PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Quaestio Capital punta sul private debt: nuovo closing per il fondo

Quaestio Capital punta sul private debt: nuovo closing per il fondo

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

16 Ottobre 2018
Salva
  • Il private debt, secondo Aifi e Deloitte, ha raccolto 141 milioni di euro

  • Quaestio Capital ha circa 10 miliardi di euro di attivi in gestione

Nuovo closing per il fondo di private debt di Quaestio Capital, che ha raggiunto circa 623 milioni di euro grazie ai nuovi investitori. Il fondo è ancora in fase di raccolta

Quaestio Capital annuncia un nuovo closing per il fondo Quaestio Private Markets Funds – European Private Debt. Attraverso l’adesione di nuovi investitori, la dimensione del fondo ha raggiunto circa 623 milioni di euro. Quaestio Private Markets Funds – European Private Debt è una Sicav-Sif di diritto lussemburghese, riservata ad investitori istituzionali, che investe nel settore del private debt grazie a una innovativa struttura multimanager con alcuni tra i migliori operatori del settore. Il fondo è ancora in fase di raccolta.

 

Il private debt

 

Parlando di private debt, ci si riferisce al mondo degli strumenti di debito (dai minibond e prestiti a formule più complesse di finanziamento) a supporto delle imprese, perlopiù di medie dimensioni. Invece che capitale, com’è l’attività classica dei fondi di private equity, viene fornito uno strumento di debito. Anche in alternativa ai prestiti bancari, ancora difficili da ottenere per le aziende.

Il private debt è una realtà ormai consolidata in Italia, che sta diventando sempre più uno strumento di supporto all’economia reale. Questo anche secondo gli ultimi dati presentati da Aifi (Associazione italiana del private equity venture capital e private debt) e Deloitte. Il private debt sta dunque cercando di intercettare sempre le richieste delle aziende, in questo preciso momento storico di incertezza finanziaria, per crescere, specializzarsi ed essere competitivi ha bisogno di capitali.

Nel primo semestre del 2018 sono stati raccolti sul mercato 141 milioni di euro. Dal 2013 ad oggi, il fundraising complessivo ammonta invece a 1,9 miliardi di euro. Per quanto riguarda le fonti, si è rilevato come, la parte del leone dal 2013 al 2018 è stata fatta dal Fondo italiano investimento (24%) seguito dalle banche (22%), dalle assicurazioni (17%) e dai fondi pensione e casse di previdenza (14%).

I capitali raccolti provengono per il 90% dall’Italia mentre il 10% dall’estero. Riscontri positivi anche nel campo degli investimenti. Nella prima parte del 2018 sono stati investiti 448 milioni di euro. Dato che registra un +79% rispetto al primo semestre del 2017.

Dai dati raccolti emerge come la durata media delle operazioni risulta essere di poco inferiore ai cinque anni, e nell’85% dei casi, le dimensioni delle sottoscrizioni, hanno riguardato operazioni con un taglio medio inferiore ai 10 milioni di euro.

 

La società

 

Quaestio Capital è una società di gestione italiana con una prospettiva globale, che ha l’obiettivo di investire per i propri clienti coniugando la ricerca e l’esperienza diretta sui mercati. La società ha circa 10 miliardi di euro di attivi in gestione. Il successo di Quaestio, spiega la stessa società, si basa su innovazione, esperienza, solidità e capacità di attrarre talenti.

“Questi valori – sottolinea Quaestio – guidano da sempre le attività della società permettendo ogni giorno di dare accesso ai clienti, siano essi istituzionali o professionali, alle migliori opportunità di investimento. Quaestio è tra i leader in Italia nella gestione di fondi Ucits e alternativi per clientela istituzionale. Grazie alle sue competenze, Quaestio è in grado di offrire soluzioni su misura diversificate e all’avanguardia”.

 

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Altri Prodotti Quaestio Capital AIFI Deloitte
Se non vuoi mancare aggiornamenti importanti per te, registrati e segui gli argomenti che ti interessano.