PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Risiko assicurativo: continuano le mosse

Risiko assicurativo: continuano le mosse

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

03 Marzo 2021
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Aviva lascia l’Italia. Sarà la compagnia assicurativa francese Cnp Assurances a subentrare alla società nella joint venture italiana con Unicredit

  • Ma non solo. Ci sono movimenti anche sul fronte Unipol e Zurich

Le compagnie assicurative si muovono sullo scacchiere. L’ultima ad averlo fatto è Aviva, che allenta la presa sul mercato italiano

Continuano le mosse sullo scacchiere delle assicurazioni. Il mondo insurance è infatti da diversi mesi che sta posizionando le sue pedine e le società si stanno muovendo di conseguenza. I soggetti che, per il momento sono interessati dal risiko sono: Zurich- MetLife, Aviva-Ubi banca e Unipol-Banco Bpm.

Ma andiamo con ordine, e partiamo dall’operazione più recente. Aviva sta allentando la presa sul mercato italiano. E infatti sarà la compagnia assicurativa francese Cnp Assurances a subentrare alla società nella joint venture italiana con Unicredit. Cnp acquisirà la partecipazione del 51% di Aviva Plp in Aviva SpA per circa 385 milioni di euro, secondo quanto anticipato da Bloomberg, con l’annuncio ufficiale che potrebbe arrivare già questa settimana. L’operazione rientra nei piani dell’Amministratore delegato di Aviva, Amanda Blanc, entrata in carica nel 2020, che prevede un ridimensionamento delle attività del gruppo in Europa e in Asia per concentrarsi maggiormente sui mercati principali che sono il Regno Unito, l’Irlanda e il Canada. Ma non finisce qua perché la compagnia di assicurazioni inglese, che pubblicherà il 4 marzo i suoi conti, starebbe anche vendendo un ramo vita italiano separato a Cnp per 160 milioni di euro e il suo business italiano non vita ad Allianz. Aviva era già entrata nel risiko qualche mese fa quando aveva messo in moto l’operazione per la vendita dell’intera partecipazione dell’80% nella joint venture italiana di assicurazioni sulla vita a Ubi Banca. Nel comunica stampa emesso dalla stessa società c’era scritto infatti che l’operazione rappresenta “un’altra importante pietra miliare strategica in quanto Aviva mantiene il suo impegno a riorientare il suo portafoglio”. E le ultime mosse di questo riposizionamento sul mercato si sono concretizzate ulteriormente con l’entrata in gioco della compagnia francese Cnp nella joint venture italiana con Unicredit.

Altro protagonista del risiko è Unipol. La società era stata messa tra le protagoniste del mercato assicurativo, quando a fine 2020 l’amministratore delegato di Unipol, Carlo Cimbri, in un’intervista al Sole24ore dichiarò che se Banco Bpm fosse disponibile Bper non potrebbe che approfondire con attenzione l’ipotesi. E l’ad, Giuseppe Castagna, di Banco Bpm, a stretto giro ha risposto dichiarando si essere favorevole ad una possibile operazione di consolidamento per poi precisare come la banca sia interessata a esplorare operazioni di aggregazione con una forte valenza industriale. Per il momento però nulla si è concretizzato. Cimbri sta valutando le prossime mosse da fare per posizionarsi al meglio in campo assicurativo e bancario. Un obiettivo della società è infatti quello di crescere sul lato assicurativo e il secondo riorganizzare i vari asset. la società è stata messa in mezzo a possibili nozze fra diverse realtà. Da una parte si pensa a Mps. In questo caso si renderebbe sempre più concreta l’aggregazione tra Bpm e Bper e dall’altra Unipol giocherebbe un ruolo strategico anche nella “diatriba” tra Banco Bpm e Cattolica in merito alla joint venture vera vita e vera assicurazioni. Secondo il report Mediobanca securities se Banco Bpm dovesse riuscire a trovare un accordo con Cattolica per l’acquisto del 65% di Vera vita si potrebbe realizzare una crescita per Unipol. E questo dato che Bpm potrebbe, successivamente, cedere Vera vita alla società di Cimbri nella seconda metà del 2021.

E infine Zurich. Il gruppo assicurativo ha confermato di essere in trattative per l’acquisizione della divisione danni della statunitense MetLife. La proposta di acquisto, stando a quanto scritto nella nota diffusa a fine 2020, avverrà tramite la controllata Farmers Group, assieme a Farmers Exchanges. I termini della transazione saranno soggetti a trattativa e dunque non è ancora sicuro che la transazione si realizzi. Secondo però le indiscrezioni Zurich sarebbe pronta a pagare quasi 4 miliardi di dollari per rilevare gli asset danni di MetLife.

E dunque, non resta da aspettare per capire quali altri attori entreranno in scena.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Private InsuranceItaliaEuropa
ALTRI ARTICOLI SU "Private Insurance"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"
ALTRI ARTICOLI SU "Europa"