PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Quattro driver per la rivoluzione dei pagamenti in Asia

Quattro driver per la rivoluzione dei pagamenti in Asia

Salva
Salva
Condividi
Livia Caivano
Livia Caivano

17 Novembre 2020
Tempo di lettura: 5 min
Tempo di lettura: 5 min
Salva
  • Probabilmente l’impatto più grande e duraturo del covid-19 sull’industria dei pagamenti sarà nel mondo contactless

  • Il denaro contante non dovrebbe scomparire ma il suo utilizzo in Asia continuerà a diminuire

  • Le entrate cross-border in Asia sono aumentate in media del 6% all’anno tra il 2011 e il 2019

In termini di ricavi l’industria dei pagamenti asiatici non teme rivali: negli ultimi anni è la regione ad aver registrato la crescita maggiore. Contactless, cashless, cross-border e consolidamento: ecco i fattori “c” che secondo un report McKinsey stanno ridisegnando il sistema dei pagamenti

Il panorama dei pagamenti in Asia sta evolvendo molto rapidamente, complice anche la pandemia di covid con la quale tutti i paesi, da est a ovest, stanno facendo i conti. Nel prossimo decennio temi che oggi consideriamo marginali prenderanno il sopravvento, dando vita a un sistema molto diverso da quello che oggi conosciamo.

 

McKinsey prova a fare uno screening di questi temi e in un report dall’esaustivo titolo The future of payments in Asia, ne stila un elenco ben preciso: “Il nostro obiettivo è identificare una serie completa di tendenze che ridisegneranno il settore dei pagamenti e avviare un dialogo su come l’ecosistema dei pagamenti asiatico del 2025 sarà diverso dallo stato attuale”.

  • Contactless

Dal punto di vista dei pagamenti, probabilmente l’impatto più grande e duraturo del virus sarà nel mondo contactless. “La pandemia – si legge nel report – ha spinto i clienti a cercare alternative che non prevedessero contatto per le attività quotidiane – e i pagamenti non fanno eccezione”. Anche se i volumi dei pagamenti sono diminuiti complessivamente durante i lockdown imposti dai governi di moltissimi paesi, la base di utenti contactless è cresciuta fino al 20% nella regione asiatica. “Ci aspettiamo che dal 70 all’80% dei nuovi utenti continui a utilizzare a lungo termine queste nuove forme. Escludendo la Cina continentale, dove l’uso dei pagamenti mobili è già ben consolidato, McKinsey prevede che il numero di utenti di pagamenti mobili sarà più che raddoppiato entro il 2025, superando i due miliardi”.

L’aumento della domanda di funzionalità digitali ha determinato cambiamenti senza precedenti nei business e i commercianti devono affrontare la richiesta dei consumatori di pagare da remoto. Le aspettative nei confronti dei fornitori di servizi di pagamento stanno esulando le vie tradizionali e gli acquirenti cercano canali dove poter realizzare tutti i loro acquisti. Si legge nell’analisi McKinsey: “Questa proposta di valore include l’integrazione più trasparente dei pagamenti nel flusso commerciale e l’estensione delle offerte per soddisfare anche le esigenze di finanziamento e crescita dei commercianti”.

  • Cashless

Il denaro contante non dovrebbe scomparire ma il suo utilizzo in Asia continuerà a diminuire. Nell’ultimo decennio, l’utilizzo del contante nelle economie occidentali mature è diminuito di circa 30 punti percentuali rispetto ai livelli iniziali di circa il 55% delle transazioni. “Il livello target di elettronificazione dei pagamenti sarà diverso in tutta l’Asia, dati i punti di partenza che variano da meno del 3% delle transazioni in Indonesia fino al 60% a Singapore. La liquidità diminuirà più rapidamente ma non svanirà. I paesi sia dell’Asia sviluppata che di quella emergente rimangono nelle fasi relativamente iniziali del cash displacement”. L’utilizzo del contante, misurato in percentuale delle transazioni, rimane superiore a quello dell’Unione Europea e degli Stati Uniti.

  • Cross-border

Le entrate transfrontaliere hanno contribuito in modo determinante alla crescita dei pagamenti in corso in Asia, aumentando in media del 6% all’anno tra il 2011 e il 2019. “Poiché l’economia emerge dallo shock a breve termine del covid, i pagamenti transfrontalieri relativi ai consumatori torneranno diventare la più grande opportunità per ulteriore penetrazione e innovazione. Un’altra grande opportunità esiste per consentire alla popolazione di accedere al commercio elettronico internazionale”.

  • Consolidamento

La lunga espansione economica dell’Asia ha offerto una quantità insolita di crescita a una varietà di giocatori grazie alla disponibilità di capitale. Sebbene un tale ambiente avvantaggi l’innovazione nella fase iniziale, può compromettere la capacità del mercato di riunirsi attorno a un numero limitato di soluzioni quando sono richieste scalabilità e ubiquità. “Il covid ha inferto un duro colpo al venture capital, che fatica ad attrarre capitale – così le aziende autonome con un flusso di cassa negativo devono affrontare difficili scalate. Le società dovrebbero avere l’opportunità di integrarsi lungo la catena del valore e imbastire soluzioni particolarmente innovative a valutazioni che sarebbero sembrate improbabili solo pochi mesi fa. Questo cambiamento potrebbe fornire l’ulteriore vantaggio di razionalizzare la capacità di mercato in eccesso – ad esempio nello spazio del portafoglio elettronico. Se l’Europa è una guida, gli specialisti dei pagamenti sono pronti ad assorbire porzioni significative della catena del valore, come le acquisizioni, che sono state a lungo servite dalle banche”.

Livia Caivano
Livia Caivano
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Digital TransformationMckinsey