PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Miv, raggiunta una capitalizzazione aggregata di 1,4 miliardi

Miv, raggiunta una capitalizzazione aggregata di 1,4 miliardi

Salva
Salva
Condividi
Rita Annunziata
Rita Annunziata

04 Settembre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • “Il sottogruppo relativo ai Fondi Chiusi sta vivendo un momento di particolare dinamismo, grazie alla possibilità di concentrarsi su strategie di medio e lungo termine”, commenta Andrea Sironi

  • I fondi chiusi quotati sui mercati inglesi sono 450, con una capitalizzazione totale di 220 miliardi di dollari

  • “Il nuovo assetto del Miv nasce dal confronto con i market player e sta facendo emergere un’interessante pipeline di nuove iniziative”, chiosa Patrizia Celia

Secondo i dati di Borsa Italiana, sono 17 i veicoli di investimento quotati sul Miv, il mercato di riferimento per la quotazione dei fondi e dei veicoli societari che investono nell’economia reale. Raggiunta una capitalizzazione aggregata di 1,4 miliardi di euro

Oggi sono 17 i veicoli di investimento quotati sul Miv, il mercato di riferimento di Borsa Italiana per la quotazione di fondi e veicoli societari che investono in strumenti di economia reale. Con una capitalizzazione aggregata di 1,4 miliardi di euro al mese di luglio 2019, i dati positivi di Piazza Affari seguono la scia di un trend internazionale di crescita: sono oltre 450 i fondi chiusi quotati ad esempio sui mercati inglesi, che hanno raggiunto una capitalizzazione totale di 220 miliardi di dollari. Inoltre, le diverse strategie di investimento hanno superato la quota 80, dalle startup-pmi agli asset rinnovabili e infrastrutturali, con investimenti sia in forma di debito che di equity. Dall’inizio del 2019, sono stati raccolti circa cinque miliardi di dollari, con orizzonti d’investimento di medio lungo termine.

“All’interno della grande famiglia dei Fondi di Investimento Alternativi (Fia), il sottogruppo relativo ai Fondi Chiusi sta vivendo un momento di particolare dinamismo, grazie alla possibilità di concentrarsi su strategie di medio e lungo termine, realizzate tramite investimenti in asset class di economia reale”, ha commentato Andrea Sironi, presidente di Borsa Italiana. In particolare, spiega Sironi, attraverso la quotazione dei Fia chiusi è possibile godere della fase dell’Offerta Pubblica Iniziale per concentrarsi sulla raccolta e sulla distribuzione e, di conseguenza, ampliare il numero di investitori. “La quotazione consente di ottimizzare le risorse disponibili e rendere più efficiente la gestione di un’eventuale liquidazione anticipata dei Fia”, continua Sironi, che conclude: “La sinergica collaborazione con le autorità competenti e i principali player di mercato ha portato alla definizione del nuovo assetto del Miv, che ci auspichiamo possa fornire una nuova opportunità di accesso alla finanza alternativa e contribuire al finanziamento della crescita della nostra economia reale”.

Il progetto avviato dalla società guidata dall’amministratore delegato Raffaele Jerusalmi, in particolare, ha come finalità quella di costituire un mercato che permetta di raccogliere risorse finanziarie non solo in fase Ipo, ma anche successivamente, con crescite di capitali costanti. Dallo scorso tre giugno, infatti, è stata avviata una modalità di negoziazione ancorata al Nav (Net Asset Value), vale a dire il rapporto tra la somma dei valori di mercato delle attività del portafoglio di un fondo comune di investimento e il numero di quote in circolazione, utilizzato dalle società d’investimento per valutare il rendimento azionario nei propri portafogli. In seguito, sarà costituita una pipeline di veicoli di investimento che, a loro volta, avranno la possibilità di orientare le risorse raccolte verso una serie di strategie di investimento.

“Il nuovo assetto del Miv nasce dal confronto con i market player e sta facendo emergere un’interessante pipeline di nuove iniziative – chiosa Patrizia Celia, head of large caps, investment vehicles, & market intelligence di Borsa Italiana – Fondamentale, da qui in avanti, è la collaborazione dell’intera industria per supportare l’incrocio tra domanda e offerta, aumentare gli Asset Under Management disponibili e ampliare la base di investitori sottoscrittori. Il tutto a beneficio del finanziamento della crescita del nostro Paese”.

Rita Annunziata
Rita Annunziata
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Altri Prodotti Borsa Italiana Italia
ALTRI ARTICOLI SU "Altri Prodotti"
ALTRI ARTICOLI SU "Borsa Italiana"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"