PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Investitori hanno paura, oro rompe muro 2000 dollari

Investitori hanno paura, oro rompe muro 2000 dollari

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

05 Agosto 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Martedì 4 agosto 2020, mentre dollaro e rendimenti dei titoli di Stato Usa continuavano a perdere terreno, l’aurum superava la barriera dei 2000 dollari all’oncia

  • Se il dollaro si indebolisce rispetto alle altre divise, il gold si rafforza. Ciò significa che acquistare il metallo prezioso nelle altre valute conviene di più. Questo meccanismo stimola un innalzamento ulteriore delle quotazioni

  • Al picco di 2040 dollari stanno contribuendo i timori geopolitici, incluse le esplosioni di Beirut

Continua la cavalcata dell’oro, che sfreccia oltre i 2000 dollari all’oncia. Con Treasury e dollaro sempre più deboli, gli investitori cercano la più tradizionale delle protezioni. E il rally non si arresta

Rifugio più che mai. Gli investitori non cercano altro, al tempo dell’incertezza radicale. Martedì 4 agosto 2020, mentre dollaro e rendimenti dei titoli di Stato Usa continuavano a perdere terreno, l’aurum superava la barriera dei 2000 dollari all’oncia. Oro e valuta statunitense sono legati da una relazione inversa: se il dollaro si indebolisce rispetto alle altre divise, il gold si rafforza. Ciò significa che acquistare il metallo prezioso nelle altre valute conviene di più. Questo meccanismo stimola un innalzamento ulteriore delle quotazioni auree.

Quello. dei 2040 dollari è il record storico per il metallo prezioso, che supera se stesso (l’ultimo picco si era avuto nel settembre 2011). Il rally dell’oro si alimenta della mole di liquidità immessa nelle economie per contrastare gli effetti della crisi pandemica: con tassi prossimi allo zero, gli investitori cercano uno scudo sicuro. Del resto, “The Fed can’t print gold forever”, dice il paper di Bank of America Merryl Lynch con la previsione di quota 3000 per fine 2021.

La pandemia sta mostrando una recrudescenza, e gli investitori sono orientati verso gli asset sicuri. Al picco di 2040 dollari stanno contribuendo i timori geopolitici, incluse le esplosioni di Beirut, come sottolinea in una nota Mizuho Bank.

Da inizio anno, i prezzi dell’oro spot sono aumentati di oltre il 32% , e ci sono tutte le premesse perché superino il 1979, l’anno migliore da questo punto di vista. Gli analisti in generale vedono potenziale di rialzo sia per l’oro che per l’argento, metallo green e indusriale.

Combustibile della corsa del metallo giallo è pure la sfiducia nelle valute in generale, oltre che nei confronti del dollaro, sempre a causa dall’allentamento monetario e del picco di spesa pubblica.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
caporedattore
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Altri ProdottiOrocoronavirus
ALTRI ARTICOLI SU "Altri Prodotti"
ALTRI ARTICOLI SU "Oro"
ALTRI ARTICOLI SU "coronavirus"