PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Con il risparmio fai da te a rischio la pensione

Con il risparmio fai da te a rischio la pensione

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

29 Luglio 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Quattro tipologie di investitori e quattro bis comportamentali ci mostrano i rischi dell’investimento fai da te

  • Non solo altamente di mercato ma anche commissioni e spese impreviste impattano il patrimonio complessivo di lungo termine

Chi sceglie di investire in autonomia invece che affidarsi a un fondo pensione rischia di perdere oltre metà dei risparmi accantonati per l’età della pensione. Ecco perchè…

 

Secondo un report di The People’s Pension e State Street Global Advisors i risparmiatori inesperti che selezionano in autonomia i fondi rischiano di perdere oltre il 50% del budget pensione complessivo. Il report prova a stimare l’impatto che diversi bias comportamentali potrebbero avere su questa categoria di risparmiatori in un arco temporale di 33 anni – e lo confronta con un risparmiatore che abbia una quota in un fondo individuato dal proprio datore di lavoro e che accumula 430mila sterline nello stesso periodo.

 

Gli investimenti fai da te nascondono diverse insidie. Nel report si sottolinea come gli individui siano inclini a pregiudizi comportamentali che possono portare a risultati in fatto di assunzione di decisioni finanziarie complesse. L’analisi prende in esame quattro diversi tipi di investitori:

Performance Chasing Patricia

Patricia è attratta da fondi altamente performanti ma perde fiducia quando questi fondi iniziano a fare male. Il risultato è una strategia che acquista alto e vende basso e genera rendimenti scadenti.

Eggs in one basket Elliot

Elliot sceglie di investire i suoi soldi in un unico tema, settore o titolo, e di conseguenza ha un portafoglio poco diversificato.

Il prudente Connor

Non corre abbastanza rischi e punta su investimenti sicuri. Connor preferisce la conservazione del capitale rispetto al rendimento e pertanto investe in attività a basso rischio. Il risultato è un portafoglio molto conservativo.

Fiona Smemorata

E’ una persona impegnata e non riesce a trovare il tempo per rivedere la strategia di investimento che ha fissato diversi anni fa. Il risultato è una strategia di investimento che non è più adatta alle sue circostanze.

Le persone usano scorciatoie mentali per prendere decisioni – si legge nel report – che semplificano le cose ma potrebbero non portare ai migliori risultati, e possono essere influenzate dal modo in cui le cose vengono presentate o inquadrate. La ricerca comportamentale suggerisce anche che gli individui possono essere spinti verso scelte e risultati particolari. Il sistema di iscrizione automatica del Regno Unito, ad esempio, utilizza l’inerzia per spingere le persone verso il risparmio pensionistico. L’adesione al piano pensionistico diventa semplice e automatica, mentre la rinuncia richiede uno sforzo consapevole. Di conseguenza, la partecipazione pensionistica del settore privato è aumentata dal 55% all’84% (della popolazione papabile) nel periodo 2012-2018.
Il pregiudizio comportamentale verso l’inerzia è solo uno dei tanti. Altri esempi di pregiudizi comportamentali che i singoli investitori, inclusi i risparmiatori delle pensioni, sono:

• Overconfidence – una convinzione eccessiva nella propria capacità di scegliere titoli con le migliori prestazioni
• Contabilità mentale e bracketing ristretto: prendere decisioni di investimento asset by asset anziché considerare l’intero portafoglio di investimenti
• Inquadratura, salienza e attenzione limitata: sopravvalutazione del valore di un prodotto perché presentato in modo particolarmente attraente
• Regole empiriche per il processo decisionale, ad esempio suddividendo gli investimenti equamente tutti i fondi disponibili piuttosto che prendere un’attenta decisione di assegnazione
• Persuasione e influenze sociali: scegliere un fondo perché un amico / familiare ha fatto lo stesso

Conclusioni

Una volta modellate, tutte e quattro le strategie prese in esame da The People’s Pension hanno prodotto dimensioni di patrimonio inferiori o un rischio maggiore rispetto a una tipica strategia di default stabilita dai fondo pensione. Importante l’impatto e l’importanza che le commissioni possono avere sulla dimensione del patrimonio di un individuo in pensione se non adeguatamente contrattare.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Previdenza