PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Golden visa: ecco i maggiori esponenti

Golden visa: ecco i maggiori esponenti

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

02 Settembre 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • I golden visa permettono di ottenere un passaporto, tipicamente di un paese appartenente all’Ue, in cambio di un investimento nell’economia reale abbastanza cospicuo

  • Secondo i dati raccolti da Aston, società che offre soluzioni su misura per la riallocazioni di investimenti e per la residenza nel Regno Unito, nell’Ue e nei Caraibi, il paese che offre un accesso a un numero maggiore di paesi e l’Austria

Ci sono alcuni paesi che vendono la propria cittadinanza in cambio di investimenti nell’economia locale. In alcuni casi si parla di un contributo elevato, altre volte no. Ciò che fa la differenza è anche la tempistica

Un passaporto che vale per 187 paesi. Fantascienza? No, è realtà. I golden visa permettono infatti di ottenere la cittadinanza tipicamente di un paese appartenente all’Ue, in cambio di investimenti nell’economia reale abbastanza cospicui. In cambio il soggetto avrà non solo il passaporto di un singolo paese, ma anche le porte aperte verso altre nazioni dove intraprendere investimenti e quant’altro.

Secondo i dati raccolti da Aston, società che offre soluzioni su misura per la riallocazioni di investimenti e per la residenza nel Regno Unito, nell’Ue e nei Caraibi, il paese che offre un accesso ad un numero maggiore di località e l’Austria. Con un investimento di 2.704.787 sterline in 2-3 anni si otterrà la cittadinanza austriaca e si potranno iniziare a fare investimenti e altre attività economiche in ben 187 paesi.

Al secondo posto c’è Malta che con un contributo nell’economia reale di solo un milione e un tempo di 14 mesi dà il via libera in altri 184 paesi. Medaglia di bronzo invece per Cipro che con  quasi 2 milioni di investimenti nell’economia locale, e 6 mesi  di tempo per concede la propria cittadinanza, dà accesso a ben 174 paesi diversi. Da ricordare come questi ultime due giurisdizioni sono finite sotto indagine proprio dalla stessa Commissione europea per la vendita dei visti d’oro a soggetti russi non proprio raccomandabili. Si sospettava che avessero usato il mercato Ue per riciclare del denaro. Operazione possibile dato che una volta ottenuto il passaporto maltese o cipriota si ha accesso a diversi paesi dell’Ue con la possibilità di fare investimenti quasi ovunque.

In questa pratica sono inoltre coinvolti anche altri paesi europei.  Tra questi troviamo la Bulgaria che chiede un investimento nell’economia locale abbastanza modesto, se confrontato con i primi della lista,  pari a 461.617 sterline con un accesso a 171 paesi diversi.

L’Italia con 225.399 sterline, dà accesso a soli 26 paesi e prima di ottenere la cittadinanza devono passare 10 anni. La Grecia richiede lo stesso contributo nostro ma i tempi per avere la cittadinanza e dunque l’accesso ad altri 26 paesi è di soli 2 mesi. Anche ilPortogallo gioca sulle tempistiche. E infatti in soli 3 mesi e con un contributo di 252.447 sterline si ottiene il via libera. Stessa cosa la Spagna;2 mesi e 450.798 sterline  per avere un passaporto spagnolo e l’accesso a 26 paesi. E infine ci sono altri due paesi: Irlanda e Monaco. Per il primo ci vogliono 450.798 sterline, 2 mesi per il rilascio del documento e un solo paese a cui poter accedere. Monaco richiede invece un milioni di sterline, 2 mesi di approvazione e soli 4 paesi in cui poter far valere le propria cittadinanza. Da sottolineare che stiamo parlando di due giurisdizioni che sono considerate dei paesi a fiscalità privilegiata. E dunque anche prima della nascita del commercio dei golden visa, i paperoni di tutto il mondo richiedevano la cittadinanza in questi luoghi per motivi prettamente fiscali.

Spostando il focus fuori dall’Ue ci sono anche altri paesi che vendono i loro passaporti in cambio di investimenti. E dunque nel Mare dei Caraibi troviamo Saint Kitts & Nevis che in 45-60 giorni con un contributo di 114.227 sterline garantisce l’accesso al suo passaporto e ad altri 156 paesi diversi. Antigua e Barbuda in 3-6 mesi con un investimento di 76.152 sterline fa ottenere non solo la propria cittadinanza ma anche il via libera ad altri 151 località. Ma non finisce qua, perché anche Santa Lucia in 3-4 mesi rende possibile la cittadinanza. Stesso tempo se lo si richiede a Grenada. In entrambe le giurisdizioni i paesi danno accesso ad altri 140 stati. E infine c’è un luogo che richiede soltanto un mese e da accesso a ben 130 paesi. Parliamo di Vanuatu che richiede per ottenere la sua cittadinanza 98.997 sterline.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Fiscalità InternazionaleEuropa