PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Deloitte, intelligenza artificiale e robotica tra i trend del 2020

Deloitte, intelligenza artificiale e robotica tra i trend del 2020

Salva
Salva
Condividi
Rita Annunziata
Rita Annunziata

10 Dicembre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Previsto un fatturato di 18 miliardi di dollari per i robot industriali

  • I robot di servizi professionali saranno impiegati specialmente nella logistica, nel retail e nel settore sanitario

  • Nel 2020 saranno venduti oltre 750 milioni di chip edge IA

Un futuro all’insegna dell’innovazione tecnologica: nel 2020 le aziende acquisteranno oltre un milione di robot, stimolando anche una maggiore tutela della privacy con i sistemi di intelligenza artificiale. Lo rivela uno studio di Deloitte

L’innovazione tecnologica fa il suo corso e prepara un futuro all’insegno della robotica: nel 2020 le aziende compreranno oltre un milione di robot, la metà dei quali sarà rivolta ai servizi professionali. Secondo la diciannovesima edizione di “Tmt Predictions” di Deloitte, il settore della robotica è destinato a crescere a ritmi esponenziali nei prossimi anni, impattando in modo significativo sugli investimenti e sui processi decisionali della filiera produttiva e della logistica.

I ricercatori prevedono un fatturato di 18 miliardi di dollari per i robot industriali nel prossimo anno, in crescita del 9% rispetto al 2019, e di 16 miliardi per i servizi professionali (+30%). Questi ultimi, in particolare, saranno utilizzati specialmente nella logistica, nel retail e nel settore sanitario, trascinati dal 5G (la rete di quinta generazione) e dai chip edge IA (chip che, installati su determinati dispositivi, permettono di sviluppare funzioni di machine learning eliminando la necessità di un data center remoto).

“Deloitte prevede un’espansione della robotica grazie alle recenti innovazioni tecnologiche che ne aumenteranno potenza e flessibilità – commenta Andrea Laurenza, partner di Deloitte e industry leader Tmt per l’area Deloitte Central Mediterranean – In questo contesto, sarà molto più complesso per le aziende valutare il ritorno degli investimenti in questa direzione: questa nuova generazione di robot avrà un impatto significativo sui processi decisionali della filiera produttiva e della logistica. 5G e chip edge IA potranno incrementare anche le performance di questi device”.

Un altro trend del 2020 è infatti l’intelligenza artificiale. Secondo lo studio di Deloitte, il prossimo anno saranno venduti oltre 750 milioni di chip edge IA, con un ricavo previsto di 2,6 miliardi di dollari. Ma è solo l’inizio: entro il 2024 è prevista una vendita di 1,5 miliardi di unità, in crescita del 20% rispetto al 2019.

Realtà aumentata, assistenza vocale e funzionalità biometriche di riconoscimento sono solo alcune delle innovazioni previste nell’ambito machine learning e che, secondo lo studio, potranno essere svolte in modo più performante e veloce con i chip edge IA. Infatti, raccogliendo e processando i dati direttamente in locale, è possibile ridurre i cosiddetti “furti digitali” e le frodi sui dati sensibili.

“I chip edge IA non presentano solo importanti sviluppi per i dispositivi già presenti sul mercato, ma anche un enorme potenziale per nuove categorie tecnologiche e funzioni che spaziano in diversi settori, dalla produzione, alla logistica, così come all’agricoltura e all’energia”, conclude Laurenza.

Rita Annunziata
Rita Annunziata
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Digital Transformation Europa
ALTRI ARTICOLI SU "Intelligenza artificiale"
ALTRI ARTICOLI SU "Digital Transformation"
ALTRI ARTICOLI SU "Europa"