PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Sisma bonus: ok se si acquista entro fine 2021

Sisma bonus: ok se si acquista entro fine 2021

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

26 Novembre 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • L’Agenzia delle entrate risponde ad un richiesta fatta da una società costruttrice

  • Sono 3 le richieste fatte all’Amministrazione finanziaria

Secondo l’Agenzia delle entrate gli acquirenti potranno beneficiare della detrazione, sisma bonus, se l’atto di acquisto è stipulato entro il 31 dicembre 2021

Ok al sisma bonus se l’immobile è acquistato entro fine 2021. Questa in sintesi la risposta data dall’Agenzia delle entrate ad un’impresa costruttrice. La società ha infatti in programma di demolire, su un terreno di sua proprietà, una struttura industriale sostituendola con 3 palazzine residenziali plurifamigliari.

Prima di iniziare i lavori la società chiederà al Comune il permesso. E se ci sarà l’ok dovrebbero venire su 3 palazzine con un rischio sismico ridotto di due classi rispetto al fabbricato originario. Secondo il progetto il tutto dovrebbe terminare a novembre 2021. Nel frattempo saranno firmati i contratti preliminari, con il versamento di caparre e acconti.

L’impresa costruttrice chiede all’Agenzia delle entrate:

  • se tale intervento possa rientrare nell’ambito agevolativo dell’articolo 16, comma 1 – septies del d.l. n. 63 del 2013, considerato che lo stesso non sarà di mera demolizione e ricostruzione dell’edificio ma si tratterà di una operazione più complessa di riqualificazione di un’area, all’esito della quale saranno realizzate palazzine residenziali, con aumento delle volumetrie,
  • se entro il termine normativamente previsto del 31 dicembre 2021 sia necessario che gli immobili abbiano ottenuto l’agibilità, a seguito della presentazione al Comune della Comunicazione di fine lavori e della Segnalazione Certificata di Conformità Edilizia e Agibilità o se sia sufficiente che sia stato realizzato il collaudo statico con verifica del miglioramento sismico;
  • quale sia la data ultima per fruire del beneficio in esame. In particolare, chiede se siano agevolabili gli acquisti definitivi posti in essere anche successivamente al 31 dicembre 2021, ma entro i 18 mesi dalla fine dei lavori.

L’Agenzia delle entrate, con riferimento al quesito n. 1, sottolinea come si rileva che la qualificazione di un’opera edilizia (quale risultante dal futuro titolo amministrativo di autorizzazione dei lavori) spetta, in ultima analisi, al Comune o ad altro ente territoriale, in qualità di organo competente in tema di classificazioni urbanistiche e presuppone valutazioni di natura tecnica che esulano dalle competenze esercitabili dalla scrivente in sede di interpello.

La fruizione della detrazione (articolo 16, comma 1-septies del decreto-legge n. 63 del 2013) è consentita anche nell’ipotesi in cui la demolizione e ricostruzione dell’edificio è determinato un aumento volumetrico rispetto a quello preesistente.

Per quanto riguarda il quesito n. 3 l’Agenzia delle entrate evidenzia che affinché gli acquirenti delle unità immobiliari possano beneficiare della detrazione prevista sisma bonus, è necessario che l’atto di acquisto relativo agli immobili oggetto dei lavori sia stipulato entro il 31 dicembre 2021. “Quindi, si ritiene assorbito il quesito n. 2, poiché come appena precisato ciò che rileva, ai fini della possibilità di beneficiare della detrazione, (c.d. sismabonus acquisti) è la stipula dell’atto di acquisto (entro il 31 dicembre 2021) degli immobili oggetto dei lavori che, ovviamente, devono avere tutte le caratteristiche idonee per essere commercializzati” si legge nella risposta

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo