PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Cina e Giappone, un ponte targato Etf

Cina e Giappone, un ponte targato Etf

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

07 Ottobre 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Lo schema China-Japan Etf Connectivity è stato presentato a giugno nel corso di due cerimonie in contemporanea dai vertici delle Borse di Shanghai e Tokyo

  • Il progetto sarà avviato con la quotazione di quattro Etf giapponesi alla Borsa di Shanghai e di quattro corrispettivi Etf cinesi alla borsa di Tokyo

  • Le attività dei 4 Etf cinesi quotati a Tokyo sono scese da 70,6 milioni di dollari alla data di quotazione (25 giugno) a 68,4 milioni il 25 settembre, secondo i dati di Bloomberg

Tra Cina e Giappone nasce un ponte basato sugli Etf: è stato lanciato uno schema che agevola le contrattazioni di questi strumenti tra i due paesi

I fondi negoziati in Borsa potrebbero sembrare un modo improbabile per migliorare l’armonia tra nazioni rivali, ma la Cina e il Giappone hanno deciso di cooperare per un nuovo schema Etf progettato per rafforzare i collegamenti tra i mercati dei due paesi.

Lo schema China-Japan Etf Connectivity è stato presentato a giugno nel corso di due cerimonie in contemporanea dai vertici delle Borse di Shanghai e Tokyo. L’annuncio segna il culmine di 10 mesi di trattative. Il progetto alla base di questo schema Cina-Giappone vuole facilitare un accesso a basso costo ai mercati azionari cinese e giapponese da parte dei due paesi.

Il progetto sarà avviato con la quotazione di quattro Etf feeder (letteralmente: alimentatori)  giapponesi alla Borsa di Shanghai e di quattro corrispettivi Etf feeder cinesi alla borsa di Tokyo. “È un passo di grande importanza per la Cina e il Giappone, seconda e terza economia mondiale, che tentano di creare legame sui mercati dei capitali in un momento in cui sta aumentando il protezionismo commerciale “, ha affermato Fang Xinghai, vicepresidente di la China Securities Regulatory Commission.

Le azioni del governo cinese per gestire il tasso di cambio hanno storicamente limitato i flussi di capitali verso l’estero. Ma Pechino sta gradualmente aprendo i suoi mercati nel tentativo di attrarre più investimenti tramite iniziative dedicate. Questo a sua volta “sta spingendo un maggior numero di investitori stranieri ad aumentare i coefficienti cinesi nei portafogli”, ha affermato Deborah Fuhr, co-fondatrice di Etfgi, società di consulenza con sede a Londra. “Il nuovo programma di connettività degli Etf fornirà agli investitori giapponesi una pipeline altamente efficiente per accedere al mercato azionario cinese”.

Ma l’interesse degli investitori non sembra essere stato all’altezza delle aspettative. A causa dell’incertezza causata dalla crescente guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina è stato “abbastanza difficile” raccogliere fondi da investitori istituzionali e retail giapponesi, ha dichiarato Kazuhiko Inaba, direttore generale della divisione globale di gestione patrimoniale di Mitsubishi Ufj. Le attività dei 4 Etf cinesi quotati a Tokyo sono scese da 70,6 milioni di dollari alla data di quotazione (25 giugno) a 68,4 milioni il 25 settembre, secondo i dati di Bloomberg. Le attività dei 4 Etf giapponesi quotati a Shanghai sono scese da 127,7 milioni a 36,3 milioni nello stesso periodo.

I gestori cinesi che partecipano al programma di connettività sono E Fund, China Asset Management, China Southern Asset Management e HuaAn Funds. Gli Etf sui tracker cinesi listati a Tokyo saranno gestiti da Asset Management One, Mitsubishi Ufj Kokusai Asset Management, Nikko Asset Management e Nomura Asset Management.

La via degli Etf apre la strada a ulteriori future partnership tra la Cina e altri mercati. La Borsa di Shanghai ha affermato di voler cercare ulteriori partner per accelerare la liberalizzazione dei mercati dei capitali della Cina. Si parla di un possibile programma di collegamento obbligazionario con Londra, un sistema di collegamento azionario con la Svizzera e un meccanismo di doppia quotazione con l’azionario di India e Shanghai.

Ma le crescenti tensioni politiche tra Washington e Pechino hanno gettato incertezza su tutti questi potenziali sviluppi. L’amministrazione del presidente Usa Donald Trump starebbe valutando la possibilità di impedire alle società cinesi di quotarsi sul mercato statunitense e di limitare gli investimenti dei fondi pensione governativi nell’azionario cinese. Pechino potrebbe voler rispondere a queste misure aumentando l’incertezza degli investitori di tutto il mondo.

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Altri Prodotti ETF Cina