PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Ania, ramo danni in crescita

Ania, ramo danni in crescita

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

07 Giugno 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • La crescita è dovuta all’aumento dei premi degli altri rami danni e dell’aumento dei premi del comparto auto

  • I premi del ramo Rc auto sono infatti stati pari a 3,5 miliardi di euro, in aumento dello 0,8% rispetto al I trimestre del 2018

Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’Ania i premi relativi al ramo danni sono cresciuti nel primo trimestre del 2019, rispetto al 2018

 

I premi del ramo danni crescono nel primo trimestre del 2019. Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’Ania, i premi totali del portafoglio diretto italiano nel settore danni sono di 9,4 miliardi di euro, in aumento del +4,0% rispetto alla fine del I trimestre del 2018. “Si tratta della variazione trimestrale positiva più elevata dell’ultimo biennio” si legge nel resoconto. La crescita è stata il risultato dell’aumento dei premi degli altri rami danni e, più marginalmente, dell’aumento dei premi del comparto auto. I premi del ramo Rc auto sono infatti stati pari a 3,5 miliardi di euro, in aumento dello 0,8% rispetto al I trimestre del 2018 (quando si registrava una diminuzione pari a -0,2%), mentre i premi del ramo corpi veicoli terrestri sono stati pari a 0,8 miliardi di euro, in crescita del 4,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Gli altri rami danni confermano il trend positivo degli ultimi anni, contabilizzando alla fine del I trimestre del 2019 oltre 5,1 miliardi di premi con un tasso di crescita del 6,1%. La crescita complessiva di questo comparto è stata del 6,1%, il tasso di crescita più elevato degli ultimi 15 anni. I rami che hanno registrato una variazione positiva superiore alla media sono stati i seguenti: malattia (+16,5%), altri danni ai beni (+10,6%), assistenza (+10,4%) e perdite pecuniarie (+8,3%). Hanno mostrato tassi di crescita inferiori alla media i rami: Rc veicoli marittimi (+0,9%), credito (+2,4%), cauzione (+4,7%), incendio ed altri elementi naturali (+5,7%), infortuni (+5,9%) e tutela legale (+6,0%),

Le rappresentanze di imprese con sede legale nei paesi europei hanno contabilizzato premi per 1,2 miliardi. Risultato stabile rispetto a quanto rilevato nel 2018. Il peso percentuale dei premi contabilizzati dalle rappresentanze di imprese europee rispetto al totale è stato del 13,0%. Nel settore auto il peso è stato del 5,6% mentre negli altri rami danni del 19,2%. Per alcuni rami la quota è stata superiore al 40%: merci trasportate (46,6%) e credito dove l’incidenza di tali imprese è stata pari all’88%. Resta invece ridotta e inferiore al 10% la quota nei rami malattia (4,4%), Rc auto (5,1%), Rc veicoli marittimi (9,2%) e assistenza (9,7%).

 

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Private InsuranceAnia