PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Non è più il tempo dei fondi speculativi

Non è più il tempo dei fondi speculativi

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

25 Marzo 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • L’ultimo trimestre del 2018 ha segnato solo 111 nuovi lanci, in calo di 79 lanci rispetto allo stesso periodo del 2017

  • Le liquidazioni di hedge fund nel 2018 si sono ridotte rispetto all’anno precedente, con un valore di 659 chiusure rispetto alle 784 del 2017

Nel 2018 sono stati lanciati soltanto 561 hedge fund, il valore minimo dal 2000. È quanto emerge dall’Hfr market microstructure report. In calo anche il numero di liquidazioni

Gli hedge fund non vanno più di moda. Il numero di nuovi fondi speculativi lanciati nel 2018 è il più basso dagli anni 2000. È quanto emerge dall’ultimo report di Hfr, società specializzata in analisi e ricerca sui fondi hedge a livello globale. Secondo l’Hfr market microstructure report, lo scorso anno sono stati lanciati 561 nuovi hedge fund. L’ultimo trimestre del 2018, in particolare, ha segnato solo 111 nuovi lanci, in calo di 33 lanci rispetto al trimestre precedente e di 79 rispetto allo stesso periodo del 2017. E a febbraio 2019 gli investitori hanno aggiunto 1,63 miliardi di dollari nei fondi hedge.

Si tratta in particolare del secondo trimestre consecutivo in cui il numero di liquidazioni di questa tipologia di fondi hanno superato quello dei lanci degli stessi. Le liquidazioni del comparto sono aumentate nel quarto trimestre del 2018 a circa 215 hedge fund, il livello più alto dal secondo trimestre del 2017, quando sono stati chiusi 222 fondi. Nonostante l’aumento delle liquidazioni a fine anno, il numero totale di chiusure per il 2018 è diminuito a quota 659 fondi. Centoventicinque fondi liquidati in meno rispetto ai 784 hedge fund del 2017. E il totale delle liquidazioni per il 2018 rappresenta anche il valore più basso dal 2007, anno in cui sono state registrate 563 chiusure di fondi.

In un contesto normativo post Mifid 2, sempre più attento alla gestione dei costi, secondo il report di Hfr le commissioni medie di gestione degli hedge fund lanciati nel 2018 sono state pari all’1,29%, con un calo di 5 punti base rispetto alla media del 2017 dell’1,34%. Le commissioni medie di incentivo per i fondi lanciati nel 2018 sono state del 17,9%, con un aumento di 93 punti base rispetto alle commissioni medie del 16,97% stimate per i fondi lanciati nel 2017.

Le commissioni medie di gestione nel quarto trimestre del 2018 hanno toccato il loro valore più basso da quando la società ha iniziato a pubblicare le sue stime nel 2008, mentre le commissioni medie di incentivo sono leggermente diminuite, sempre nel quarto trimestre dello scorso anno, rispetto al trimestre precedente. Le commissioni medie di gestione, infatti, sono rimaste invariate all’1,43%, mentre quelle di incentivo sono scese di 3 punti base al 16,90%.

“Nonostante i guadagni in termini di performance per i fondi macro e i fondi multi strategia di credito, un forte sentiment di risk-off e la caduta della tolleranza al rischio degli investitori, insieme alla volatilità dei mercati finanziari aumentata nel quarto trimestre, hanno frenato i lanci di hedge fund fino a fine anno, che hanno fatto registrare in questo senso il peggior ultimo trimestre dal 2008 e il peggior anno dal 2000”, commenta Kenneth J. Heinz, presidente di Hfr.

Secondo Heinz, “nel corso dell’anno sono diminuite anche le liquidazioni, fattore che dimostra come gli investitori stiano mantenendo le proprie posizioni solo nei fondi già avviati. Mentre la propensione al rischio degli investitori è tornata all’inizio del 2019, il contesto rimane impegnativo per i nuovi lanci di fondi”. Per il presidente, “è probabile che la fine dell’anno acceleri le pressioni degli investitori istituzionali nei confronti di commissioni più basse e maggiore liquidità, oltre delle performance”.

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Altri Prodotti"
ALTRI ARTICOLI SU "Azionari internazionali"
ALTRI ARTICOLI SU "Obbligazionari Internazionali"