PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Nessuna imposta indiretta sulla dotazione del trust

Nessuna imposta indiretta sulla dotazione del trust

Salva
Salva
Condividi
Domenico Ponticelli
Domenico Ponticelli

23 Settembre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

La Cassazione ha rinnovato la sua posizione in merito all’applicazione dell’imposta sulle successioni e donazioni all’atto di dotazione del trust. Ecco la nuova versione

Il trust è indubbiamente per efficienza uno degli strumenti di pianificazione patrimoniale di maggiore interesse. Tuttavia, la sua mancata tipizzazione civilistica nell’ordinamento italiano e il trattamento tributario per certi profili incerto ne hanno frenato a lungo lo sviluppo.

Aspetto da sempre delicato, ad esempio, è rappresentato dalla fiscalità indiretta applicabile al trasferimento dei beni al trustee in funzione degli obiettivi stabiliti con l’istituzione del trust. Secondo una consolidata posizione dell’amministrazione finanziaria, l’apposizione del vincolo sui beni soggiace ex se all’imposta sulle successioni e donazioni (aliquota dal 4 all’8%), indipendentemente da qualsivoglia evento traslativo effettivo di beni ai beneficiari.

La questione è oggetto di un annoso dibattito giurisprudenziale in Cassazione (inizialmente pro fisco, sent. 3735/2015) che, in particolare con la  recente sentenza n. 16701 del 21 giugno 2019, pare volgere a favore del contribuente, nel senso di negare l’applicazione delle imposte indirette al momento della costituzione dei beni in trust.

Già lo scorso gennaio la Corte (sent. n. 734) aveva circoscritto l’imponibilità ai casi nei quali non è previsto in alcun modo il rientro dei cespiti trasferiti al trustee in capo al disponente, determinandosi in tali circostanze un incremento stabile del patrimonio dei beneficiari individuati.

Nell’ultima pronuncia la Corte, in modo ancora più radicale e favorevole al contribuente, arriva ad affermare che l’apposizione del vincolo sui beni (i.e. costituzione dei beni in trust) in quanto tale determina esclusivamente l’effetto di destinare alcuni dei beni del disponente a un determinato fine, mediante intestazione meramente formale degli stessi al trustee e attribuzione al medesimo di poteri gestori circoscritti e mirati allo scopo della segregazione patrimoniale; tuttavia, tale segregazione patrimoniale non determina, di per sé, alcun effettivo e definitivo incremento patrimoniale in capo al beneficiario e nemmeno al trustee. L’effetto traslativo (che solo giustifica l’imposizione indiretta) si realizza soltanto in capo al beneficiario al momento eventuale del trasferimento finale allo stesso dei beni del trust. Prima di questo momento, l’apposizione del vincolo comporta solo, dal lato del disponente, una auto-restrizione del potere di disporre dei propri beni e, dal lato del trustee, un’attribuzione patrimoniale meramente formale, transitoria, vincolata e strumentale.

Il fatto (considerato dirimente nella sentenza n. 734) che il beneficiario sia individuato fin dall’atto istitutivo non pare alla Corte giustificare l’immediata tassazione, dal momento che la sola designazione, per quanto contestuale e palese, non equivale in alcun modo a trasferimento immediato e definitivo del bene.
Peraltro, la Corte nega espressamente anche l’applicazione dell’imposta proporzionale di registro agli atti di istituzione e dotazione/provvista del trust, prevista in via residuale su tutti gli atti aventi contenuto patrimoniale: non basta la costituzione di un vincolo segregativo su beni “muniti di valore economico”, ma occorre l’effettivo trasferimento. Analoghe considerazioni valgono per l’imposta ipotecaria e catastale sui trasferimenti immobiliari di dotazione del trust, ove la mancanza di un effetto traslativo “reale” osta all’imposizione proporzionale.

Del resto, correttamente afferma la Corte, qualora all’atto di istituzione o dotazione del trust sia davvero individuabile un effetto traslativo immediato propriamente detto sarebbe addirittura dubitabile la stessa ravvisabilità in concreto della causa negoziale di trust.

La sentenza in commento potrà forse in futuro incoraggiare il maggior ricorso dei contribuenti a un istituto versatile quale è il trust per i più svariati impieghi (ad esempio a scopo di passaggio generazionale, di garanzia, liquidatorio). Sarebbe tuttavia auspicabile anche un allineamento dell’amministrazione finanziaria.

Domenico Ponticelli
Domenico Ponticelli
Partner di Di Tanno e Associati, Domenico Ponticelli è specializzato in fiscalità internazionale e dei prodotti finanziari, fondi di private equity e real estate, operazioni di finanza straordinaria ed M&A e contenzioso tributario. Membro del Tax & legal committee Aifi è inoltre relatore in seminari e convegni nazionali e autore di pubblicazioni su tematiche di diritto tributario e internazionale.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Pianificazione Fiscale