PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Emergenza covid: conseguenze e protezione offerta dal trust

Emergenza covid: conseguenze e protezione offerta dal trust

Salva
Salva
Condividi
Barbara Demergazzi
Barbara Demergazzi

11 Giugno 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

L’emergenza covid e le apprensioni che ne derivano generano molteplici dubbi e insicurezze. In questo contesto di crisi, occorre reagire e mettere in atto una seria strategia di pianificazione, tesa a salvaguardare il futuro delle imprese, delle famiglie e dei loro risparmi. In aiuto arriva il trust

Citando il celebre romanzo “La peste” di Albert Camus “nel mondo ci sono state, in egual numero, pestilenze e guerre; e tuttavia pestilenze e guerre colgono gli uomini sempre impreparati”. Una percezione che trova conferma anche oggi, con milioni di persone colte decisamente impreparate dalla pandemia di coronavirus e dall’emergenza covid.

Le ripercussioni e gli effetti del diffondersi del virus sono stati gravi sia per la salute che per l’economia e tuttora generano timori e incertezze per il futuro, stimolando l’esigenza di correre ai ripari.

Già dallo scorso mese di marzo i consigli degli ordini dei notai stimavano un significativo aumento dei testamenti, cui gli italiani, contrariamente ai cittadini di altri Stati, non fanno spesso ricorso. Sono inoltre aumentate le donazioni, anche della nuda proprietà di immobili o di aziende.

Le persone si interrogano sul futuro dei propri investimenti, sull’evoluzione dei mercati, sulle conseguenze di un possibile indebitamento, o ancora sulle esigenze attuali e future della propria famiglia e sulla sorte di soggetti che, a vario titolo, sono vulnerabili.

Testamenti, donazioni e trasferimenti di residenza in periferia o all’estero sono le prime, istintive, risposte a diverse preoccupazioni. Se, tuttavia, se ci si concentra sulla complessità di scenari che il virus ha disegnato è d’obbligo domandarsi se questi rimedi siano sufficienti o se esistano soluzioni più idonee a pianificare al meglio il proprio futuro.

Uno degli strumenti giuridici più flessibili e atti a conseguire più obiettivi contemporaneamente è rappresentato dal trust. L’utilizzo di questo strumento, al pari di altri, ha conosciuto un incrementato in concomitanza con la pandemia. Al trust tuttavia fanno ricorso anche le generazioni più giovani, che normalmente non pensano al testamento, ma desiderano ugualmente pianificare la successione del proprio patrimonio con l’obiettivo di affrontare le sfide in divenire con maggior serenità.

Tramite il trust, ad esempio, è possibile pianificare il futuro dell’impresa familiare, garantendo un passaggio generazionale privo di conflitti e in esenzione da imposte. Un trust con le dovute caratteristiche può infatti godere di tutte le agevolazioni del patto di famiglia,senza patirne le limitazioni.

È anche possibile separare la nuda proprietà e l’usufrutto di un bene immobile o di una partecipazione, permettendo al disponente di godere liberamente dei frutti del bene e di decidere come dovrà essere gestita la piena proprietà, in favore di generazioni future.

L’istituzione di un trust può anche essere attuata in combinazione con il testamento, o con una donazione ed anche con lo spostamento di residenza. Lo spossessamento che ne consegue, infatti, non solo permette di usufruire delle attuali, vantaggiose, aliquote e franchigie previste dal Testo unico sulle successioni e donazioni n. 346 del 1990, ma può agevolare chi istituisce il trust nella decisione di trasferirsi. In presenza di determinati presupposti, infatti, la parte di beni precedentemente vincolati in trust non viene inclusa nel calcolo totale del patrimonio personale, con un conseguente alleggerimento del carico fiscale generale del contribuente.

Grande fermento si nota infine nel settore dei trust filantropici. Quelli già esistenti si sono attivati per contribuire e sostenere l’economia, le istituzioni e le persone in difficoltà a causa del virus. Altri sono nati con simili finalità. Più flessibile delle fondazioni, grazie anche alla possibilità di conseguire obiettivi misti di scopo e per beneficiari, il trust permette infatti di avviare attività filantropiche in modo snello e, nel contempo, con le dovute garanzie di professionalità e controllo.

Sono molti, insomma, i vantaggi e le opportunità che un trust può offrire, sia nell’immediato che a lungo termine, in un’ottica di protezione e prevenzione.

Se c’è qualcosa infatti che la pandemia può insegnarci è che non basta parlare e preoccuparsi per il futuro, ma occorre agire e minimizzare i danni, per non trovarsi nuovamente impreparati e rendersi conto, troppo tardi, che si sarebbe potuto fare di più.

 

A cura di Barbara Demergazzi, Tep, lawyer, head legal and compliance at Capital Trustees

Barbara Demergazzi
Barbara Demergazzi
Avvocato e responsabile legal & compliance presso la trust company professionale Capital Trustees AG (Svizzera), è esperta nella protezione e trasmissione di patrimoni familiari e nella prevenzione di rischi legali e reputazionali. In seno a Step riveste la qualifica di Trust and estate practitioner (Tep) ed è altresì membro del Groupement des compliance officers de Suisse Romande et du Tessin (Gco).
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Pianificazione FiscaleTrust