5 imputabili al 2019 e i restanti 24,5 al primo semestre del 2020. Questo l’ecosistema delle piattaforme italiane di crowdfunding immobiliare, che sono state mappate nella terza edizione del real estate crowdfunding report 2019, che è stato realizzato grazie a un progetto di ricerca frutto della collaborazione tra il dipartimento di Ingegneria gestionale del Politecnico di Milano, sotto l’egida del professore Giancarlo Giudici, la piattaforma leader in Italia Walliance e con il contributo della law firm Dwf Italy.

Si tratta di un’industria che continua a macinare tassi di crescita significativi. “Il real estate crowdfunding è il comparto che in questo momento in Italia trascina il mercato. L’introduzione della possibilità per le piattaforme autorizzate da Consob di collocare anche obbligazioni introdurrà presto una nuova asset class per gli investitori: i minibond immobiliari”, ha dichiarato Giudici.

Secondo il report, le campagne italiane di lending hanno una dimensione media contenuta (poco oltre i 205 mila euro), mentre quelle di equity sono ben più grandi (in media quasi 1,3 milioni di euro).

Il 53% dei progetti ha riguardato costruzioni ex novo e il 56% è localizzato in contesti urbani. La Lombardia è il baricentro dello sviluppo con il 68% dei progetti (il 48% nella città metropolitana di Milano).

Alla fine del primo semestre, le piattaforme attive in Italia che hanno raccolto più capitali sono state Walliance, che rimane leader con oltre 21,7 milioni di euro raccolti (di cui 10,62 nell’ultimo anno), seguita da Housers e Rendimento etico, rispettivamente con 11,7 e 11,3 milioni di euro raccolti.

Evoluzione del crowdfunding immobiliare
Fonte: Real estate crowdfunding – report 2019 Politecnico di Milano - Walliance e Dwf Italy

“Grazie a realtà come Walliance il real estate crowdfunding sta dimostrando tutte le sue potenzialità come strumento di finanziamento dei progetti immobiliari, da un lato, e per la realizzazione di investimenti con ritorni interessanti, dall’altro. Anche in Dwf stiamo lavorando in vista dell’espansione internazionale della società che conseguirà alla prossima armonizzazione normativa dell’investment crowdfunding a livello europeo”, ha dichiarato Giovanni Cucchiarato,partner di Dwf Italy.

Dal canto suo, Leonardo Grechi, head of business development di Walliance, ha aggiunto: “I numeri del mercato ci fanno dire che la nicchia degli early adopter si sta esaurendo e, come abbiamo avuto modo di dire anche in passato, il prodotto è ormai maturo abbastanza da poter essere ‘accolto’ da un pubblico più ampio di investitori. Anche in questo caso l’offerta ha creato e crea la domanda e sono sicuro che in un futuro prossimo saremo in grado di stringere accordi con le grandi reti di distribuzione”.

La community di Walliance sta crescendo di giorno in giorno. “Gli investitori ci dimostrano quotidianamente di aver ormai superato a pieno quella fase in cui si domandano cosa sia il crowdinvesting, come funzioni e se “ci si possa fidare”, e sono diventati dei veri e propri ambassador sia dello strumento in quanto tale, che soprattutto del modo in cui noi in Walliance lo applichiamo”, ha aggiunto Luce Landolfi, community manager di Walliance, spiegando che il loro ruolo per noi è stato e continua ad essere fondamentale per fronteggiare la sfida della normalizzazione del concetto di finanza alternativa – soprattutto in un settore come quello dell’immobiliare, che ancora oggi vive di atti pratici, cemento e mattoni, e che con il digitale ha sempre avuto ben poco a che fare”.

In ogni caso, anche se nel corso dell’ultimo triennio il mercato è andato incontro a una significativa e costante crescita (trainata dalla Lombardia che assume il ruolo di baricentro dello sviluppo del settore con il 68% dei progetti finanziati), in Italia, il fenomeno del real estate crowdfunding è più giovane rispetto al resto d’Europa.

A fine 2019, infatti, il crowdfunding immobiliare ha raccolto a livello mondiale più di 20 miliardi di euro, raddoppiando il valore nel giro di un solo anno. Le piattaforme censite sono 144, suddivise tra piattaforme di equitylending e ibride. In particolare, nello stesso periodo, in Europa sono stati raccolti circa 3 miliardi di euro da 72 portali censiti, negli Usa 13,6 miliardi di dollari, da sole 38 piattaforme, mentre nel resto del mondo, la raccolta cumulata è stata di 5,3 miliardi, con 34 piattaforme (in crescita dalle 27 precedenti). E le attese sono positive. Se si guarda al Vecchio continente, a fine 2020, il mercato europeo –  secondo gli esperti –  negli scenari più conservativi potrà superare il valore cumulato di raccolta di 4 miliardi di euro, sfiorando la soglia dei  100 milioni di euro in Italia.

Stefania Pescarmona
Stefania Pescarmona
Direttore di We-Wealth.com e caporedattore del magazine. Ha lavorato a MF, Bloomberg Investimenti, Finanza&Mercati. Ha collaborato con Affari&Finanza (Repubblica) e Advisor
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Immobiliare