PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Imprese: decreti legge, come inserire a bilancio i crediti d’imposta

Imprese: decreti legge, come inserire a bilancio i crediti d’imposta

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

07 Gennaio 2021
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Banca d’Italia, Consob e Ivass hanno firmato un documento dove si danno spiegazioni e delucidazioni sulle linee da seguire

  • Il tutto rispettando i principi contabili internazionali, attività fiscali, contributi pubblici, attività immateriali o finanziarie

I decreti Cura Italia e Rilancio hanno introdotto incentivi fiscali. Si è reso dunque necessario il capire come inserire queste agevolazione all’interno del bilancio aziendale

I crediti di imposta introdotti con il decreto Rilancio e Cura Italia devono essere classificati come “altre attività” dello stato patrimoniale, in linea con i paragrafi 54 e 55 dello Ias 1“Presentazione del bilancio”, in modo da rispettare i principi contabili internazionali, attività fiscali, contributi pubblici, attività immateriali o attività finanziarie.

A fornire il chiarimento è un documento firmato da Banca d’Italia, Consob e Ivass. In questo viene anche precisato che per quanto riguarda la rappresentazione nel prospetto di conto economico e/o in quello della redditività complessiva, dei proventi e degli oneri derivanti dall’acquisto e utilizzo dei crediti d’imposta, questa rifletterà la modalità di gestione adottata dal cessionario, così come la natura di tali proventi e oneri (interessi, altri aspetti valutativi quali le rettifiche per riduzione di valore, utili/perdite da cessione).

L’approccio dunque da adottare è:

  • in termini di rilevazione iniziale: iscrizione del credito d’imposta al momento dell’acquisto per un valore corrispondente al suo valore equo (fair value)
  • in termini di misurazione successiva: applicazione delle previsioni dell’Ifrs 9 relative al business model Hold to collect che prevedono la misurazione al costo ammortizzato. Qualora il cessionario intendesse adottare per questi crediti una gestione operativa tipica di un business model Hold to collect and sell oppure detenerli con altre finalità (ad esempio, di negoziazione), come definiti dall’Ifrs 9, i crediti andrebbero valutati al fair value con contropartita, rispettivamente, il prospetto della redditività complessiva o il conto economico.

I decreti

I decreti Cura Italia e Rilancio hanno introdotto nell’ordinamento italiano misure fiscali di incentivazione connesse sia con spese per investimenti (es. eco e sismabonus) sia con spese correnti (es. canoni di locazione di locali ad uso non abitativo). Questi incentivi fiscali si applicano a famiglie o imprese, sono commisurati a una percentuale della spesa sostenuta (che in alcuni casi raggiunge anche il 110%) e sono erogati sotto forma di crediti d’imposta o di detrazioni d’imposta (trasformabili su opzione in crediti d’imposta). Per quanto riguarda l’eco e il sismabonus, oltre che per gli altri incentivi per interventi edilizi, è possibile usufruire dell’incentivo anche tramite sconto sul corrispettivo dovuto al fornitore, al quale verrà riconosciuto un credito d’imposta.

La maggior parte dei crediti d’imposta oggetto delle misure d’incentivo sono cedibili a terzi acquirenti, che li utilizzeranno secondo la specifica disciplina prevista. Si tratta, infatti, di crediti d’imposta di natura agevolativa, per i quali, diversamente da quelli derivanti da pagamenti d’imposta eccedenti, le relative modalità di utilizzo vengono di volta in volta definite dalle disposizioni che li introducono. Chi possiede questi crediti può utilizzarli in compensazione di imposte e contributi, secondo le medesime regole previste per il beneficiario originario, oppure cederli (in tutto o in parte) a terzi. Nessuno dei crediti in esame è rimborsabile (in tutto o in parte) direttamente dallo Stato. Inoltre, a seconda della fattispecie, i crediti possono essere utilizzati in compensazione (ad esempio, entro un anno oppure in 5 o 10 quote annuali), senza possibilità di riportare a nuovo, né chiedere a rimborso, la quota parte non compensata nell’anno di riferimento per motivi di incapienza. Queste misure, sottolinea la nota, hanno di fatto ampliato il perimetro dei crediti d’imposta acquistabili dagli operatori, per i quali sono attualmente previste differenti modalità di utilizzo, che vanno dalla compensazione, alla cedibilità e in alcuni casi anche alla possibilità di richiedere il rimborso all’Erario.

 

 

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Pianificazione FiscaleItaliaImprese
ALTRI ARTICOLI SU "Pianificazione Fiscale"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"
ALTRI ARTICOLI SU "Imprese"