PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Criptovalute in discesa: il Bitcoin sotto quota 5.000 dollari

Criptovalute in discesa: il Bitcoin sotto quota 5.000 dollari

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

20 Novembre 2018
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Nuova scivolata per le criptovalute. Il Bitcoin crolla del 10%, realizzando un tonfo di quasi 2.000 dollari in una sola settimana

  • Il crollo delle criptovalute ha però ripercussioni su tutto il settore. Anche le società che producono chip per il mining stanno infatti registrando dati negativi

A distanza di un anno il valore del Bitcoin crolla ancora, questa volta arriva sotto quota 5.000 dollari e trascina con sé anche tutte le altre criptovalute

Ci risiamo, il valore del Bitcoin va a picco, e trascina con sé anche tutte le altre criptovalute. La regina delle valute digitali, il Bitcoin, secondo la piattaforma Coindesk, scivola di oltre il 10% sotto la quota dei 5.000 dollari, portando con se anche Ethereum che crolla del 14% a 151 dollari e Litecoin che con un -14% si ferma a 36 dollari. Il crollo del Bitcoin è notevole, se si pensa che è passato in una settimana da 6.000 dollari a 4.500. La rapida discesa del valore delle criptovalute sta però avendo ripercussioni su tutto il settore delle valute digitali. Le società che fanno chip per il mining stanno infatti iniziando a registrati dati negativi. E questo perchè il mercato si sta riempiendo sempre più di schede grafiche di seconda mano.

Ma a che cosa può essere ricollegata questa perdita di valore?

A livello temporale il 16 novembre 2018, la Securities and Exchange Commission (Sec, è l’ente federale statunitense preposto alla vigilanza della borsa valori, analogo all’italiana Consob) ha annunciato le prime sanzioni contro due società che si occupano di criptovalute, perchè ritenute colpevoli di non aver rispettato il regolamento sulle offerte iniziali. Questa iniziativa ha dunque riacceso i timori per una nuova stretta regolamentare, che potrebbe spingere gli investitori a liquidare le proprie partecipazioni nel settore. Inoltre, a creare ulteriore scompiglio, all’interno del mondo delle criptovalute, c’è stata anche la decisione di Bitcoin Cash di separarsi in Bitcoin Cash ABC e Bitcoin Cash SV. Sarebbe dunque in programma la nascita di due distinte blockchain con regole differenti e in competizione tra loro. Questa decisione, secondo gli analisti potrebbe però creare confusione nel mercato delle valute elettroniche, e spingere alcuni investitori a disinvestire nelle criptovalute.

La bolla speculativa del 2017

Novembre 2017, il prezzo del bitcoin cresce rapidamente (troppo) fino a metà dicembre 2017. Molti investitori improvvisati decidono di investire nelle criptovalute non considerando il possibile effetto bolla speculativa. Verso il 20 dicembre inizia la discesa del prezzo del bitcoin, lasciando a bocca aperta molti investitori sprovveduti. Il valore della valuta digitale, dopo lo scoppio della bolla, torna ai valori iniziali, lasciando però sulla sua scia i risparmi  di molti investitori sprovveduti. Per alcuni mesi (i primi del 2018) il valore delle criptovalute rimane pressoché stabile e questo è riconducibile alla fine dell’era degli investitori improvvisati. Prima che scoppiasse la bolla, al Bitcoin & Co era interessati principalmente gli investitori professioni che conoscevano bene i rischi del mercato. Verso la fine del 2017, con l’esplosione  della moda delle valute digitali, dilettanti e non, ne vogliono avere una parte. Il non saper valutare gli andamenti del mercato e le loro possibili conseguenze ha però portato molti investitori, dell’ultimo minuto, a perdere quasi tutto di quello che avevano investito inizialmente.

Quello che dunque ha insegnato la bolla del 2017, a molti investitori improvvisati, è il non agire impulsivamente sulle mode del momento. L’andamento di questi giorni del Bitcoin & Co non fa dormire sicuramene sonni tranquilli, ma risulta essere ancora troppo presto per arrivare a delle conclusioni certe.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:CriptovaluteItalia