PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

La gestione del patrimonio si fa su WhatsApp

11 Settembre 2018 · Giorgia Pacione Di Bello · 2 min

  • Wealth Chat, il nuovo servizio di messaggistica per far comunicare i clienti e i consulenti in ogni momento e luogo

  • Per accedere al servizio bisogna essere invitati dal consulente

Dbs, uno dei principali colossi bancari asiatici, oggi, ha lanciato il suo servizio di messaggistica tra consulente e cliente. Weath Chat, così è stato chiamato, sfrutta le piattaforme di WhatsApp e WeChat

Pianificare la propria gestione patrimoniale via WhatsApp da oggi è possibile. Dbs, uno dei principali gruppo bancari asiatici, ha infatti lanciato “Wealth Chat”, il servizio di messagistica istantanea, che sfruttando le piattaforme di WhatsApp e WeChat, permetterà al cliente di scambiare idee e pianificazioni con il proprio consulente.

Il colosso bancario asiatico, fa sapere che al momento possono accedere al servizio solo i clienti con un patrimonio consistente, che vengono sponsorizzati dai consulenti. È infatti solo il consulente che può “invitare” nella chat della banca il cliente, che a sua volta dovrà accettare l’invito. Una volta che il consenso è stato dato il servizio di messaggistica si attiverà immediatamente. I messaggi scambiati verranno inoltre registrati dalla banca in un database, in modo automatico. Wealth Chat, oltre che mettere in contatto diretto il consulente e il cliente, fornirà anche contenuti come report sugli investimenti o approfondi di natura finanziaria.

 

 

L’idea di creare un servizio di messaggistica istantanea, nel settore bancario, è nata dall’esigenza dei clienti di contattare in qualsiasi momento e luogo il proprio consulente. Fino ad ora, infatti, tutte le conversazioni dovevano essere ricevute solo ed esclusivamente sul telefono aziendale, in modo da poter registrare la chiamata. Non si poteva dunque chiamare il proprio consulente sul suo numero personale, o scambiarsi dati sensibili.

Riconosciamo che oggi i clienti sono sommersi da app e servizi diversi e quindi abbiamo deciso di andare dove sono già i nostri clienti – WhatsApp ha oltre 1,5 miliardi di utenti, mentre WeChat ha quasi un miliardo di utenti. Il nostro obiettivo è fornire servizi bancari integrati nella vita quotidiana dei nostri clienti, mantenendo la privacy del cliente e rispettando i nostri rigorosi requisiti di sicurezza “, ha dichiarato Tan Su Shan, Group Head di Consumer Banking & Wealth Management di DBS. “Con DBS Wealth Chat, ora possiamo soddisfare sia le esigenze di comunicazione dei nostri clienti sia i requisiti normativi “.

Il passo fatto da Dbs non è da sottovalutare perché le banche di tutto il mondo, negli ultimi anni, stanno cercando modi alternativi per comunicare con i clienti. Un ex banchiere del Jefferies Group Llc, l’anno scorso, è stato infatti multato nel Regno Unito per aver condiviso informazioni riservate via WhatsApp.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: