PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Svizzera verso la fine del “Crypto Inverno”

Svizzera verso la fine del “Crypto Inverno”

Salva
Salva
Condividi
Rita Annunziata
Rita Annunziata

07 Agosto 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • “Il Crypto Winter ha indubbiamente lasciato un segno nel settore”, commenta Mathias Ruch, fondatore e ceo di Crypto Valley Venture Capital

  • La città di Zugo, con ben sei unicorn e oltre 400 società attive nella blockchain e nel settore delle criptovalute, è il cuore pulsante della Crypto Valley

  • Nel secondo trimestre del 2019 si sono aggiunti due nuovi unicorn: Cosmos Network e Polkadot

Nell’ultimo trimestre, le principali 50 aziende svizzere attive nella blockchain e nel settore delle criptovalute hanno raddoppiato le loro valutazioni, passando da 20 a 40 miliardi di dollari. Aumentano anche gli unicorn della Crypto Valley, che valgono più di un miliardo ciascuno

Valutazioni da record nella Crypto Valley. A sottolinearlo è un nuovo studio trimestrale della società d’investimento svizzera Crypto Valley Venture Capital. Realizzato in collaborazione con Pwc, il report analizza oltre 800 aziende attive nella blockchain e nel settore delle criptovalute, e coinvolge oltre 4.000 professionisti.

Secondo la ricerca, le principali 50 aziende attive nella Crypto Valley svizzera avrebbero raddoppiato le loro valutazioni, passando dai 20 miliardi di dollari della fine dello scorso anno a oltre 40 miliardi di dollari nel mese di luglio 2019. “Il Crypto Winter ha indubbiamente lasciato un segno nel settore, ma le aziende con fondamentali solidi hanno aumentato significativamente le proprie valutazioni”, commenta Mathias Ruch, fondatore e ceo di Crypto Valley Venture Capital.

A livello geografico, i principali poli di concentrazione di società-crypto sono Zugo, Zurigo, Ginevra, Canton Ticino, Liechtenstein e Vaud. Tuttavia, con ben sei unicorn e il 50% delle società (oltre 400), Zugo può essere considerata a tutti gli effetti il cuore pulsante della Crypto Valley. Nell’ultimo trimestre, infatti, si sono aggiunti a Ethereum Foundation, Cardano e Dfinity Foundation, altri due nuovi unicorn, Cosmos Network e Polkadot, valutati oltre un miliardo di dollari ciascuno.

Inoltre, le prospettive relative al mondo delle criptovalute stanno sempre più attirando talenti di alto livello. Numerosi banchieri esperti hanno iniziato ad avvicinarsi al settore, mettendo a disposizione anzianità e competenze specialistiche per fornire autorizzazioni bancarie e di altro tipo all’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari. “Questo sviluppo indica chiaramente una crescente maturità nel settore e il favorevole contesto normativo e commerciale che abbiamo qui in Svizzera”, spiega Daniel Diemers, head blockchain Emea di Pwc e partner for financial services di Pwc’s Strategy, che conclude: “Ma questo è solo l’inizio: man mano che l’infrastruttura di mercato sale di livello, vedremo crescere progetti sempre più grandi nella Crypto Valley svizzera”.

Rita Annunziata
Rita Annunziata
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Criptovalute