PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Agevolazione 1°casa: ok anche per italiani all’estero

Agevolazione 1°casa: ok anche per italiani all’estero

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

11 Settembre 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Il caso in esame vede un cittadino italiano che per motivi di lavoro deve continuare a rimanere all’estero

  • Il soggetto ha però comprato casa in Italia e chiede se può godere delle agevolazioni fiscali sulla prima casa anche nelle sue condizioni

Un contribuente italiano (iscritto all’Aire) può mantenere le agevolazioni fiscali previste per la prima casa se entro 18 mesi, dall’acquisto dell’immobile, dichiara con un atto integrativo che al momento della firma del contratto era un cittadino italiano emigrato all’estero

Sì all’agevolazione prima casa anche se l’acquirente è un italiano residente all’estero. Con la risposta n.333 del 10 settembre 2020 l’Agenzia delle entrate ha dunque chiarito come un contribuente italiano (iscritto all’Aire) può mantenere le agevolazioni fiscali previste per la prima casa se entro 18 mesi dall’acquisto dell’immobile dichiara con un atto integrativo che al momento della firma del contratto era un cittadino italiano emigrato all’estero.

Il caso

Un contribuente italiano, iscritto all’Aire ha stipulato il 14 febbraio 2019, un atto di compravendita di un immobile in un comune italiano. Su questo immobile ha usufruito i benefici fiscali di prima casa. E dunque entro 18 mesi avrebbe trasferito la propria residenza nel comune in cui si trova l’immobile, ma a causa di impegni lavorativi è costretto a rimanere all’estero rimandando il suo trasferimento.

L’agevolazione prima casa

Le agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa prevedono un’ imposta di registro nella misura del 2% e le imposte ipotecaria e catastale pari a 50 euro ciascuna.

Queste spettano però all’acquirente che si stabilisce nel luogo in cui ha comprato l’immobile, entro 18 mesi dall’acquisto. Ovvero, nel caso in cui l’acquirente sia cittadino italiano emigrato all’estero, che l’immobile sia acquistato come prima casa sul territorio italiano. La dichiarazione di voler stabilire la residenza nel comune ove è ubicato l’immobile acquistato deve essere resa, a pena di decadenza, dall’acquirente nell’atto di acquisto”  (Tur)

Risposta

L’Agenzia delle entrate richiama la circolare n 19/2001 dove chiarisce come il contribuente italiano all’estero, può acquistare una casa e godere del regime fiscale agevolato, purché l’immobile sia la prima casa sul territorio nazionale. Inoltre la  circolare n. 38/2005 ha chiarito che la condizione di emigrato all’estero non deve necessariamente essere documentata con un certificato di iscrizione all’Aire, ma può essere autocertificata con una dichiarazione resa nell’atto di acquisto.

E dunque l’Amministrazione fiscale risponde che nonostante non abbia dichiarato di essere iscritto all’Aire può continuare a godere dell’agevolazione per la prima casa, purché dichiari, con un atto integrativo, che al momento della firma del contratto era un cittadino italiano emigrato all’estero, iscritto all’Aire. In questo modo andrebbe a rettificare quanto in precedenza. L’atto va presentato allo stesso ufficio in cui è stato redato quello originale ed entro 18 mesi da quando è stato acquistato l’immobile.

Conclusione

Il contribuente in questione può quindi continuare a godere dei benefici fiscali della prima casa anche se momentaneamente risulta essere ancora all’estero

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Pianificazione FiscaleItalia