PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Il 44% degli investitori globali punti al settore delle infrastrutture italiane

Il 44% degli investitori globali punti al settore delle infrastrutture italiane

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

11 Agosto 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • La ricerca ha coinvolto 56 dirigenti di società, istituti finanziari e fondi infrastrutturali a livello internazionale

  • Il 44% degli intervistati prevede di investire nei prossimi 12 mesi nel settore delle infrastrutture italiane

Il settore delle infrastrutture piace sempre di più agli investitori internazionali. A dirlo è l’ultima ricerca pubblica da EY “Infrastructure Barometer”

Il settore infrastrutturale italiano piace all’estero. A dirlo è l’ultimo report di Ey “Infrastructure Barometer”,che ha coinvolto 56 dirigenti di società, istituti finanziari e fondi infrastrutturali a livello internazionale. Secondo lo studio il 44% degli intervistati prevede di investire nei prossimi 12 mesi nel settore delle infrastrutture italiane. La maggiore fiducia deriva dal paventato consolidamento del settore edile italiano e dall’introduzione di un nuovo codice degli appalti associati (dopo il crollo del ponte Morandi) alla diffusione del Covid-19 che hanno modificato e attirato l’attenzione degli investitori verso il settore delle infrastrutture italiane, specifica il report.

“Il settore infrastrutturale italiano è considerato un mercato chiave per i principali investitori istituzionali globali ed è reso attrattivo sia dal gap tra infrastrutture esistenti e infrastrutture necessarie sia dalle maggiori opportunità esistenti rispetto ad altri Paesi con economie mature, dove un processo di consolidamento è già in atto da anni. In un contesto così favorevole, dove le difficoltà sono rappresentate dall’incertezza politica e regolatoria ma le istituzioni sembrano lavorare nella giusta direzione, ci auguriamo che il Paese riesca a cogliere appieno questa opportunità”, dichiara Andrea Scialpi, Strategy and Transactions partner di EY

Dalla ricerca è dunque emerso un notevole interesse verso il mondo delle infrastrutture italiane. Non solo il 44% pensa di voler investire nel prossimo anno in Italia con il focus il settore delle infrastrutture, ma la qualità di questo settore è ampiamente considerata in linea con la media Ue, nonostante alcune preoccupazioni in merito ai segmenti: trasporti (per il 39% degli intervistati al di sotto della media Ue), infrastrutture sociali (per il 40% degli intervistati al di sotto della media Ue) e PPP (per il 46% degli intervistati al di sotto della media Ue). A questo si aggiunge però come la maggior parte degli investitori è attratta da segmenti maturi come autostrade (57%), ferrovie (54%) e fonti rinnovabili (75%), così come dal settore ospedaliero (66%) in ascesa anche causa Covid-19. Inoltre, il 59% degli intervistati si aspetta di vedere un aumento della concorrenza per investimenti in infrastrutture italiane nei prossimi 12 mesi. A tutto questo fa però da cornice un aspetto negativo e che caratterizza da sempre il nostro paese: per il 79% degli intervistati l’incertezza politica e normativa rappresenta il principale freno per gli investimenti in Italia.

“Gli interventi sulle infrastrutture hanno un notevole effetto moltiplicatore, si stima che ogni euro speso si moltiplichi fino a 2.5 volte in valore sul Pil, pertanto gli investimenti nel settore sono considerati una delle leve chiave per la ripresa. Tuttavia, in Italia il settore risulta ancora parzialmente sottosviluppato: l’incidenza degli investimenti in infrastrutture sul Pil in Italia è del 2,1% per gli investimenti pubblici e del 5,2% per quelli privati, rispetto alla media Ue che si attesta rispettivamente sul 3% e sul 7%”, commenta Marco Daviddi, strategy and transactions managing partner di EY.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Altri ProdottiItaliaEY
ALTRI ARTICOLI SU "investitori"
ALTRI ARTICOLI SU "Altri Prodotti"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"
ALTRI ARTICOLI SU "EY"