PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Banche centrali e credito investment grade: quale futuro?

Banche centrali e credito investment grade: quale futuro?

Salva
Salva
Condividi
INVESCO
David Scales – Senior ETF Content Strategist, Invesco

09 Dicembre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Le banche centrali continueranno a fornire un sostegno all’economia e ai mercati finanziari, almeno per il prossimo futuro, dando agli investitori la fiducia necessaria per passare dal debito pubblico al credito investment grade. Lo spiegano gli esperti di Invesco

Sebbene siamo fermamente sostenitori sia di approcci agli investimenti attivi che passivi, comprendiamo che, a seconda delle condizioni di mercato, un approccio possa essere più adatto dell’altro in momenti diversi. Pensiamo ad esempio ad alcuni mercati obbligazionari, dove la generazione di alfa si sta rivelando sempre più difficile, e pertanto potrebbe far propendere verso la ricerca di un’esposizione passiva a basso costo. Per questo oggi parleremo del credito investment grade.

Reddito fisso: generare alfa

Sono successe così tante cose quest’anno, come impatto diretto della pandemia o come risultato delle azioni intraprese per controllarla. Vediamo ogni giorno esempi nella nostra vita quotidiana e nei mercati finanziari. I 7 trilioni di dollari di finanziamenti immessi nel sistema da marzo hanno contribuito a stabilizzare la nave e la volatilità del mercato si è normalizzata da quel periodo di panico iniziale. Tuttavia, sebbene una volatilità inferiore sia generalmente vista come una buona cosa soprattutto per gli investitori a reddito fisso, crea un ambiente più difficile per i gestori di fondi che fanno affidamento sulla volatilità per generare alfa.

Parola chiave volatilità

Se sei un investitore attivo, in genere hai bisogno di una certa dispersione tra i titoli per gestire un portafoglio in grado di sovraperformare il mercato. Tuttavia, attualmente esiste una correlazione superiore alla media in alcuni mercati a reddito fisso.

Dopo il picco di marzo, la volatilità nei mercati del credito investment grade è tornata ai livelli pre-Covid, ma insieme a quel calo della volatilità è stato un calo dei rendimenti sui titoli di stato dei mercati sviluppati e investment grade. Tuttavia, i bassi rendimenti sono solo una parte della storia e probabilmente di minore importanza rispetto alla correlazione che stiamo vedendo ora nelle obbligazioni globali.

Il sostegno delle banche centrali

L’economia globale e la politica delle banche centrali sono diventate più sincronizzate negli ultimi due decenni, in particolare durante i periodi di stress. Le principali banche centrali hanno attualmente tassi di base ai livelli più bassi nella loro storia e stanno fornendo ulteriore supporto tramite il quantitative easing e la forward guidance. Finché gli investitori continueranno a credere che qualsiasi difficoltà sarà affrontata con un maggiore sostegno delle banche centrali,è probabile che i rendimenti rimarranno bassi più a lungo. Inoltre, dato che gli emittenti investment grade tendono ad essere globali, gli spread in valute diverse tendono a susseguirsi da vicino.

In altre parole, la correlazione tra gli spread aggiustati per le opzioni in diverse valute tende ad essere molto alta, anche quando gli spread stessi sono volatili. È interessante notare che al di fuori di un paio di periodi relativamente brevi, gli spread in termini di credito in USD ed EUR sono stati altamente correlati, con una media del 77%, ma sono aumentati a oltre il 97% dalla fine di marzo a seguito degli annunci della banca centrale europea.

Investment grade, il futuro

E’ probabile che le banche centrali continueranno a fornire un sostegno all’economia e ai mercati finanziari, almeno per il prossimo futuro, dando agli investitorila fiducia necessaria per passare dal debito pubblico al credito investment grade. Tuttavia, è probabile che questo sostegno ai mercati del credito significhi una minore differenziazione dei rendimenti per diverse società in diversi settori e con rating diversi in un particolare indice di credito, rendendo più difficile per i gestori attivi generare alfa. Di conseguenza, una soluzione passiva a basso costo può essere il modo più efficiente per ottenere un’esposizione al mercato del credito investment grade.

 

 

David Scales, Senior ETF Content Strategist – Invesco

(contenuto sponsorizzato)

Visita la sezione Expertise per saperne di più.
Rischi associati all’investimento.Il valore degli investimenti e qualsiasi reddito da essi derivante possono oscillare. Ciò è dovuto in parte a fluttuazioni dei tassi di cambio. Gli investitori potrebbero non ottenere l’intero importo inizialmente investito.Gli strumenti obbligazionari sono esposti al rischio di credito, vale a dire la capacità dell’emittente di rimborsare gli interessi e il capitale alla data di rimborso.
Informazioni importanti.Documento riservato agli investitori professionali in Italia.Si prega di non redistribuire.
Le informazioni riportate in questo documento sono aggiornate alla data del 30 ottobre 2020, salvo ove diversamente specificato.Il presente documento contiene informazioni fornite unicamente a scopo illustrativo e si rivolge esclusivamente agli investitori professionali in Italia. Il materiale di marketing possono essere distribuiti in altre giurisdizioni nel rispetto delle normative di collocamento privato e dei regolamenti locali. Tutte le decisioni di investimento devono essere basate solo sui documenti di offerta legale più aggiornati. I documenti di offerta legale (documento contenente le informazioni chiave (KIID), prospetto, relazioni annuali e semestrali) sono disponibili gratuitamente sul nostro sito web etf.invesco.com e presso i soggetti collocatori. Il presente documento non costituisce un consiglio di’investimento. Le persone interessate ad acquisire quote del prodotto devono informarsi su (i) i requisiti legali nei paesi di nazionalità, residenza, residenza ordinaria o domicilio; (ii) eventuali controlli sui cambi valutari e (iii) eventuali conseguenze fiscali rilevanti. La pubblicazione del supplemento al prospetto in Italia non sottintende un giudizio da parte della CONSOB sull’opportunità di investire in un prodotto. L’elenco dei prodotti quotati in Italia, i documenti dell’offerta e il supplemento di ciascun prodotto sono disponibili sui seguenti siti: (i) etf.invesco.com (dove sono inoltre disponibili la relazione annuale di bilancio certificata e i rendiconti semestrali non certificati); e (ii) sul sito Web della borsa valori italiana borsaitaliana.it.
Il presente documento è stato comunicato in Italia da Invesco Management S.A., President Building, 37A Avenue JF Kennedy, L-1855 Luxembourg, regolamentata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier, Luxembourg.
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI
ALTRI ARTICOLI SU "Obbligazionari Corporate Investment Grade"
ALTRI ARTICOLI SU "Invesco"