PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

La divisione ereditaria dell’azienda di famiglia

La divisione ereditaria dell’azienda di famiglia

Salva
Salva
Condividi
Angelo Ginex
Angelo Ginex

27 Gennaio 2021
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Il trasferimento mortis causa dell’azienda di famiglia configura una comunione ereditaria, in quanto i partecipanti, indipendentemente dalla propria volontà, diventano titolari di una quota ideale del bene comune caduto in successione

Nel caso in cui, a seguito della morte del de cuius, cada in successione anche, o solo, l’azienda di famiglia o la cosiddetta ditta individuale, si configura una comunione ereditaria. In questo caso, il diritto di proprietà, così come previsto dall’art. 1100 del codice civile, spetta in comune a più persone, sicché ognuna di esse è titolare di una quota ideale.

Salvo diversa pattuizione, ex art. 1101 del codice civile le quote dei partecipanti alla comunione si presumono uguali, per cui le facoltà di godimento e disposizione della cosa comune spettanti a ciascun comproprietario vengono inevitabilmente ridotte in ragione del diritto degli altri partecipanti alla comunione.

Ai sensi dell’art. 3, co. 4-ter, d.lgs. 346/1990, i trasferimenti d’azienda o di rami di esse non sono soggetti all’imposta sulle successioni qualora il destinatario del trasferimento sia un discendente o il coniuge del de cuius e i beneficiari del trasferimento proseguano l’esercizio dell’impresa per un periodo non inferiore a 5 anni dalla data del trasferimento.

Nel caso in cui le condizioni sopra citate non sussistano, invece, è necessario determinare il valore complessivo netto dei beni trasferiti a ogni singolo beneficiario, al fine di liquidare l’imposta sulle successioni.

A tal fine, è necessario definire il valore complessivo dei beni trasferiti dal defunto in virtù di quanto disposto dagli artt. 14-19 D.lgs. 346/1990; al cosiddetto attivo ereditario devono essere poi sottratte le passività deducibili e gli oneri da cui l’eredità sia gravata, diversi da quelli indicati dall’art. 46, co. 3, d.lgs. 346/1990; il valore così ottenuto deve essere suddiviso nelle singole quote.

Il valore dell’azienda deve essere determinato sulla base di quanto stabilito dall’art. 15, co. 1, d.Lgs. 346/1990, e quindi a seconda che l’imprenditore sia o meno obbligato alla tenuta dell’inventario ex art. 2214 del codice civile.

È possibile ottenere lo scioglimento della comunione ereditaria, ponendo così fine alla situazione di comproprietà, mediante la divisione, la quale fa sì che ciascun partecipante alla comunione ottenga la titolarità esclusiva della propria quota ideale del bene che era comune.

Ai sensi degli artt. 713 e seguenti del codice civile, il patrimonio ereditario può essere diviso mediante divisione amichevole, se fatta con il consenso di tutti i coeredi; divisione giudiziale, se vi è disaccordo fra gli stessi e interviene il giudice; divisione fatta dal testatore.

Per quanto concerne la forma, ex art. 1350. è richiesta la forma scritta ad substantiam se l’atto di divisione ha a oggetto beni immobili.

Ai fini della determinazione dell’imposta di registro, occorre verificare se la divisione comporti l’assegnazione ai condividenti di beni per un valore pari (quota di fatto uguale a quota di diritto) o superiore (quota di fatto maggiore della quota di diritto) a quello loro spettante di diritto.

Nel caso di assegnazione proporzionale, la divisione ha natura meramente dichiarativa e si applica l’imposta proporzionale di registro con aliquota dell’1% ex art. 3 della Tariffa, parte I, allegata al dpr 131/1986.

Qualora si abbia un’assegnazione non proporzionale, invece, oltre all’imposta di registro dell’1%, la divisione deve essere assoggettata a imposta come se si trattasse di una vendita limitatamente all’eccedenza della quota di fatto attribuita a un condividente rispetto alla quota a egli spettante di diritto.

Da ultimo, assumono rilevanza, ai fini dell’applicazione dell’imposta di registro come se si trattasse di una vendita, solo i conguagli superiori al 5% del valore della quota di diritto.

Angelo Ginex
Angelo Ginex
Founder e managing partner di Ginex & Partners Studio Legale Tributario. Svolge la professione di avvocato ed è dottore di ricerca in diritto tributario. Vanta significative expertise in materia di diritto tributario, diritto d’impresa e pianificazione e protezione patrimoniale. Partecipa in qualità di docente a master e seminari organizzati dalle principali scuole di formazione presenti in Italia.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Passaggio Generazionale