PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

YueBao, il borsellino per le monete è diventato gigante

YueBao, il borsellino per le monete è diventato gigante

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

22 Agosto 2018
Salva
  • Storia del fenomeno

  • Le ragioni del suo successo

  • Uno strumento di protezione?

Come ha fatto YueBao, il “maialino” di coccio per le monetine di resto di Taobao (Alibaba Group) a diventare il più grande fondo fra i mercati della moneta mondiali? Non è solo una questione di numeri. E c’entra anche la guerra dei dazi…

Il “tesoro avanzato”

Yuebao, “Yu’e Bao” per l’esattezza, nasce nel 2014 come maialino per le monetine di resto degli acquisti effettuati su Taobao, l’Amazon di Cina (Alibaba Group). Si tratta di piccole cifre, degli spiccioli rimasti nel proprio wallet dopo essersi accaparrati gli sconti migliori. I centesimi di yuan erano pochi, ma gli utenti centinaia di milioni. Oggi, Yuebao è il più grande fondo nei mercati della moneta mondiali.

Il porcellino virtuale creato dall’inventiva di Jack Ma, patron di Alibaba, è diventato uno dei fiori all’occhiello di Ant Financial (ex Alipay), attualmente l’unicorno di maggior valore al mondo.

La storia

Alla sua nascita, nel giugno del 2013, Yuebao viene salutato dai media cinesi non troppo calorosamente, con l’appellativo di “bottiglia nuova per il vino vecchio”. I fondi per il mercato monetario infatti all’epoca sono già più di duecento. E il nuovo nato non sembra distinguersi per nessuna caratteristica in particolare, tantomeno quella dei rendimenti attesi. Poi, l’opinione pubblica cambia idea. Cominciano ad arrivare una pioggia di elogi per il “fondo delle masse”. In effetti, in Yuebao non vi sono le barriere all’entrata che precludono l’ingresso ai grossi fondi da parte dei piccoli investitori, potendovisi cacciar dentro anche cifre davvero irrisorie.

Gli utenti ne sono entusiasti, ne parlano sui social media cinesi. La stampa comincia a riportare periodicamente i tassi di rendimento del fondo.

I motivi del successo di Yuebao

Il borsellino è stato messo proprio là dove la propensione al risparmio è elevata: nel commercio elettronico consumer to consumer. La dimensione monetaria in valore assoluto è ridotta, è vero, ma moltiplicandola per il numero di utenti in Cina…

Yuebao è perfettamente integrato nella app per i pagamenti effettuati su Taobao. Il tool di pagamento di Ant Financial (ex Alipay, la versione cinese di Paypal) è in grado di accantonare le “monetine” nel borsellino in pochissimi clic. E questa funzionalità può essere impostata in automatico.

Il meccanismo instillato dal pay wallet è simile ad un gioco, e in quanto tale crea una leggera dipendenza, scatenando la competizione fra investitori ultraleggeri.

Un concorrente per il wealth management?

In una nota ufficiale del 2013 si leggeva che “Yuebao non è assolutamente in concorrenza con i prodotti finanziari emessi dalle grandi banche”. Dichiarazione troppo frettolosa e perentoria. Già a fine 2013 il borsellino sfondava infatti la soglia dei cento miliardi di yuan. Un fiume di denaro in entrata e in uscita, senza far pagare commissioni agli utenti investitori. I rendimenti sono poi di vari punti superiori a quelli che le banche tradizionali possono offrire sui depositi a breve termine.

L’opinione di Fitch e della Asset Management Association of China

I fondi monetari rappresentano il 61% del totale, in Cina. Nel resto del mondo la percentuale scende al 12% (dati Fitch). Perché? Come ammettono dall’Asset Management Association Of China, i motivi per cui i risparmiatori cinesi stanno preferendo questo tipo di strumento alle azioni e alle obbligazioni o anche ai depositi bancari tradizionali sono diversi. Innanzitutto, la lotta del governo centrale all’annosa questione del sistema bancario ombra del Paese. Poi, il timore che i bond delle Soe (State Owned Enterprises) non vengano rimborsati proprio perché queste ultime sono fortemente dipendenti dai finanziatori non ufficiali. Infine, la terza classe di motivi è ascrivibile alle scaramucce commerciali con gli Usa. Il piccolo investitore cinese è molto prudente: la possibilità anche solo remota di una seria guerra commerciale gli rende l’azionario meno appetibile di un wallet in cui accumulare i resti dei suoi acquisti…

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Digital Transformation Cina