PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

La disposizione testamentaria di diseredazione

La disposizione testamentaria di diseredazione

Salva
Salva
Condividi
MariaPaola Serra
MariaPaola Serra

25 Giugno 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Un’unica disposizione testamentaria: la diseredazione. Ma applicata a tre casi completamente diversi. Ecco le diverse soluzioni giuridiche

Mario, nel suo testamento, afferma di voler diseredare la moglie Agata. Le disposizioni testamentarie di Matilde includono la diseredazione del padre Tullio. Francesca, nell’atto in cui dichiara le sue ultime volontà, sancisce che nulla del suo patrimonio dovrà andare al fratello Callisto. Il contenuto della disposizione testamentaria è il medesimo (la diseredazione) ma la soluzione giuridica per i tre casi è diversa.

La clausola di diseredazione è la disposizione testamentaria, a contenuto negativo, con cui il testatore esclude dalla propria successione un determinato soggetto che, invece, è designato quale erede dalla legge.

La prima verifica che occorre fare quando si affronta la tematica della diseredazione in Italia è se la disposizione testamentaria che la contiene riguarda – oppure no – i legittimari, ovverosia i più stretti congiunti del defunto a cui spetta inderogabilmente una quota del patrimonio ereditario dello stesso (la cosiddetta quota legittima o riserva) e che sono identificati nel coniuge (o nella persona unita civilmente), nei figli e, ove al de cuius non sopravvivano figli né discendenti, anche negli ascendenti  di quest’ultimo.

Il diritto alla legittima riconosciuto a tali soggetti (definiti anche “eredi necessari”) è intangibile, non potendo il testatore comprometterlo con la sua volontà contraria. Pertanto, la diseredazione di un legittimario non è ammissibile nell’ordinamento giuridico italiano (è il caso di Mario e Agata), discutendosi al riguardo se la relativa disposizione testamentaria debba essere considerata nulla per contrarietà a norme imperative – in quanto confliggente sia con l’art. 549 c.c. che sancisce il divieto per il testatore di imporre pesi o condizioni sulla quota dei legittimari, sia con l’art. 457 co. 3 c.c. per il quale le disposizioni testamentarie non possono pregiudicare i diritti che la legge riserva ai legittimari – ovvero valida ma impugnabile dal legittimario con l’azione di riduzione nei confronti degli eredi testamentari o, in loro assenza, dei successibili per legge del defunto. Stando così le cose, potrebbe essere tuttavia consentita la disposizione testamentaria con cui il testatore esclude il legittimario dalla quota disponibile (ossia, la quota del patrimonio del testatore di cui questi può disporre liberamente), impedendogli di ottenere più di quanto gli spetti per legge quale quota di riserva.

L’unica fattispecie di diseredazione di un (potenziale) legittimario ammessa è quella disciplinata dall’art. 448 bis c.c. che statuisce, tra l’altro, che il figlio – ovviamente maggiorenne per avere capacità di testare e privo di discendenti perché altrimenti il suo genitore non potrebbe essere qualificato come legittimario – possa escludere dalla propria successione il genitore stesso (è il caso di Matilde e Tullio) nei confronti del quale è stata pronunciata la decadenza dalla responsabilità genitoriale ma soltanto per i fatti che non integrano i casi di indegnità a succedere di cui all’art. 463 c.c. e che, nella sostanza, si riducono alle sole ipotesi di sentenza di condanna del genitore all’ergastolo o per il reato di mutilazione degli organi genitali femminili.

Pacificamente ammessa è invece la disposizione testamentaria di diseredazione di un successibile non legittimario (è il caso di Francesca e Callisto), anche quando costituisca l’unico contenuto dell’atto di ultima volontà. Essa, infatti, ha come effetto quello di circoscrivere la successione ai soli successibili non diseredati, sostanziandosi in una disposizione mortis causa di carattere patrimoniale (ancorché volta a escludere dalla successione un erede, piuttosto che ad istituirlo e attribuire allo stesso una quota del patrimonio) non lesiva dei diritti riconosciuti dalla legge agli eredi necessari. Laddove tale disposizione di diseredazione sia contenuta in un testamento che includa anche disposizioni istitutive di eredi (finalizzate, quindi ad attribuire beni ad altri soggetti), servirà per il mero compiacimento del testatore, non andando a incidere sul contenuto attributivo del testamento; viceversa, ove essa sia l’unica disposizione del testamento, il contenuto di quest’ultimo sarà integrato con le regole della successione legale a vantaggio degli eredi legittimi, ma con l’estromissione di quelli diseredati.

MariaPaola Serra
MariaPaola Serra
MariaPaola Serra è managing counsel dello studio legale e tributario Dentons, nella sede di Milano. Segue high net worth individuals italiani e stranieri in progetti di allocazione, segregazione e riassetto patrimoniale e nella relativa implementazione; presta assistenza legale in materia di pianificazione successoria domestica e internazionale e si occupa di passaggi generazionali all’interno di imprese di famiglia.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Passaggio Generazionale