PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Datrix: AI e fintech insieme grazie a 3rdPlace e FinScience

12 Gennaio 2019 · Teresa Scarale · 3 min

  • La nuova realtà è frutto dell’accordo fra 3rdPlace (PMI innovativa attiva dal 2010 in ambito user & customer AI) e FinScience (startup innovativa dal 2017 in ambito investment AI)

  • La società è partner tecnologico dei consorzi europei Horizon 2020

  • I vantaggi per asset e wealth management

C’è un mercato che in Italia cresce ad un tasso del 20% annuo. Una punta di eccellenza la quale oggi si arricchisce di un nuovo attore, Datrix. Una squadra di oltre cinquanta professionisti dell’ultra tech

Secondo le proieizioni 2019 dell’Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence del Politecnico di Milano, c’è un settore che in Italia cresce ad un tasso del 20% annuo. Si tratta del mercato italiano dell’analytics dei big data. Oggi, questo mercato ha un giocatore in più.  E’ la nuova nata Datrix, frutto dell’accordo fra 3rdPlace (Pmi innovativa attiva dal 2010 in ambito user & customer AI) e FinScience (startup innovativa dal 2017 in ambito investment AI). Sulla frontiera del tech, l’Italia c’è.

Intelligenza Artificiale applicata alla finanza

O meglio, ai dati finanziari. La nuova società viene definita dalle due fondatrici, che proseguono il loro percorso individuale, una “integrata tech company data driven oriented“. E’ inoltre partner dei consorzi europei per la ricerca, Horizon 2020. Le professionalità coinvolte sono oltre cinquanta. Scienziati dei dati, analisti, esperti di marketing. I quali si occuperanno di sviluppare e commercializzare soluzioni e servizi proprietari basati sull’Artificial Intelligence laddove per AI deve intendersi anche Augmented Intelligence, Intelligenza Aumentata. Ossia uno strumento acceleratore, ma non sostitutivo dell’intelligenza umana. Datrix nasce per venire incontro all’esigenza di strutturare lo scambio di dati fra digitale e finanza.

Combina infatti algoritmi di machine learning su dati tradizionali e i cosiddetti “dati alternativi”, alternative data. Questi ultimi sono dati dalla mole mastodontica e spesso appunto non strutturati. Provengono da ambienti digitali come social, blog, forum, piattaforme commerciali o anche mappe. Compito di questi algoritmi è quello di individuare e selezionare segnali forti (main signals) e deboli (weak signals) ma dall’elevata potenzialità, grazie all’autorevolezza delle fonti e alla velocità di diffusione.

Gli strumenti di Datrix

3rdEye e DataLysm

Sono soluzioni di gestione dei dati e potenziamento digitale (data governance e digital empowerment), di data intelligence e modellizzazione, messe a punto da 3rdPlace nel corso della sua esperienza.

Alternative Data Analysis

Questa metodologia serve ad esempio per analisi di mercato finalizzate al lancio di nuovi prodotti e/o Paesi, oppure in ottica Esg.

Alternative Data Intelligence e Alternative Scoring

Si tratta dei “pilastri dell’approccio al mondo finanziario di Datrix”. Questo grazie all’attività di “sintesi chimica” della molecola dei dati alternativi al fine di rendere più efficace l’azione di asset management, wealth management e investor relations.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: