PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Case di lusso: negli Usa, tre nuovi profili di acquirenti

Case di lusso: negli Usa, tre nuovi profili di acquirenti

Salva
Salva
Condividi
Stefania Pescarmona
Stefania Pescarmona

24 Gennaio 2021
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Dal 2008, la popolazione ricca degli Usa è aumentata a un ritmo quasi costante. Secondo WealthEngine, oggi il numero di milionari è arrivanto a quota 26 milioni

  • Nell’ultimo periodo si stanno affermando tre nuovi acquirenti: gli esploratori, i nuovi suburbani e i resorter

A causa della pandemia, le priorità si sono spostate verso casa, famiglia, salute e benessere. Questi cambiamenti nello stile di vita hanno portato all’affermarsi di nuovi acquirenti nell’immobiliare di lusso degli Stati Uniti. Chi sono e cosa cercano?

Il 2020 sarà infatti ricordato come un anno senza precedenti. A causa della pandemia, le priorità si sono riallineate su casa, famiglia, salute e benessere. Questi profondi cambiamenti nello stile di vita, combinati con altri fattori come il numero crescente di persone che telelavoro, hanno portato a un boom del settore immobiliare di lusso negli Stati Uniti e alla migrazione della ricchezza verso nuovi mercati con l’affermarsi di nuovi acquirenti. Sono gli esploratori,inuovi suburbanie i resorter.

A individuare i nuovi compratori americani del lusso è il nuovo report Global luxury 2020, realizzato da Wealth-X, Wealthengine e Coldwell Banker Global Luxury, che fornisce approfondimenti su ricchezza, investimenti immobiliari, preferenze di spesa di lusso e tendenze emergenti sui cambiamenti demografici e geografici.

La pandemia ha portato alla creazione di un nuovo gruppo di pionieri benestanti, che sfidano la categorizzazione tradizionale comunemente generata da fattori demografici come il patrimonio netto, l’età o il genere. Non stanno seguendo i modelli tradizionali di migrazione dettati dal loro posto di lavoro, ma stanno cambiando le loro abitudini di spesa di lusso, spostandosi in nuove posizioni acquistando case che meglio soddisfano le esigenze della loro famiglia.  “Stanno distogliendo la loro attenzione dalle città e si stanno trasferendo in gemme nascoste di piccole città, periferie e popolari destinazioni secondarie. Molte di queste tendenze erano già in atto prima dell’inizio del 2020; la pandemia li ha semplicemente accelerati”, ha spiegato  Craig Hogan, vicepresident of luxury di Coldwell Banker Global Luxury

Poiché questi cambiamenti sono così recenti e avvengono in tempo reale, il report fornisce un nuovo sguardo sulla ricchezza.  E sui nuovi trend emergenti. Dal 2008, la popolazione ricca degli Stati Uniti è aumentata a un ritmo quasi costante. Secondo WealthEngine, oggi, il numero di milionari (cioè gli individui con un patrimonio netto di oltre 1 milione di dollari) è cresciuto, arrivando a circa 26 milioni.

 

I nuovi acquirenti: gli esploratori

Gli esploratori sono giovani con meno di 39 anni, sposati con almeno un bambino e un patrimonio netto compreso tra 1 e 5 milioni di dollari. Molti sono imprenditori, dirigenti d’azienda o professionisti le cui attività gli permettono di avere una flessibilità per lavorare da casa, vivendo lontani dai principali centri della metropolitana. Gli explorer, infatti, sono pronti a lasciarsi le loro città alle spalle, alla ricerca di nuove avventure in lontane periferie degli Usa e in piccole città dove il dollaro avrà maggiore forza.

 

I nuovi acquirenti: i nuovi suburbani (new suburbanities)

Questa nuova tipologia di acquirenti è rappresentata soprattutto da imprenditori, proprietari di imprese o senior manager che hanno la capacità di lavorare da casa, ma hanno ancora bisogno di essere all’interno della distanza pendolarismo delle città per lavoro o affari. Non vivono appunto all’interno delle città, ma stanno conducendo una rinascita dei sobborghi, prediligendo case con più spazio personale, ma con molti servizi. Hanno un’età compresa tra i 39 e 54 anni, sono sposati e hanno generalmente due o più bambini in età scolare. Il reddito disponibile varia in base alla posizione, ma mediamente il loro patrimonio netto è più alto di quello degli esploratori e si aggira dai 5 ai 10 milioni di dollari)

 

I nuovi acquirenti: i resorter

La maggior parte dei resorter ha più di 54 anni, è sposata con figli possibilmente grandi o adulti. Molti sono già in età pensionabile e sono liberi di vivere ovunque vogliono. Abituati a una vita sofisticata, cercano proprietà che offrono uno stile di vita che corrisponde alla loro ricchezza, di conseguenza prediligono destinazioni di vacanza famose in tutto il mondo, dove possono godere di uno stile di vita da resort godendo di aria fresca, libertà e accesso a svago e servizi di lusso.  In molti casi, però, non rinunciano completamente alle loro case di città.
Spesso, infatti, i resorter scelgono le loro posizioni in base alle loro passioni. Possono trasferirsi definitivamente nella loro destinazione preferita di vacanza o stanno convertendo una seconda casa stagionale già in loro possesso a una residenza primaria in risposta alla pandemia. “Poiché i mercati dei resort tendono ad avere prezzi più alti, i resorter si trovano spesso in una fascia di ricchezza più alta, dai 10 milioni di dollari in su.

Stefania Pescarmona
Stefania Pescarmona
Direttore di We-Wealth.com e caporedattore del magazine. Ha lavorato a MF, Bloomberg Investimenti, Finanza&Mercati. Ha collaborato con Affari&Finanza (Repubblica) e Advisor
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Immobiliarereal estate