PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Londra e New York, calamite per investimenti e talenti esteri

Londra e New York, calamite per investimenti e talenti esteri

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

20 Luglio 2018
Salva
  • Londra e New York guidano la classifica delle città che attirano i migliori investimenti e talenti dal mondo

  • La Brexit e le mosse protezionistiche di Trump potrebbero compromettere la posizione di Londra e New York nelle club delle Big seven

Sono sette le città che dal 2013 ad oggi continuano ad attirare aziende e cervelli dall’estero. La loro forza sta nel riuscire a promuovere nuovi percorsi di innovazione e nell’investire in nuove infrastrutture

Londra, New York, Parigi e Singapore sono le città che attirano i migliori investimenti e talenti da ogni parte del mondo. Questo quanto emerge dalla classifica pubblicata da Jll, multinazionale dell’immobiliare, che dal 2013 studia i diversi mercati per capire dove investire. La classifica vede dunque al primo posto Londra, seguita a ruota da New York, Parigi, Singapore, Tokyo, Hong Kong e Seoul. Dal 2013 Londra e New York sono rimaste in cima alla lista. “Questo duo” dichiara la società “continua a guidare la classifica per numero di aziende e talenti che ogni anno si trasferiscono da loro”.

classifica città grafico

Fonte: JLL

La conseguenza è che in queste città gli investimenti immobiliari continuano a crescere. Stando ai dati di Jll tra il 2014 e il 2017 le prime tre città nel settore immobiliare sono state: New York con investimenti pari a 149 miliardi di dollari, seguita da Londra con 110 miliardi di dollari e Tokyo con 66 miliardi di dollari. Fanalino di coda è Amsterdam con investimenti per otto miliardi di dollari.

classifica paesi

Fonte JLL

La discriminante fra queste sette città e le altre è la capacità di promuovere nuovi percorsi di innovazione. Le start- up e le società innovative preferiscono dunque scegliere come sede Londra o New York, piuttosto che Roma o Washington. Inoltre, un altro elemento di forza sono le infrastrutture. Avere dei buoni collegamenti, che permettono di spostarsi comodamente da una parte all’altra della stessa città sta diventando sempre più un elemento fondamentale per le aziende. Secondo il Word Economic Forum sulle infrastrutture e lo sviluppo a lungo termine esiste un divario, tra le città più sviluppate e quelle meno, di circa un miliardo di dollari in investimenti.

Non tutto è perduto. Il predominio di New York e Londra potrebbe essere messo in discussione. Il Regno Unito è infatti alle prese con la Brexit e le misure protezionistiche imposte dal governo americano potrebbero ribaltare la situazione odierna. La forza di queste due città sta infatti nella loro capacità di attrarre investimenti e talenti dall’estero. Se dunque per motivi politici si dovessero iniziare ad alzare le barriere in entrata, la capacità di attrarre risorse dall’estero potrebbe diminuire.

Se da una parte New York e Londra sono alle prese con i loro problemi politici dall’altra città come Parigi e Singapore si stanno impegnando in nuovi progetti, per scalare la classifica delle Big seven. “Gran Paris” è infatti uno dei progetti più ambiziosi di sviluppo urbano, messo in campo a livello mondiale. L’obiettivo principale è dunque quello di modernizzare la metropolitana parigina, inserendo anche nuove linee, per coprire più zone della città. Il progetto ha tempi di realizzazione davvero brevi perché nel 2024 Parigi ospiterà le Olimpiadi estive. Evento che darà grande visibilità alla città a livello mondiale.

Singapore sta invece investendo molto in tecnologia. Nel suo piano di infrastrutture ha infatti incluso la “città intelligente”. Altra città che rischia di uscire dalla classifica delle Big seven è Seoul. Le sfide geopolitiche che deve affrontare, la poca trasparenza e la mancanza di apertura sono elementi che a lungo potrebbero andare a compromettere la popolarità della città.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Digital Transformation UK