PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Agenzia delle entrate: attenzione alle attività finanziarie all’estero

Agenzia delle entrate: attenzione alle attività finanziarie all’estero

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

20 Aprile 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Se si è rientrati sotto lo scudo fiscale concesso in seguito allo scandalo della lista Falciani, l’Agenzia delle entrate può contestare l’omessa dichiarazioni di attività finanziarie non dichiarate

  • Se si vuole smentire l’Agenzia delle entrate l’onere della prova spetta al cittadino che dovrà dimostrare con documenti gli errori o gli eventuali calcoli sbagliati fatti

L’onere della prova spetta al contribuente. L’Agenzia delle entrate può fondare la propria richiesta anche su un unico indizio se questo risulta essere grave e preciso

La lista Falciani continua a macinare vittime fiscali. La Corte di Cassazione con la sentenza n.4984 ha infatti deciso che è legittimo l’accertamento a carico del contribuente che non è in grado di giustificare la differenza tra il denaro depositato all’estero (ed emerso dalla lista Falciani) e lo scudo fiscale con i quali i soldi sono rientrati in Italia.

Ma analizziamo il caso che ha portato a questa decisione da parte della Corte.
L’Agenzia delle entrate ha inviato un atto di contestazione ad un contribuente dato che nel quadro RW del 730 non aveva indicato le attività estere in suo possesso (attività finanziarie in Svizzera per oltre due milioni di euro. Dato emerso dalla lista Falciani). Il contribuente si è opposto a tale atto da parte del fisco perché le suddette attività facevano parte delle procedure di rientro dei capitali (scudo fiscale). E in una prima sede di appello il ricorso è stato accolto dando ragione al contribuente. L’Agenzia delle entrate ha però ricorso e la Cassazione ha ricordato come l’Amministrazione finanziaria può fondare la propria richiesta anche su un unico indizio se questo risulta essere grave e preciso. La lista Falciani, per l’importanza che ha ricoperto a livello internazionale, rappresenta un indizio sufficiente a giustificare le indagini fiscali ulteriori. E dunque l’onere della prova spetta al contribuente che in questo caso doveva dimostrare l’incoerenza della richiesta da parte dell’Agenzia delle entrate.

Questo significa che il contribuente avrebbe dovuto portare atti che dimostrano la sua innocenza o i presunti errori di calcolo fatti dall’Agenzia.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo