PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Il private wealth management negli ordinamenti stranieri: le Spf

Il private wealth management negli ordinamenti stranieri: le Spf

Salva
Salva
Condividi
MariaPaola Serra
MariaPaola Serra

29 Aprile 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Tra i paesi del centro Europa che si distinguono per una radicata cultura del private wealth management c’è il Granducato del Lussemburgo, che offre agli Hnwi il peculiare strumento delle società di gestione del patrimonio familiare (Spf)

La société de gestion de patrimoine familial (Spf) del Lussemburgo, istituita con legge dell’11 maggio 2007, è un veicolo di investimento passivo rivolto prevalentemente a privati che – singolarmente o in gruppo – intendano amministrare i propri asset finanziari attraverso un’entità giuridica a cui è riconosciuto, nel paese di costituzione, un particolare regime fiscale di favore.

La Spf non è una forma societaria a sé stante, ma una qualifica che viene riconosciuta a determinate tipologie di società (Sa, Sàrl, Sca, CoopSa.), le quali semplicemente aggiungono il termine “Spf” o “société de gestion de patrimoine familial” alla loro denominazione e il cui statuto deve essere adeguato alle prescrizioni della normativa di settore.

Mentre il capitale resta quello prescritto per legge per ciascun tipo societario, del tutto specifico è invece l’oggetto sociale, che deve consistere in via esclusiva nell’acquisizione, detenzione e gestione di attività finanziarie (azioni, obbligazioni, warrants, opzioni, etc.), di liquidità o di ogni altro asset (es. metalli preziosi) detenuto su un conto aperto presso fornitori di servizi finanziari professionali.

Una Spf non può tuttavia gestire attivamente le società di cui detenga le partecipazioni, avendo soltanto facoltà di esercitare i diritti di voto connessi a tali partecipazioni e di beneficiare dei diritti economici dalle medesime rinvenienti – né può esercitare attività commerciale (es. commercializzazione di assetfinanziari, prestazione di servizi finanziari, etc). Le è inoltre vietato di concedere finanziamenti fruttiferi (anche alle consociate), di offrire al pubblico le azioni da essa emesse, di detenere immobili, licenze o brevetti.

Possono essere soci di una Spf soltanto i cosiddetti “investitori idonei” ovverosia (i) persone fisiche agenti nel quadro della gestione della propria ricchezza privata; (ii) entità di “private wealth” il cui scopo sia la gestione della ricchezza privata di persone fisiche (es. trust, fondazioni, etc.) ma che non siano comunque impegnate in attività economiche o commerciali; (iii) intermediari che detengano le partecipazioni della Spf per conto di “investitori idonei” (per esempio sulla base di accordi fiduciari).

La Spf è vigilata dall’Administration de l’enregistrement et des domaines(l’autorità per le imposte indirette) che ha il potere di revocare le agevolazioni fiscali riconosciute alla stessa per legge ove quest’ultima non abbia adempiuto agli obblighi normativi a essa imposti ovvero abbia perduto i requisiti richiesti per l’ottenimento della qualifica.

Va da sé che l’impiego della Spf – così come di ogni altro strumento di pianificazione patrimoniale transnazionale – deve essere oggetto di un’attenta valutazione alla luce della posizione soggettiva di ciascun investitore e del contesto di riferimento, anche al fine di assicurare che lo strumento sia legittimamente impiegato in accordo con le normative e le linee guida internazionali di contrasto all’evasione e all’elusione fiscale e che lo stesso non si inserisca in strategie di pianificazione fiscale aggressiva. A tal fine, in Italia, assume sicuramente un ruolo chiave lo strumento dell’interpello, attraverso il quale ciascun contribuente può sottoporre, in via preventiva, il proprio caso specifico al vaglio dell’Amministrazione fiscale. Andranno inoltre verificati caso per caso i presupposti, qualora esistenti, per l’applicabilità della direttiva n. 2018/822/Ue (Dac6) in tema di scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale relativamente ai meccanismi transfrontalieri soggetti all’obbligo di notifica, il cui schema di decreto legislativo di attuazione è correntemente al vaglio del parlamento italiano.

MariaPaola Serra
MariaPaola Serra
MariaPaola Serra è managing counsel dello studio legale e tributario Dentons, nella sede di Milano. Segue high net worth individuals italiani e stranieri in progetti di allocazione, segregazione e riassetto patrimoniale e nella relativa implementazione; presta assistenza legale in materia di pianificazione successoria domestica e internazionale e si occupa di passaggi generazionali all’interno di imprese di famiglia.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo