PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

La revoca del testamento

La revoca del testamento

Salva
Salva
Condividi
Maria Cristiana Felisi
Maria Cristiana Felisi

20 Aprile 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva

Se il testatore cambia idea sul testamento, può farlo. Il testamento può infatti essere modificato o anche revocato. Si ha tempo fino alla morte del testatore

Il testamento è un atto che può essere revocato e/o modificato sino alla morte del testatore. Ogni patto con cui il testatore si impegna a non revocare o modificare il proprio testamento è nullo ai sensi dell’art. 679 c.c.: l’avversità del legislatore all’immutabilità di quelle previsioni con cui taluno dispone della propria successione è anche il motivo che sottende il divieto ai patti successori.

Vi sono diversi modi in cui il testamento può essere revocato, e possono essere raggruppati in due grandi categorie: le revoche espresse, e le revoche tacite. A queste due, va aggiunta la revoca legale per sopravvenienza di figli ex art. 687 c.c.
Le forme di revoca previste dal legislatore sono tassative: non è ammessa la revoca in forma diversa da quella dei tipi legali (per esempio, giurisprudenza e dottrina concordano che la separazione o il divorzio dei coniugi, intervenuti dopo la redazione del testamento, non valga come revoca tacita; cfr. Cass. 1950/1962). Le forme della revoca espressa sono previste dall’art. 680 c.c.; mentre le forme della revoca tacita sono previste dagli artt. 682, 684, 685 e 686 c.c.

Prima di procedere alla disamina delle forme di revoca, è bene precisare che la medesima può essere sia totale, mirando dunque a privare di efficacia l’intero testamento o testamenti redatti dal testatore, sia parziale, mirando a privare d’efficacia singole o plurime disposizioni di un testamento (come l’allocazione di determinati beni, o la nomina degli esecutori), lasciando in vita quelle non oggetto di revoca.

La revoca espressa, in applicazione dell’art. 680 c.c., può farsi in due modi: il primo è attraverso un nuovo testamento (in una qualsiasi delle forme previste dal nostro ordinamento), il quale potrà anche limitarsi a revocare le precedenti disposizioni testamentarie, senza ulteriori disposizioni, patrimoniali o meno. La seconda modalità è quella di revoca tramite atto ricevuto da notaio, alla presenza di due testimoni.

La revoca tacita ricomprende quattro figure: il testamento posteriore (art. 682 c.c.), la distruzione del testamento olografo (art. 684 c.c.), il ritiro del testamento segreto (art. 685 c.c.), l’alienazione o trasformazione della cosa legata (art. 686 c.c.).

Il testamento posteriore, che non revoca espressamente i testamenti precedenti (si tratterebbe, se così fosse, di un’ipotesi di revoca espressa ex art. 680 c.c.), annulla le disposizioni precedenti incompatibili con quelle contenute nel testamento posteriore. L’art. 683 c.c. dispone che la revoca del testamento precedente mantenga efficacia anche a fronte di ipotesi particolari (cioè la premorienza, indegnità, incapacità o rinunzia dell’erede istituito o legatario): così per il testamento invalido per incapacità naturale del testatore che non revoca il precedente, cfr. Cass. 2017/27161. Tuttavia, giurisprudenza e dottrina non le ritengono elenchi tassativi, dovendo in generale ammettersi l’efficacia della revoca anche a fronte di inefficacia del testamento posteriore. Ciò non vale, al contrario, per la nullità del testamento posteriore, che impedisce il dispiegarsi degli effetti revocatori.
Dispone come segue l’art. 684 c.c., in materia di distruzione del testamento olografo “Il testamento olografo distrutto, lacerato o cancellato, in tutto o in parte, si considera in tutto o in parte revocato, a meno che si provi che fu distrutto, lacerato o cancellato da persona diversa dal testatore, ovvero si provi che il testatore non ebbe l’intenzione di revocarlo”. La giurisprudenza (cfr. Cass. 3636/2004) equipara alla distruzione l’irreperibilità in originale del testamento. Viene equiparata alla distruzione la cancellazione, operata barrando a penna il documento nella sua interezza (cfr. Cass. 2019/8031) È ammessa la prova contraria sull’assenza di una effettiva volontà di revoca (cfr. Cass. 10847/2019). Si ritiene valida, inoltre, che la distruzione effettuata da terzo incaricato dal testatore.
Ai sensi dell’art. 685 c.c., ulteriore forma di revoca è il ritiro del testamento segreto; revoca però che non si ha nel caso in cui il testamento ritirato valga come testamento olografo.

Le disposizioni del testamento possono poi essere revocate nell’ipotesi di alienazione della cosa legata, anche qualora il negozio sia poi annullabile per vizi del consenso o la cosa ritorna in proprietà del testatore.

Per quanto riguarda, infine, la revoca per sopravvenienza di figli, l’ istituto opera con riferimento alle disposizioni fatte da chi, al tempo del testamento, non aveva figli o discendenti ovvero ignorava di averne. La revoca opera anche in caso di concepimento durante la redazione del testamento; mentre non opera qualora il testatore abbia previsto per il caso in cui esistessero o sopravvenissero figli o discendenti. Se però i figli o discendenti non vengono alla successione, e non ha luogo la rappresentazione, la disposizione ha il suo effetto.

Maria Cristiana Felisi
Maria Cristiana Felisi
Maria Cristiana Felisi è Of Counsel di Maisto e Associati. Ha sviluppato una particolare competenza nella consulenza ai clienti su aspetti di diritto privato e di famiglia, tra cui il diritto delle successioni, i trust, le fondazioni, la pianificazione successoria, real estate, societario e relativo contenzioso. È una mediatrice professionale per le imprese, un Family Officer qualificato in Italia e membro dell'International Bar Association (IBA). E' iscritta all'albo degli avvocati di Milano dal 1992 ed è patrocinatrice davanti alla Corte di Cassazione e ad altre giurisdizioni superiori.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Pianificazione Fiscaletestamento